Nella casa recensione film

François Ozon costruisce una commedia spiritosa e intelligente, dai risvolti dark, adattando la commedia teatrale El chico de la última fila, e intitolandola Nella casa, il luogo centrale di tutti gli avvenimenti. Ozon si concentra ancora una volta sulle dinamiche familiari e sul rapporto tra realtà e finzione, da sempre temi attraenti per il regista francese, proponendo un lavoro già vincitore di alcuni premi internazionali.

In Nella casa Germain (Fabrice Luchini) è un professore di letteratura francese, estremamente competente, che ha dovuto abbandonare il sogno giovanile di diventare un grande scrittore, come il suo amato Flaubert, per mancanza di talento. La moglie Jeanne (Kristin Scott Thomas) gestisce invece una galleria d’arte moderna, sull’orlo del fallimento. In una scuola in cui è stata reintrodotta la divisa, in cui tutti gli alunni sembrano, agli occhi di Germain, un unico grande gregge di mediocrità, il sedicenne Claude (Ernst Umhauer), catturerà l’attenzione del docente attraverso un suo tema, dedicato alla casa e alla famiglia del compagno di classe Rapha (Bastien Ughetto), concluso con un insolito “continua…”.  Germain, accortosi delle doti di Claude, spronerà l’alunno a continuare il suo racconto, introducendosi sempre più nella casa e familiarizzando con i personaggi. L’insinuarsi nella famiglia scatenerà, però, una serie di eventi imprevisti, trascinando Germain in un gioco dagli sviluppi inquietanti, affinchè la storia possa continuare.

Nella casa: macchinazioni e intrighi

Tutto ruota attorno al rapporto tra Germain e Claude, i due protagonisti, professore e allievo. Un rapporto di vicendevole crescita, presentataci da punti di vista oscillanti, che analizza il percorso creativo dell’artista, quel binomio tra editore e scrittore, produttore e regista, ognuno con la propria influenza sul prodotto finale del processo artistico. La ricerca dell’ispirazione sempre più spinta, in un gioco di macchinazioni e intrighi, in cui realtà e fantasia, nettamente distinte ad inizio film, iniziano a mescolarsi, senza però sfociare in incomprensibili dilemmi, come visto in altri film. Il giovane Claude s’immerge all’interno della propria storia, empatizzando con i personaggi, costruendoli volta per volta attraverso le proprie azioni nella vita reale, pur di dare un prosieguo convincente alla narrazione e rendere interessante ognuno dei protagonisti. Così anche lo stesso Claude diventa un personaggio fondamentale, e il suo rapporto d’attrazione con la padrona di casa Esther (Emmanuel Seigner) sarà il fulcro degli eventi, quel conflitto di cui ogni romanzo ha bisogno. François Ozon conferma quella sua peculiare abilità di trasformare situazioni apparentemente banali e di normale intimità familiare, per renderle centro delle sue storie, facendo emergere aspetti inattesi. Una commedia dal sapore di un thriller, con un bilanciamento perfetto d’intrattenimento e suspense, tra dialoghi taglienti e ironici, capaci di strappare al pubblico più di una risata, alternati con momenti di pura tensione, in attesa degli avvenimenti che potrebbero scatenarsi.

Nella casa si rivela un film ironico e accattivante, dal ritmo ben scandito, che conduce lo spettatore verso un incantevole finale, attraverso una mescolanza di generi sapientemente amalgamati in un prodotto davvero riuscito e privo di difetti evidenti.