HomeTutto FilmRecensioniThe Wholly Family di Terry Gilliam

The Wholly Family di Terry Gilliam

-

Una trafficata San Gregorio Armeno ci accaglie in The Wholly Family, cortometraggio scritto e diretto da Terry Gilliam, che vede protagonisti l’italiana Cristiana Capotondi e il piccolo Nicolas Connolly, per la prima volta sullo schermo. Il bambino è affascinato dalla statuette portafortuna di Pulcinella, che nella strada dei pastori napoletani per eccellenza, campeggiano su ogni bancarella. I genitori però non esaudiscono il desiderio del bambino di averne una, e così lui la ruba, scatenando incubi e conseguenze che non avrebbe mai osato immaginare.

Divertente e inquietante, a tratti davvero spaventoso, The Wholly Family, o meglio The (W)Hol(L)y Family dispiega tutta la poetica del caos e del disordine che si fondono con le fiabe macabre che Gilliam ama tanto raccontare. Già presagita nel personaggio di Tony del Dott. Parnassus, il pupazzo Pulcinella assume in questo corto il fondamentale ruolo di giullare che guida il piccolo protagonista in una Napoli fatta di grotte e case galleggianti, con l’inconfondibile stile del regista di Brazil.

The Wholly Family

Terry Gilliam trova in Napoli un suo perfetto corrispettivo, dando il colore e la confusione del capoluogo partenopeo al suo stesso cinema che in essi si ritrova. Al centro della vicenda produttiva di questo bel cortometraggio c’è il pastificio Garofalo, impegnato in un bel progetto di product placement.

Chiara Guida
Chiara Guida
Laureata in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è una gionalista e si occupa di critica cinematografica. Co-fondatrice di Cinefilos.it, lavora come direttore della testata da quando è stata fondata, nel 2010. Dal 2017, data di pubblicazione del suo primo libro, è autrice di saggi critici sul cinema, attività che coniuga al lavoro al giornale.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

- Pubblicità -