Venerdì 15 – 21 Jump Street: Schmidt e Jenko sono stati nemici al liceo per poi diventare amici improbabili all’Accademia di Polizia. Anche se non si possono certo definire i poliziotti migliori del mondo, ai due viene offerta la possibilita` di ribaltare la situazione quando entrano a far parte dell’unita` segreta delle forze di polizia Jump Street, diretta dal Capitano Dickson (Ice Cube). Restituiscono pistole e distintivo ed armati di uno zaino sfruttano il loro aspetto giovanile per lavorare sotto copertura in un liceo. Il problema e` che gli adolescenti di oggi non hanno nulla a che vedere con quelli di qualche anno fa, come erano loro, e Schmidt e Jenko scoprono che quello che pensavano sul mondo degli adolescenti, dal sesso alla droga al rock and roll, e` tutto sbagliato. Ma soprattutto si accorgono che tutti e due stanno ancora totalmente dentro ai problemi dell’adolescenza che non hanno risolto in quegli anni – ed entrambi devono confrontarsi con le paure e l’ansia di essere nuovamente adolescenti e con tutte le questioni che pensavano di essersi lasciati alle spalle.

 

Le paludi della morte – Texas Killing Fields: Ispirato a eventi reali, questo thriller intenso e inquietante racconta la storia del detective Mike Souder, agente della Omicidi in una cittadina texana, e del suo partner, Heigh, un poliziotto appena arrivato da New York, alle prese con un serial killer che getta i corpi delle sue vittime in un’area paludosa chiamata “Killing Fields”. Nonostante la scena del crimine sia fuori dalla loro giurisdizione il detective Heigh si sente in dovere di indagare su questi terribili omicidi. L’assassino intanto cambia le “regole del gioco”, stuzzicando i due detective e lasciando una serie di indizi sulla scena del crimine. Quando scompare una ragazzina del posto, Anne, i due detective iniziano una lotta contro il tempo per trovare l’assassino e salvarle la vita.

Adorabili amiche: Nelly è un’insegnante di belle speranze e poche pretese, Gabrielle è una borghese piena di soldi e senza compagno e Chantal fa la promoter in un supermercato, ama i cani e odia il marito. Le tre cinquantenni hanno in comune Philippe, un vecchio amore in procinto di sposarsi con una sconosciuta; un uomo che, per eccessivo narcisismo e stucchevole galanteria, ha deciso di invitare tutte e tre al suo pomposo matrimonio. Superate le prime titubanze, Nelly, Gabrielle e Chantal decidono di partecipare alla cerimonia…

Il dittatore: Dopo Borat e Bruno, il regista Larry Charles dirige Sacha Baron Cohen nel film The Dictator. La pellicola racconta due storie parallele, del pastore di un gregge di capre e di un ex dittatore straniero che si perde negli Stati Uniti. Una parodia, se non pure sfottò, verso i dittatori mediorientali.

Benvenuto a bordo: Isabelle, la responsabile delle risorse umane di una compagnia di crociere ha commesso il grave errore di avere una relazione con il suo capo. Ma prima di intraprendere la crociera inaugurale della nave ammiraglia della compagnia, il suo capo decide di rompere con lei e di licenziarla. Per vendicarsi, alcune donne scelgono il veleno, altre le armi o lo scandalo. Ma Isabelle sceglie Rémy, un vero disastro di uomo, un disoccupato esuberante che, avendo sbagliato tutto sulla terra ferma, pensa di avere più possibilità in mare aperto. Lei lo assume come animatore. Su quel magnifico palazzo galleggiante, Rémy si rivela subito come il peggior incubo dell’amministratore delegato, ma anche di Richard, il direttore della crociera.

Paura 3D: Ci sono occasioni nella vita che sarebbe meglio non cogliere. Marco, Simone e Ale sono amici da un sacco di tempo, vivono tutti in un quartiere nella periferia di Roma dove non succede mai niente. I ragazzi si ritrovano in mano le chiavi di una bellissima villa fuori città. E’ la villa del Marchese Lanzi, che sarà via per tutto il fine settimana. Il Marchese è un tipo strano, un ricchissimo collezionista d’auto d’epoca, cliente dell’officina dove lavora Ale. I tre ragazzi non resistono e si tuffano senza limiti nel lusso della villa. Ma c’è un’unica cosa che non dovrebbero fare: andare in cantina…

C’era una volta in Anatolia: Tre auto viaggiano nella notte nella provincia dell’Anatolia. Cercano qualcosa nell’oscurità: ogni collina, ogni albero potrebbero essere il luogo giusto. Sono un commissario con i suoi poliziotti, un procuratore e un medico, conducono il sospettato di un crimine alla ricerca del luogo dove avrebbe sepolto il cadavere. Vagano senza risultati, si fermano a mangiare dal sindaco di un paesino, poi riprendono la ricerca. All’alba trovano il corpo, lo caricano in auto e lo trasportano nella cittadina per farlo riconoscere dalla moglie ed eseguire l’autopsia.

Venti Anni: Berlino: 9 novembre 1989. Le immagini di repertorio illustrano l’evento storico di quella notte inimmaginabile: la folla che preme per varcare i cancelli, i poliziotti ammutoliti, le facce allegre e commosse della gente che festeggia. Tra quei volti di giovani e meno giovani che brindano e ballano, il fotogramma si ferma sul sorriso di un ragazzo italiano, Giulio, e di una ragazza berlinese, Marta, che insieme ad alcuni amici passano per la prima volta nella loro vita dall’altra parte del muro. All’epoca, Marta e Giulio sono appena ventenni. Li ritroviamo quarantenni a Roma dove vivono oggi svolgendo lavori precari e di scarse prospettive. Tuttavia non sono privi di quel certo “ottimismo della volontà” che consente loro di tenere gli occhi aperti sul futuro e di vederne soprattutto i sintomi positivi. Ci raccontano le loro vite parallele, le loro esperienze, le loro fatiche e i loro successi.