Ecco tra clip ufficiali dall’ultimo film di Davide Marengo, Un fidanzato per mia moglie, con Geppi Cucciari, Paolo Kessisoglu, Paolo Bizzarri, Dino Abbrescia, Ale e Franz, in uscita il 30 Aprile al Cinema. Inoltre in fondo troverete anche il videoclip di  ‘Is This The Time’, brano presente nella colonna sonora del film, di F. Forni e I. Graziano.

 

Qui le foto del film: [nggallery id=536]

Prodotto da ITC Movie e Rai Cinema, e distribuito da 01 Distribution, il film, remake della commedia argentina “Un novio para mi mujer”,  è la divertente storia di una coppia in crisi in cui l’uomo (Paolo Kessisoglu) tenta maldestramente di risolvere la crisi assoldando un playboy poco affidabile (Luca Bizzarri) per aiutarlo a lasciare la moglie (Geppi Cucciari).

Un fidanzato per mia moglie 01Camilla (Geppi Cucciari) lascia la sua amata Sardegna, le sue amiche e il suo lavoro di dj radiofonico e si trasferisce a Milano per sposarsi e convivere con Simone (Paolo Kessisoglu) che lavora in una concessionaria d’auto vintage. Dopo due anni di convivenza la coppia non riesce più a comunicare come prima ed entra in crisi. Simone vorrebbe riprovarci. Camilla, che nel frattempo non è riuscita ad ambientarsi nella città e si sveglia ogni giorno con una lamentela diversa, invece no. Alla vigilia dell’appuntamento in tribunale per siglare la separazione, i due decidono di recarsi da una terapeuta di coppia per valutare una possibile ricucitura. Dal loro racconto, che ricostruisce in flashback la vicenda sentimentale, emergono le ragioni, bizzarre e inaspettate, che hanno portato Camilla a non voler recuperare la relazione. E si scopre che Simone, incapace di scuotere la moglie depressa, ha finito per cedere ai consigli di Carlo (Dino Abbrescia), suo amico poco incline alla monogamia. Consigli che prevedono di adottare uno stratagemma dalla portata tragicomica: assoldare il Falco (Luca Bizzarri), un playboy ormai sul viale del tramonto, per sedurre la moglie Camilla e farsi lasciare da lei. Ma non tutto sembra andare come previsto, anzi. Il risultato? Sorprendente e burrascoso.

 

- Pubblicità -