Avengers: Endgame

Una delle più grandi sorprese all’inizio di Avengers: Endgame è il salto temporale di cinque anni dopo che gli eroi sopravvissuti dell’universo cinematografico Marvel si sono resi conto che Thanos ha completamente atomizzato le Gemme dell’Infinito nei suoi ultimi momenti di vita, per impedire che la sua vittoria venisse annullata.

Quando la morte della famiglia e degli amici divenne una realtà deprimente, i Vendicatori e i Guardiani della Galassia hanno passato cinque anni ad elaborare il lutto e la sconfitta prima di formulare un nuovo audace piano per riportare i caduti senza compromettere completamente la propria cronologia.

Tuttavia, alla fine del film, era stato stabilito uno status quo completamente nuovo per il MCU mentre gli eroi risorti si trovavano in un mondo che era progredito di cinque anni interi da quando erano stati ridotti in polvere personalmente dal Titano Pazzo. Mentre la MCU si sposta nella Fase 4 oltre la Infinity Saga, le ramificazioni del salto temporale influenzeranno sicuramente la prossima serie di film dei Marvel Studios, con le conseguenze immediate già rilevate nel seguito diretto di Endgame, Spider-Man: Far From Home.

Dalle decisioni narrative per esplorare il peso emotivo della vittoria di Thanos per i principali personaggi della MCU sopravvissuti, allo sviluppo di uno status quo molto diverso nel frattempo, il salto temporale di cinque anni spiazza le aspettative del pubblico e dà ai personaggi della storia il tempo di esplorare lo stato attuale, sia sul grande schermo che su Disney +. Man mano che l’MCU passa alla Fase 4, l’impatto più ampio di questo spostamento cronologico avrà sicuramente un ruolo. Insomma, questi 5 anni aprono il racconto a molteplici possibilità che si potranno sviluppare in seguito.

Fonte: CBR