joker

Intervistata da Josh Horowitz al Sundance Film Festival, dove presentava il film Wounds, Zazie Beetz ha svelato qualche dettaglio della lavorazione di Joker, cinecomic che la vedrà protagonista insieme a Joaquin Phoenix nei panni della mamma single Sophie Dumond. Di seguito la sua dichiarazione:

Non posso dire nulla. È un film grintoso e dark. Ma non ho visto ancora nulla del montato…La sceneggiatura era grandiosa, ed è stata riscritta mentre lo stavamo girando. Andavamo da Todd, il regista, per rivedere la scena e il giorno dopo, durante la sessione di trucco e parrucco memorizzavamo le battute. E avremmo dovuto sbrigarci a girare tutto perché Joaquin aveva perso tantissimi chili…“.

Le riprese sono terminate il mese scorso a New York e non sembra che saranno necessarie sessioni di reshoot per gli attori.

Joker: tutto quello che sappiamo sul film con Joaquin Phoenix

Di seguito la prima sinossi ufficiale:

Joker ruota attorno all’iconico arcinemico di Batman ed è una storia originale e autonoma mai vista sul grande schermo. L’esplorazione di Arthur Fleck (Joaquin Phoenix), un uomo trascurato dalla società, non sarà solo lo studio di un personaggio grintoso, ma anche il racconto di un tema molto più ampio.

Vi ricordiamo che il film arriverà nelle sale il 4 ottobre 2019, come ufficializzato nelle ultime settimane dalla Warner Bros. La produzione di Joker si sovrapporrà a quella dello spin-off, annunciato nei mesi scorsi, con protagonista Jared Leto.

Contrariamente alle altre apparizioni del personaggio nei Batman di Tim Burton, nella trilogia del Cavaliero Oscuro di Christopher Nolan e in Suicide SquadJoker sarà ambientato nel 1980 e racconterà l’evoluzione di un uomo ordinario e la sua trasformazione nel criminale che tutti conosciamo.

Joker sarà una storia tragica e “anti-Trump”

Possibile l’ispirazione al fumetto di Alan Moore The Killing Joke, dove il noto villain è mostrato come un comico fallito che inizia a commettere atti violenti dopo che è entrato in contatto con sostanze chimiche nocive.

Sono tre o quattro anni che chiedo al mio agente perché non esista un film su questi personaggi da realizzare con budget inferiori, che possa studiarli per bene…certo non aver mai pensato al Joker, perché aveva già avuto diverse rappresentazioni“, ha raccontato Phoenix in una recente intervista. Prendo molto tempo quando si tratta di accettare un ruolo Il processo è sempre lo stesso: leggo la sceneggiatura e incontro il regista, che è ciò che ho fatto con con Todd [Phillips], e ho subito pensato che fosse un progetto molto interessante. Aveva una speciale comprensione di questo mondo, unico nel genere, e mi spaventa a morte.

Fonte: MTV News