berlinale 2020

A poche settimane dall’inizio della Berlinale 2020, il Festival di Berlino ha ufficialmente sospeso uno dei premi assegnati annualmente dalla giuria internazionale proprio in occasione della kermesse cinematografica. Il riconoscimento in questione è il Premio Alfred Bauer, dedicato alla memoria dell’omonimo storico del cinema, direttore della Berlinale dal 1951 al 1976.

 

Il premio è stato sospeso in seguito ad alcune rivelazioni secondo le quali Bauer era un attivo nazista di alto rango, strettamente coinvolto in un’organizzazione di propaganda istituita da Josef Goebbels, ex politico e giornalista tedesco le cui tecniche di propaganda furono uno dei fattori che consentirono nel 1933 l’ascesa al potere in Germania del Partito Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori.

Il controverso passato di Bauer è emerso grazie ad un articolo del celebre settimanale tedesco Die Zeit: alcune ricerche storiche avrebbero rivelato che Bauer era sia un membro del partito nazista sia un membro delle Sturmabteilung (o SA), il primo gruppo paramilitare del Partito Nazista. Sembra, inoltre, che Bauer fosse uno dei membri del “Reichsfilmintendanz” di Goebbels, un ente istituito dal ministero della propaganda nel 1942 per controllare l’industria cinematografica.

In un verbale redatto per il partito nazista, Bauer viene descritto come un “fanatico appartenente alle SA, dalle attitudini politiche impeccabili”.

LEGGI ANCHE – Berlinale 2020: i D’Innocenzo e Diritti in concorso. Ecco i titoli

Alla luce di quanto riportato da Die Zeit, il Festival di Berlino ha sospeso ufficialmente il Premio Alfred Bauer, che veniva conferito a film ritenuti particolarmente innovativi, capaci di aprire nuove prospettive sull’arte cinematografica. In una nota ufficiale, il Festival ha dichiarato: L’interpretazione di queste fonti suggerisce che Bauer aveva ricoperto posizioni significative durante il periodo nazista. Alla luce di queste nuove scoperte, la Berlinale sospenderà il Premio Orso d’argento Alfred Bauer con effetto immediato. Accogliamo con favore la ricerca e la sua pubblicazione su Die Zeit e cogliamo l’occasione per iniziare una ricerca più approfondita sulla storia del Festival con il supporto di esperti esterni.”

La Berlinale 2020 si svolgerà dal 20 febbraio al 1 marzo. Il film d’apertura sarà My Salinger Year dello scrittore-regista Philippe Falardeau, con Sigourney Weaver e Margaret Qualley.

Fonte: The Guardian