andy-serkis-gollum

La tecnica del motion capture, che implica la registrazione e la ricreazione in digitale dei movimenti di un attore, è sempre stata al centro di un acceso dibattito, tra chi sostiene che si tratti di un mero effettivo visivo e chi, invece, ritiene che sia recitazione al 100%.

 

Chiaramente, un attore come Andy Serkis, noto proprio per aver dato vita a numerosi personaggi attraverso il motion capture (tra cui Gollum de Il signore degli anelli e Cesare de Il pianeta delle scimmie), è particolarmente sensibile nei confronti della questione e proprio durante una recente intervista con Total Film in occasione della promozione di Venom: La furia di Carnage ha avuto modo di riflettere sul futuro impiego della tecnica e su eventuali risvolti.

Serkis crede che il motion capture sia in continua evoluzione, al fine di tradurre al meglio, in maniera ancora più dettagliata, la performance dell’attore, al punto che potrebbe eventualmente sostituire completamente il makeup. “Il metodo di acquisizione del volto di un attore si evolve continuamente. L’obiettivo è arrivare ad una riproduzione in grado di restituire i più piccoli dettagli e le diverse sfumature”, ha spiegato.

“Spesso le persone mi hanno criticato perché in precedenza avevo detto che era come il makeup digitale, ma la verità è che lo sta diventando”, ha aggiunto. “Penso che a breve saremo in grado di interpretare un personaggio storico grazie alla fotogrammetria e avere, ad esempio, il vero volto di Abramo Lincoln piuttosto che una maschera scolpita.”