Justice League snyder cut
- Pubblicità -

Dopo molti mesi di polemiche, finalmente Joss Whedon, in una lunga intervista con Vulture, ha commentato quelle vicende, offrendo finalmente il suo punto di vista su tutto ciò che è accaduto sul set di Justice League.

- Pubblicità -
 

All’inizio del 2017, ricordiamo, Joss Whedon fu chiamato per sostituire Zack Snyder alla regia di Justice League. Nello stesso periodo, una vecchia sceneggiatura di Wonder Woman che Whedon aveva scritto è emersa online. Rispetto al film che Patty Jenkins aveva diretto di recente, la sua versione ha colpito alcuni lettori per essere inquietante e sessista, con passaggi che sembravano indugiare gratuitamente sul sex appeal dell’Amazzone. “Non puoi dirmi che Joss Whedon non ha scritto la sceneggiatura originale di Wonder Woman mentre si dava da fare furiosamente”, ha twittato una utente in quel periodo.

Joss Whedon chiamato dalla Warner Bros

Quell’anno, Whedon ha accettato il lavoro per il film della Warner Bros. Justice League, una proprietà della DC diretta da Zack Snyder. Per due uomini bianchi sulla cinquantina che realizzano film di fumetti, lui e Snyder non avrebbero potuto essere meno allineati. Mentre i poemi epici dei supereroi di Whedon erano alleviati dall’ironia e dai giochi di parole, quelli di Snyder erano cupi e presuntuosi, con uno stile visivo che combinava l’artificialità di un videogioco con l’estetica fascista di una produzione di Leni Riefenstahl.

I fan di Snyder sono affezionati quanto quelli di Whedon, ma il suo precedente film, Batman v Superman, aveva vacillato al botteghino e offeso la critica. Ora, quei sostenitori erano preoccupati per come stava prendendo forma la sua nuova impresa. Uno screening anticipato non li aveva rassicurati. “Mi hanno chiesto di aggiustarlo e ho pensato di poter aiutare”, ha detto Whedon, ma ora considera questa decisione come uno dei più grandi rimpianti della sua vita.

All’inizio, i dirigenti dello studio dissero a Whedon che il suo ruolo si sarebbe limitato alla scrittura e alla consulenza, ma presto divenne chiaro a Whedon che avevano perso la fiducia nella visione di Snyder e volevano che prendesse il pieno controllo. (Un rappresentante della Warner Bros. ha negato. Snyder ha dichiarato pubblicamente di aver lasciato il progetto per trascorrere del tempo con la sua famiglia; sua figlia era morta suicida due mesi prima.)

Whedon, ora insediato nella sedia del regista, ha supervisionato quasi 40 giorni di riprese aggiuntive e sostitutive, un’impresa complicata e laboriosa. Fin dall’inizio, le cose erano tese tra lui e i protagonisti. Non c’era solo “il problema” che voleva imporre una visione completamente nuova al loro lavoro; ha introdotto uno stile di gestione completamente diverso. Snyder aveva concesso agli attori una licenza eccezionale con la sceneggiatura, incoraggiandoli a dialogare improvvisando. Whedon si aspettava che loro dicessero le battute esattamente come le aveva scritte. “Non è andata affatto bene”, ha dichiarato un membro dell’equipaggio. Alcuni attori hanno criticato la sua scrittura. Secondo il racconto di Whedon, Gal Gadot, che interpretava Wonder Woman, disse che lui, il regista del film di supereroi con il maggior incasso dell’epoca, non capiva come funzionassero i film di supereroi. A un certo punto, Whedon ha interrotto le riprese e, secondo il membro della crew, ha annunciato di non aver mai lavorato con “un gruppo di persone più maleducate”. Gli attori non replicarono, in quell’occasione.

Gli attori, almeno alcuni di loro, pensavano che anche Whedon fosse stato scortese. Ray Fisher, all’epoca sconosciuto giovane attore a cui era stato affidato il ruolo di Cyborg, era al primo ruolo importante. Snyder aveva incentrato il film sul suo personaggio – il primo supereroe nero in un film DC – e aveva trattato Fisher come un compagno di scrittura, sollecitando le sue opinioni sulle rappresentazioni delle persone di colore nei film. Whedon ha ridimensionato il ruolo di Cyborg, tagliando scene che, secondo Fisher, sfidavano gli stereotipi. Quando Fisher ha espresso le sue preoccupazioni sulle revisioni in una telefonata, Whedon lo ha interrotto. “Sembra che tu mi stia facendo degli appunti, in questo momento”, gli ha detto Whedon, secondo The Hollywood Reporter, “e non mi piace prendere appunti da nessuno, nemmeno da Robert Downey Jr.”.

Joss Whedon vs Gal Gadot

Neanche a Gal Gadot piaceva lo stile di Joss Whedon. L’anno scorso, ha detto ai giornalisti che Whedon l’aveva “minacciata” e ha detto che avrebbe reso la sua “carriera infelice”. Whedon ha dichiarato a Vulture che non ha fatto una cosa del genere: “Non minaccio le persone. Chi lo fa?” Ha concluso che lei lo aveva frainteso. “L’inglese non è la sua prima lingua e tendo ad essere fastidiosamente fiorito nel mio discorso.” Ha ricordato di aver litigato su una scena che voleva tagliare. Le disse scherzosamente che se voleva liberarsene, avrebbe dovuto legarlo a un binario della ferrovia e farlo sopra il suo cadavere. “Poi mi è stato detto che avevo detto qualcosa sul suo cadavere e sul legarla al binario”, ha detto. (Gadot non era d’accordo con la versione degli eventi di Whedon. “Ho capito perfettamente”, ha detto a New York in un’e-mail.)

Per quanto riguarda l’affermazione di Whedon sul non minacciare le persone, un’attrice di Angel, Charisma Carpenter, ha però detto che non era vero quando lo conosceva. Dopo che il suo agente l’ha spinta per ottenere un aumento, afferma che Whedon l’ha chiamata a casa e ha detto che “non avrebbe mai più lavorato per lui, o per la 20th Century Fox”. Leggendo la dichiarazione di Gal Gadot, l’attrice ha pensato: “Wow, sta ancora usando quella frase.” (Whedon ha negato anche questo.)

Justice League è stato presentato per la prima volta nell’autunno del 2017. È stata una debacle critica e commerciale. I fan di Snyder hanno incolpato Whedon per i suoi fallimenti, accusandolo, come diceva un tweet, di trasformare gli eroi divini di Snyder in clown. Il potere del fandom, una forza che Whedon aveva fatto così tanto coltivare all’inizio della sua carriera, era ora esercitato contro di lui. I fan hanno lanciato un’elaborata campagna facendo pressioni sulla Warner Bros. per rilasciare la versione che Snyder aveva originariamente pianificato, anche noleggiando un aereo per far volare uno striscione sopra i Warner Studios.

Zack Snyder ha usato la piattaforma di social media Vero per radunare i suoi seguaci, condividendo le foto dei suoi allenamenti mattutini insieme alle immagini che sembravano derivare dal suo taglio del film. Diversi mesi dopo l’inizio della pandemia, lo studio, alla disperata ricerca di contenuti, ha annunciato che la Snyder Cut sarebbe andata in onda su HBO Max. In un fan event online che celebrava l’imminente uscita, Snyder ha dichiarato che avrebbe dato fuoco al film prima di utilizzare un singolo fotogramma che non aveva filmato lui stesso. “Il nostro signore e salvatore Zack Snyder!!!” qualcuno ha scritto nei commenti sotto il livestream.

Joss Whedon vs Ray Fisher

Più o meno nello stesso periodo, tra le proteste in tutto il mondo contro il razzismo, Ray Fisher ha pubblicato una serie di tweet accusando Whedon di abusare del suo potere e accusando i dirigenti dello studio di “abilitare” il regista. In un’intervista a Forbes, Fisher ha detto che gli era stato riferito che Whedon aveva usato la correzione del colore per cambiare la carnagione di un attore perché non gli piaceva il tono della pelle dell’attore. “Amico, con tutto ciò che è stato il 2020, quello è stato il punto di svolta per me”, ha detto Fisher. (Fisher non ha risposto a più richieste di intervista, dopo quella a Forbes.)

Whedon era sbalordito. Aveva dato all’intero film un aspetto più chiaro, illuminando tutto in post-produzione, compresi tutti i volti. Ha detto che l’affermazione relativa al fatto che non gli piacesse il tono della pelle di un personaggio e che alla fine Forbes ha ritrattato, era falsa e ingiusta. Whedon dice di aver ridotto il ruolo di Cyborg per due motivi. La trama “logicamente non aveva senso” e sentiva che la recitazione era pessima.

Secondo una fonte vicina al progetto, Whedon non era il solo a sentirsi in quel modo; alle proiezioni di prova, gli spettatori hanno ritenuto Cyborg “il peggiore di tutti i personaggi del film”. Nonostante ciò, Whedon ha insistito sul fatto che ha passato ore a discutere dei cambiamenti con Ray Fisher e che le loro conversazioni erano amichevoli e rispettose. Nessuna delle affermazioni fatte da Fisher sui media era “vera o meritevole di essere discussa”, ha detto Whedon a Vulture. Riusciva a pensare a un solo modo per spiegare le motivazioni di Fisher. “Stiamo parlando di una forza malevola”, ha detto. “Stiamo parlando di un pessimo attore in entrambi i sensi”.

Alcuni dei difensori di Whedon hanno proposto una teoria: e se Fisher avesse eseguito gli ordini di Snyder? Senza fornire prove, hanno ipotizzato che Snyder avesse indotto Fisher a pensare che Whedon fosse razzista. O forse Fisher sapeva perfettamente che le sue accuse erano ‘stronzate’. Ad ogni modo, l’attore e il regista avevano “costruito una controversia” che faceva sembrare Snyder un alleato progressista distogliendo l’attenzione dal fatto che il loro primo montaggio era stato un disastro. I sostenitori di Whedon credevano che questa campagna avesse avvelenato Charisma Carpenter contro Whedon, facendole vedere la complicata storia della loro relazione come una narrativa semplicistica di abusi. “Una volta che qualcuno accende una miccia e le persone vedono che c’è una fiamma, corrono verso di essa e ci lanciano dentro qualcosa”, ha detto una persona nella cerchia di Whedon. (Snyder ha rifiutato di essere intervistato in merito.)

Tutto in nome di Zack Snyder?

Nelle conversazioni con Vulture, Whedon si è rivelato un po’ più cauto. “Non so chi ha iniziato” ha detto. “So solo in nome di chi è stato fatto.” I superfan di Snyder lo stavano attaccando online come un cattivo femminista e un cattivo marito. “Non gliene frega un cazzo del femminismo”, ha detto. “Sono stato preso di mira dalla mia ex moglie e la gente lo ha sfruttato cinicamente”. Mentre spiegava questa teoria, la sua voce sprofondò in un sussurro roco. “Ha pubblicato una lettera dicendo alcune cose cattive che avevo fatto e dicendo alcune cose false su di me, ma avevo fatto cose cattive e quindi la gente sapeva che ero vendibile”.

Quando il taglio di quattro ore di Snyder è stato finalmente visto dal pubblico, è stato acclamato dalla critica. I suoi fan hanno esaminato entrambi i film per analizzare le differenze. Alcuni hanno colto la convinzione, avanzata per la prima volta da Fisher, che Whedon avesse cancellato intenzionalmente le persone di colore dal film. Era avvenuto un notevole capovolgimento. Quindici anni prima, il lavoro di Snyder era ampiamente visto come l’epitome del cinema problematico. Il suo 300, un’epopea con spada e sandalo sulle guerre persiane, era “così apertamente razzista” dal punto di vista della delegazione delle Nazioni Unite dall’Iran che minacciava di incitare “uno scontro di civiltà”. Ora, Internet aveva riformulato Zack Snyder come un eroe progressista mentre marchiava Whedon, il suo eroe progressista di ieri, come un cattivo e un bigotto. Tanto che Whedon stesso ha concluso: “L’internet delle origini mi ha osannato, ma l’internet moderno si è scagliato su di me. Una perfetta simmetria.”

- Pubblicità -