SEE-1
- Pubblicità -

Il prossimo film di Tom Cruise girato nello spazio potrebbe essere il primo di molti. Cruise, che recita e produce i film Mission: Impossible, non è estraneo alle acrobazie che sfidano la morte e lo spingono oltre i limiti del cinema d’azione. L’annuncio nel maggio del 2020 che l’attore aveva in programma di girare un film interamente nello spazio, tuttavia, ha portato questa sua tendenza a superare i confini della forza di gravità.

- Pubblicità -
 

In collaborazione con la NASA e Space X di Elon Musk, Cruise ha pianificato di realizzare il primo film narrativo girato in orbita. Sfortunatamente per Cruise, la Russia lo ha battuto sul tempo, con le troupe cinematografiche russe che hanno completato, lo scorso ottobre, in 12 giorni le riprese per un film dal titolo The Challenge. Cruise e il regista Doug Liman avrebbero dovuto fare il viaggio nello spazio lo scorso ottobre, ma i ritardi hanno spinto la data di lancio a fine anno, anche se non è chiaro quale sia il programma di Cruise con la produzione in corso per Mission: Impossible 8.

Ora, un nuovo report di The Guardian rivela che il prossimo film spaziale di Cruise potrebbe essere effettivamente il primo di molti progetti ad essere girato nell’orbita terrestre. Space Entertainment Enterprise (SEE), la società co-produttrice del prossimo film di Cruise, ha annunciato l’intenzione di creare uno studio di produzione e un’arena sportiva nello spazio con una data di completamento prevista per dicembre 2024. Soprannominato SEE-1, il modulo atterrerà su Axiom Station, la sezione commerciale della Stazione Spaziale Internazionale.

SEE-1 è un’incredibile opportunità per l’umanità di spostarsi in un regno diverso e iniziare un nuovo entusiasmante capitolo nello spazio. Fornirà una casa unica e accessibile per infinite possibilità di intrattenimento in un luogo ricco di infrastrutture innovative, che scateneranno un nuovo mondo di creatività. Con il leader mondiale Axiom Space che costruisce questa struttura all’avanguardia e rivoluzionaria, SEE-1 fornirà non solo la prima, ma anche una struttura spaziale di qualità suprema che consentirà l’espansione dell’industria dell’intrattenimento globale da due trilioni di dollari nell’orbita terrestre bassa.

- Pubblicità -