Elisa Girotto: la vera storia dietro al film 18 Regali

1699
Elisa Girotto 18 Regali
dal film 18 Regali - Vittoria Puccini e Benedetta Porcaroli - [fonte: Wikipedia]

Ci sono storie così straordinarie da superare a volte anche le più assurde trovate strappalacrime cinematografiche o televisive. Ma spesso e volentieri capita anche che siano proprio racconti reali a ispirare il lavoro di tanti autori e registi illuminati. Realtà e finzione si incontrano spesso sul grande o piccolo schermo, in storie che nel bene o nel male lasciano un segno. Proprio come la storia di Elisa Girotto che ha ispirato uno dei film più chiacchierati degli ultimi tempi.

Elisa non era una persona famosa, né una sportiva, una influencer, una cantante ma una semplice mamma, strappata alla vita e alla sua famiglia troppo presto. Il film a lei dedicato, dal titolo 18 Regali, ripercorre tutta la sua vita, purtroppo breve, ma piena d’amore.

Elisa Girotto, una storia vera

Elisa è una donna comune, come tante altre, che vive una vita serena e semplice in provincia di Treviso. Impiegata in banca e da poco sposata con Alessio, alla soglia dei quarant’anni, Elisa scopre di aspettare una bambina. La sua gravidanza procede senza intoppi ma, proprio dopo la nascita della figlia, la donna scopre di essere affetta da una forma assai aggressiva di cancro al seno.

E’ proprio qui che comincia il dramma di Elisa, costretta in qualche modo a fare i conti non solo con la malattia ma con l’idea di dover un giorno abbandonare sua figlia. Però una mamma, sapere di non avere la possibilità di veder crescere la propria figlia è una sensazione orribile, paralizzante. Ma Elisa non riesce a rassegnarsi all’idea di non essere presente nella vita della sua bambina, così escogita un sistema per restarle accanto anche quando non ci sarà più.

Dopo aver tentato ogni possibile cura e aver interpellato qualunque specialista, Elisa è ormai rassegnata al suo destino e decide quindi di mettere in moto il suo piano. Prima di andarsene Elisa lascia alla figlia 18 regali, uno per ogni compleanno, che la sua piccola Anna dovrà scartare e che, dovrebbero farle sentire la sua vicinanza. I regali sono quindi il simbolo dell’amore di una madre che non si spegne mai e che non arretra nemmeno davanti alla malattia.

Il viaggio di Elisa Girotto si interrompe purtroppo il 29 settembre del 2017, quando la donna ha appena 40 anni e sua figlia, Anna, ha festeggiato solo il suo primo compleanno. La morte di Elisa lascia un vuoto profondissimo nella sua famiglia ma il suo ultimo gesto, quei 18 regali, potranno in qualche modo colmare la distanza tra lei e la sua bambina.

Elisa Girotto e 18 Regali: tra realtà e finzione

La storia di Elisa Girotto e dei suoi diciotto regali ha fatto il giro del web, incuriosendo e commuovendo, generando un acceso dibattito su vita e morte, sulle ultime volontà e l’importanza del ricordo. Per molti la decisione della Girotto di lasciare alla sua bambina una testimonianza tangibile del suo affetto, è stata interpretata come un ultimo atto d’amore. Eppure c’è chi si chiede se questo appuntamento annuale non faccia altro che affondare il coltello in una ferita che non riesce mai a rimarginarsi.

Quella di Elisa e di Anna è senza dubbio una storia eccezionale, speciale, che non poteva passare inosservata. Per questo motivo, a distanza di tre anni dalla scomparsa di Elisa, il regista Francesco Amato ha deciso di raccontare la storia di questa incredibile donna. Il 2 gennaio del 2020, infatti, è uscito in tutte le sale italiane, il film dal titolo 18 Regali che racconta di questa vicenda dall’inedito punto di vista della figlia.

Il film segue una linea temporale leggermente differente dalla reale storia di Elisa. Tutto comincia infatti nel 2001, anno in cui la trentacinquenne Elisa (Vittoria Puccini) muore di cancro al seno subito dopo la nascita della sua bambina. Per tenere sempre vivo nella piccola Anna il suo ricordo, Elisa lascia alla figlia 18 regali che dovrà scartare ad ogni compleanno fino alla maggiore età.

Gli anni passano e Anna (Benedetta Porcaroli) continua a tenere viva la tradizione dei regali non senza grande disagio. I regali e le lettere della madre, nonostante siano piene d’amore e ricordi preziosi, non sembrano in grado di colmare il vuoto che sente per la mancanza della madre nella sua vita. Questa inquietudine che sente crescere a ogni compleanno, spinge la ragazza a disertare l’apertura del suo ultimo regalo.

leggi anche: Ludovico Tersigni, chi è? Curiosità sull’attore di Skam

Nel giorno del suo diciottesimo compleanno, Anna decide di scappare di casa, evitando la solita triste cerimonia del regalo e respingendo per una volta tutta la tristezza legata a quell’evento. Durante la sua folle fuga, Anna però viene investita da un’auto e portata al pronto soccorso. Dopo essersela cavata solo con un leggero trauma, la ragazza scopre che alla guida della vettura che l’ha investita c’è proprio sua madre, incinta di lei.

Questa svolta un po’ fantascientifica, darà finalmente la possibilità alla ragazza di conoscere sua madre e di colmare quell’incredibile vuoto che per diciotto anni l’ha accompagnata.

Il film, distribuito anche su Netflix, è riuscito a raggiungere e commuovere tantissimi spettatori compreso il vedovo di Elisa, Alessio Vincenzotto. L’uomo, che per mesi ha respinto proposte per adattamenti cinematografici arrivate anche dall’estero, ha deciso di accettare la proposta finale di Francesco Amato. Il regista, coadiuvato dagli sceneggiatori Massimo Gaudioso e Davide Lantieri, è riuscito a toccare le corde giuste e a rendere al meglio la storia di Elisa. In una recente intervista rilascia a Il Fatto Quotidiano, Alessio Vincenzotto ha dichiarato:

“E’ venuto da noi in punta di piedi, pronto ad ascoltarci prima di proporsi […] Sono venuti tutti a trovarmi, hanno letto le lettere di Elisa, hanno cercato di andare in profondità, commuovendosi come è naturale che sia. [Con Edoardo Leo, interprete di Vincenzotto nel film] sono diventato addirittura amico”. 

Il film è disponibili con abbonamento sulle piattaforme streaming di Netflix e Amazon Prime Video. Inoltre è possibile acquistare la copia digitale di 18 Regali su Youtube.

Fonte: Wiki, IMDB,