Roma a Mano armata è il film del 1976 di Umberto Lenzi con protagonisti Maurizio Merli, Tomas Milian, Maria Rosaria Omaggio, Arthur Kennedy, Orso Maria Guerrini.

Trama: Il commissario Tanzi si trova costretto a gestire un’ondata di dilagante violenza a Roma: dopo aver ricevuto una soffiata fa irruzione in una bisca clandestina gestita dal Marsigliese Ferrender insieme ai suoi uomini. Sul posto, però, il commissario non trova niente di illegale, ma riconosce Savelli, uno degli sgherri del marsigliese; lo pesta per farlo parlare, ma l’uomo non apre bocca e riesce a farsi rilasciare grazie al suo avvocato. Lo stesso uomo, il giorno dopo, compie una rapina e uccide un uomo: Tanzi si mette sulle tracce dell’altro complice, Moretto detto “er Gobbo”, uno dei dipendenti del mattatoio.

Roma a Mano armata, il film

Roma a Mano armata recensione posterAnalisi: Nel 1976 è lo specialista del genere, Umberto Lenzi, a regalare l’ennesimo film poliziottesco capace di tenere incollati alle poltroncine del cinema intere generazioni di italiani, consolidando il talento del regista come interprete di questa versione pop e nostrana del più classico noir di stampo americano.

La fortuna di Lenzi si era già delineata con l’uscita al cinema del film Roma Violenta, cui fa seguito il fortunato Roma a Mano Armata, che inaugura un fiorente genere scandito da furti, rapine, violenze, atti criminali che imperversano nelle metropoli italiane, da Nord a Sud. In questo caso specifico, è la capitale ad essere devastata da questa ondata di pericolosa criminalità.

Un solo uomo può fermare tutto questo, il classico “commissario di ferro”, inflessibile e fascista (almeno secondo i detrattori), il Callaghan-dei poveri- che crede nella giustizia privata e nella forza di…un buon pugno assestato bene per far capitolare un indiziato. Del precedente Roma Violenta riprende la struttura a mosaico e il protagonista, il biondo e inflessibile Merli versione baffuta, con tanto di agghiacciante occhio ceruleo (che nella precedente pellicola si chiamava Betti, mutato poi in Tanzi).

Violenza, pulp potenziato, rapine, ricatti e violenze: questa è la formula “vincente” che ha reso questo film un cult generazionale, garantendo l’immortalità ai suoi personaggi, su tutti il Gobbo sadico, cinico e beffardo interpretato da Tomas Milian, pietra miliare del genere, che ruba tranquillamente la scena a Merli e al suo personaggio di eroe positivo, fischiato perfino in sala tanto quanto il pubblico ha dimostrato di amare ed apprezzare il Gobbo proletario del cubano Milian.

Le riprese sono state fatte interamente a Roma, in una rimessa nella zona di Monti Tiburtini ormai in disuso da anni; forse la leggendaria rivalità tra i due interpreti protagonisti contribuì al successo della pellicola e alla sua definitiva consacrazione come pietra miliare del genere. Gli inseguimenti mozzafiato e in soggettiva hanno contribuito, non poco, a riscrivere l’estetica del genere e di tutti i film che sarebbero stati girati in seguito.

Roma a Mano armata è, inoltre, un continuo gioco di rimandi tra la cronaca italiana dell’epoca, la realtà effettiva e quella fittizia di celluloide.