altUna Storia Vera

 

Regia:David Lynch

Anno:1999

Cast:Richard Farnsworth, Sissy Spacek.

 

“Una storia vera” (titolo originale “The Straight Story”) è un film del 1999 diretto da David Lynch. Il lungometraggio è un inno alle cose semplici della vita, dell’importanza della famiglia. Fattori che la frenesia quotidiana della vita moderna ci ha fatto ormai dimenticare. Non manca nemmeno l’ironia.

La trama racconta un fatto realmente accaduto. Alvin è un 73enne che vive con una figlia diventata un po’ ritardata dopo che le furono sottratti i figli a seguito di un incendio, del quale non aveva neppure colpa. Venuto a conoscenza che il fratello Lyle ha avuto un infarto, decide di andarlo a trovare, benché i due non si parlino da molti anni. E decide di farlo con un trattore, il mezzo che usava per lavorare essendo un contadino, sebbene i due siano divisi da decine di migliaia di Km. Alvin si trova nell’Iowa mentre Lyle nel Wisconsin. Il viaggio sarà anche un modo per ripercorrere la propria vita, oltre che confrontarsi con i nuovi valori dominanti nella società. Evidente infatti la differenza tra il suo modo di vivere lento e pacato da un lato e la frenesia del Mondo che lo circonda dall’altro. Bella la metafora legata ai due fratelli meccanici che litigano tra loro, che egli riprende facendogli notare l’importanza dell’essere fratelli.

Una commedia piacevole, distensiva, che ci mostra un’America solidale raramente vista nei film. Piacevole anche la colonna sonora che accompagna la storia, scritta da Angelo Badalamenti, basata soprattutto sulla fisarmonica. Badalamenti palesa chiare origini italiane, benché ci tenga a sottolineare che non ha parentele con il noto Boss. altA rendere il film distensivo, oltre che la musica, ci pensano anche le immense praterie sullo sfondo. Un verde che nelle nostre grigie città vediamo sempre meno. Si basa su un fatto realmente accaduto e racconta la storia di Alvin Straight, un contadino dell’Iowa che nel 1994, a 73 anni di età, intraprese un lungo viaggio a bordo di una motofalciatrice per andare a trovare il fratello reduce da un infarto. Straight coprì in 6 settimane la distanza di 240 miglia (386 chilometri circa), viaggiando a 5 miglia all’ora (8 km/h).

Il titolo originale, “The Straight Story”, contiene un gioco di parole, poiché vuol dire “La storia di Straight” (il protagonista del film), ma anche “La storia dritta”, che indica la linearità del viaggio effettuato da Alvin Straight per raggiungere il fratello e, metaforicamente, la linearità della vita. È stato presentato in concorso al 52º Festival di Cannes.

Un film alquanto inusuale per il regista David Lynch, giacché egli ha proposto solitamente film “visionari” e/o che propongo il lato più oscuro e inquietante delle cittadine americane. Tra i suoi film si ricordano “Velluto blu”, “Strade perdute”, “Mulholland Drive”; ma anche il malinconico e toccante “The Elephant man”, descrizione della vita difficile di un uomo deformato. O ancora, la serie tv che sconvolse una generazione a cavallo tra gli anni ’80 e ’90: “Twin Peaks”.

L’attore protagonista, Richard Farnsworth, si suicidò nel 2000 ad un anno dall’uscita del film, all’età di 80 anni. Si sparò all’interno del suo ranch in Lincoln, nel Nuovo Messico. Prima del film, gli era stato diagnosticato un cancro alle ossa in fase terminale. Si narra che girò questo film soffrendo. Farnsworth aveva ancora tanta voglia di vivere.