Il caso Mattei film 1972

Il caso Mattei è il film cult del 1972 diretto da Francesco Rosi e con protagonisti nel cast Gian Maria Volontè, Peter Baldwin, Luigi Squarzina, Edda Ferronao, Franco Graziosi.

 

In Il caso Mattei nella notte del 27 ottobre 1962 un piccolo aereo privato precipita nelle campagne del pavese, presso la piccola località contadina di Bascapè. A bordo di quell’aereo oltre al pilota ed aun giornalista americano, c’era Enrico Mattei, presidente dell’Eni, l’uomo, in quel momento, più potente d’Italia. Da subito le cause dell’incidente non appaiono chiare, le testimonianze oculari raccolte dagli inquirenti e dai giornalisti giunti sul luogo, portano subito a credere all’ipotesi di un attentato. Perché qualcuno avrebbe voluto la morte di Mattei? E soprattutto chi??? Da questi interrogativi parte un viaggio a ritroso volto a disegnare un ritratto del presidente dell’Eni e al contempo a capire e trovare le possibili cause di una morte tanto misteriosa.

Il caso Mattei, il film

Il caso Mattei è un film di Francesco Rosi (Cadaveri eccellenti)uscito nelle sale nel 1972, esattamente dieci anni dopo la morte del presidente dell’Eni. Un film che prende come riferimento il libro di Fulvio Bellini e Alessandro Previdi L’assassinio di Enrico Mattei, riadattato da un’ottima squadra di sceneggiatori tra cui lo stesso Rosi e Tonino Guerra.

Un film complesso Il caso Mattei, sia nella sua struttura narrativa che nei suoi contenuti, che si pone come obbiettivo di raccontare e illustrare, nel modo più compiuto possibile, la figura di un uomo unico e a suo modo straordinario che incontrò una morte prematura quanto carica di mistero. Un film che incastra fiction a interviste reali, immagini d’archivio a sequenze nelle quali lo stesso Rosi interpreta se stesso; un film che tenta un coraggioso quanto innovativo intreccio tra finzione e realtà, dove è difficile scorgere il confine tra i vari piani narrativi. Ne risulta un film estremamente dinamico e originale che coinvolge e trascina ma che, soprattutto, ci permette di comprendere in modo esaustivo le varie sfaccettature di un uomo su cui e attorno a cui ruota tutta la storia. Per un ruolo tanto complesso e delicato, per un compito tanto impegnativo, non si poteva che optare per la scelta più ovvia, per l’unico attore dell’epoca in grado di rispondere a pieno a tutto ciò: Gian Maria Volontè.

Attore simbolo del cinema politico e di denuncia degli anni ’70, Gian Maria Volontè non delude avvalendosi, per altro, di un’incredibile somiglianza fisica con il “vero” Mattei. Un’interpretazione al solito intensa, passionale e profonda che sviscera in ogni suo aspetto una personalità non semplice e mutevole. Gian Maria Volontè ci offre un Mattei forte, risoluto e orgoglioso ma al quale non mancano momenti di debolezza e, perché no, paura, un Mattei energico e straordinario uomo d’affari ma anche fragile e umano. Francesco Rosi non vuole nascondere le ombre che accompagnarono questo personaggio per buona parte della sua vita: gli ambigui intrecci con la politica o la gestione personale di denaro pubblico. Ma, in sostanza, il film sottolinea la forza e la caparbietà di questo vulcanico e geniale uomo d’affari che osò sfidare le grandi oligarchie del petrolio mondiale. Fare dell’Italia un paese forte, indipendente e non più prono ad un servile vassallaggio verso il monolite americano, un’ Italia capace di trattare da sé con i paesi produttori di petrolio per poter crescere, con le proprie forze, al punto di poter sfidare i giganti statunitensi.

Un uomo pronto a tutto pur di raggiungere i suoi obbiettivi che però avevano poco di personale o privato; la vera ambizione, il vero sogno, era di fare del suo paese una grande potenza, perché Mattei nell’Italia credeva. Il caso Mattei è un film appassionante, mai melenso o retorico, cronicistico ed essenziale come il grande cinema d’inchiesta degli anni ’70 sapeva essere. Un film a cui è legato un misterioso fatto di cronaca nera: il sequestro e la scomparsa di Mauro De Mauro, giornalista de L’Ora, incaricato da Rosi di ricostruire gli ultimi due giorni, in Sicilia, del presidente Eni. Di De Mauro non si saprà mai più nulla.