Slow Horses stagione 2
- Pubblicità -

Dopo le scoppiettanti sei puntate che hanno composto la prima stagione di Slow Horses, ecco arrivare il secondo blocco delle avventure dello squinternato gruppo di spie relegate nella malfamata “Slough House”, parcheggio per gli impiegati dell’IM5 che hanno in qualche modo rovinato la propria carriera.

 
 

Slow Horses stagione 2, la trama

L’adattamento seriale dei romanzi di Mick Herron dunque continua spigliato: tocca adesso al secondo romanzo della serie, Dead Lions, il quale però presenta alcune variazioni rispetto alla trasposizione del precedente. Se infatti la prima stagione sostanzialmente si distanziava dal libro soltanto nell’ultima puntata, nella seconda l’intelaiatura narrativa differisce più o meno a metà del percorso e per due ragioni ben precise: prima di tutto bisognava dare maggiore peso specifico e spazio di manovra alla “mente” del gruppo Jackson Lamb (Gary Oldman), il quale invece nel romanzo si defila maggiormente: in secondo luogo ciò che succede nella storia di Herron si trasforma pian piano in un qualcosa di enorme, larger than life, che sarebbe rimasto quantomeno complesso pensare di essere risolto soltanto dagli agenti di Lamb. In questo modo, ed è un rarissimo caso a presentarsi, l’adattamento si rivela migliore del romanzo di partenza, o almeno più coerente con  lo status e le abilità dei personaggi. 

L’intreccio non riesce a irretire lo spettatore

Rispetto alle prime sei puntate, i nuovi episodi ispirati da Dead Lions posseggono qualcosa in più e al tempo stesso in meno. Partendo dalla questione puramente di genere, la storia principale possiede un appeal di minore impatto rispetto a quella raccontata in precedenza: l’improvvisa morte di una ex-spia insospettisce Lamb, il quale si lancia all’inseguimento di un fantasma del passato di nome Alexander Popov, “fantasma” che al tempo della Guerra Fredda aveva rappresentato uno spauracchio per l’IM5 e più in generale lo spionaggio occidentale.

L’intrigo confezionato sulle basi della spy-story classica si rivela meno pregnante rispetto a quello che invece aveva rappresentato l’asse narrativo portante della prima stagione: pur possedendo alcuni ottimi momenti di genere, Slow Horses stagione 2 non riesce a irretire lo spettatore in una corsa contro il tempo come era precedentemente successo.

Lo show rafforza la dimensione ironica

Al tempo stesso però – e questo si trova anche nel libro di Herron – lo sviluppo dei personaggi e delle loro relazioni tutt’altro che amichevoli consente allo show di rafforzare la sua dimensione ironica. Ci diverte molto a vedere le nuove puntate, assistendo alle disavventure e alla goffagine umana e professionale degli Slow Horses. Anzi, per quanto riguarda una sotto-trama si arriva addirittura a commuoversi (no spoiler!).

Tale insistenza sul versante della commedia acida consente agli attori di lavorare su performance maggiormente istrioniche, e sotto questo punto di vista Jack Lowden e Dustin Demri-Burns salgono decisamente di tono, elevando con ironia tutta british  i personaggi rispettivi di River Cartwright e Min Harper. Senza ovviamente menzionare l’anima dello show Gary Oldman, il quale continua a divertirsi un mondo nei panni (sudici…) di Lamb: siamo di fronte a una figura che continua ad aggiungere dimensioni sia parossistiche che drammatiche, un guascone dal cuore nero e un passato che lo tormenta. Grande personaggio per un grande attore.  

Lo show targato Apple TV+ Slow Horses conferma la propria efficacia con una seconda stagione che, seppur non all’altezza dell’originale, propone al pubblico della piattaforma di streaming divertimento al vetriolo. Una spy-story di quelle di una volta, soltanto condotta da una serie di spie che tutto hanno tranne che il fascino, la destrezza e il carisma di James Bond. Insomma, se amate una serie dissacrante e sbarazzina, che prende di mira gli stilemi del genere, Slow Horses risulta davvero imperdibile. Speriamo sinceramente ci sia (almeno) una terza stagione in arrivo. A Jackson Lamb e ai suoi sventurati compagni di disavventure ci si affeziona sul serio…

- Pubblicità -
RASSEGNA PANORAMICA
Adriano Ercolani
Articolo precedenteIl mio amico Massimo, evento speciale al cinema dal 15 al 21 dicembre
Articolo successivoDreamWorks Animation presenta il nuovo logo animato
slow-horses-stagione-2-la-recensione-della-serie-con-gary-oldmanUna spy-story di quelle di una volta, soltanto condotta da una serie di spie che tutto hanno tranne che il fascino, la destrezza e il carisma di James Bond. Insomma, se amate una serie dissacrante e sbarazzina, che prende di mira gli stilemi del genere, Slow Horses risulta davvero imperdibile. Speriamo sinceramente ci sia (almeno) una terza stagione in arrivo. A Jackson Lamb e ai suoi sventurati compagni di disavventure ci si affeziona sul serio…