- Pubblicità -

Dopo l’inedito finale splatter dell’episodio numero 5, Downton Abbey 6×06 torna ad assumere toni più rassicuranti e conosciuti. Mentre il conte (Hugh Bonneville) è a letto, a riposo, in casa fervono i preparativi per aprire Downton ai visitatori; un solo giorno in cui il villaggio potrà curiosare nelle stanze dei Crawley. Downton Abbey 6x06 1Il ricavato andrà in beneficenza all’ospedale, a proposito del quale scoppierà una vera e propria guerra civile con un’agguerrita Lady Violet (Maggie Smith) contro tutti. Per quanto riguarda invece gli eredi di Downton, Mary (Michelle Dockery) e Edith (Laura Carmichael) sembrano completamente assorbite dai loro spasimanti, in trame piuttosto piatte e prevedebili, mentre Tom (Allen Leech) svolazza loro intorno come fosse un Cupido (parola di Mary). Molto più interessante la situazione donwstairs. Se da una parte per il signor Molesley (Kevin Doyle) e per la Signore Patmore (Lesley Nicol) si aprono nuovi orizzonti per una plausibile vita lontano da Downton, per Thomas il futuro appare sempre più oscuro.

In un episodio che non rappresenta il momento più alto della serie Itv, la storia della famiglia Crawley e dei suoi servitore offre comunque interessanti spunti di riflessione. Torna ad aleggiare pesantemente sulla tenuta lo spettro di un passato lontano, che non può più essere rievocato, mentre ognuno, dai piani bassi come dai piani alti, sembra aver trovato un modo per continuare la sua vita seguendo finalmente un’aspirazione personale e non soltanto quello che esige un ruolo sociale.

Downton Abbey 6x06 3Divertente, come al solito, il siparietto offerto dalla magnifica Maggie Smith e molto interessanti anche gli sviluppi della relazione trai personaggi di Michelle Dockery e Matthew Goode, seppure quaest’ultimo viene tratteggiato con troppa approssimazione e superficialità, ma quello che è senza dubbio il vero centro emotivo della puntata è il personaggio di Thomas Barrow, interpretato con estrema bravura e delicatezza, sin dalla prima stagione, da Rob James-Collier. Un personaggio così complesso da sembrare fuori posto persino allo spettatore, non solo agli altri caratteri che gli ruotano intorno. Artefice di gran parte delle sue disgrazie, Thomas è un personaggio con cui è difficilissimo entrare in sintonia per lo spettatore e che proprio nelle sue fragilità e nella sua difficile storia nasconde quell’umanità che invece manca a personaggi molto più positivi, in senso comune, quali lo stesso Carson (Jim Carter). L’ultimo confronto trai due è lacerante nel momento ci rendiamo conto che, mentre tutti parlano di tempo che passa e cose che cambiano, l’unica situazione che davvero non viene scalfita da nessuna guerra e da nessuna epidemia è il pregiudizio.Downton Abbey 6x06

- Pubblicità -
RASSEGNA PANORAMICA
Chiara Guida
Articolo precedenteHomeland 5×04 recensione dell’episodio con Claire Danes
Articolo successivoEmpire 2×05 recensione dell’episodio con Terrence Howard
Laureata in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è una gionalista e si occupa di critica cinematografica. Co-fondatrice di Cinefilos.it, lavora come direttore della testata da quando è stata fondata, nel 2010. Dal 2017, data di pubblicazione del suo primo libro, è autrice di saggi critici sul cinema, attività che coniuga al lavoro al giornale.
downton-abbey-6x06-recensione-dellepisodio-con-rob-james-collierl’unica situazione che davvero non viene scalfita da nessuna guerra e da nessuna epidemia è il pregiudizio.