Fargo 1×02 recensione dell’episodio con Martin Freeman

    515

    Fargo

    Nel secondo episodio di Fargo vengono confermati ampiamente i presupposti del pilot, la serie con un estetica e una sceneggiatura dettagliata ci accompagna nella vita di Lester e Larno, segnata dalla casualità degli eventi e da un mondo fatto di violenza e brutalità.

    Fargo 1x02-1The Rooster Price ci presenta i due scagnozzi, Mr. Numbers (Adam Goldberg) e Mr. Wrench (Russell Harvard) ingaggiati dai Fargo per sapere cosa sia successo a Sam Hass e il motivo per cui lo hanno ucciso, ma i due non sono gli unici, difatti Molly, ancora profondamente turbata dalla morte del suo Capo, cerca di fare giustizia ed indagare sugli eventi straordinari che si sono presentati in questa quieta cittadina del Minnesota. La sua insistenza porterà a numerosi confronti con Lester, che si rivela impacciato e confusionario nelle sue posizioni tanto da destare sempre più sospetti. Difatti l’assicuratore vive un momento di forte incertezza combattuto tra ciò che ha fatto e quello che è successo, tra le bugie e i sensi di colpa. Intanto Larno (Billy Bob Thornton) ha ricevuto un nuovo incarico ed è ignaro delle azioni che si sono messe in moto dopo la sua partenza.
    La puntata conferma la struttura narrativa precedente, i personaggi si relazionano e si confrontano con la mentalità di questa cittadina di montagna, ma nell’episodio viene ampliato il loro coinvolgimento emotivo che ha maggiore spazio e che rappresenta lo “stereotipo sociale”. Le scene più importanti sono il parallelismo tra Molly e Lester, che pone il confronto dell’elaborazione del lutto nonché una tensione crescente tra chi accusa e chi è colpevole. Il confronto viene ripetuto numerose volte e tutte le volte la sceneggiatura è perfettamente in grado di rispecchiare le azioni che muovono i personaggi nell’agire in quel modo. Altra caratteristica che viene confermata è la vena di umorismo nero che circonda la serie, qui rappresentate dalle vicende dei due scagnozzi, nonché l’ingenua ottusità del nuovo capo della polizia (Bob Odenkirk), che ostacola benevolmente le indagini per omicidio. Tra gli attori eccelle Martin Freeman che riesce ad evocare tutti gli stati d’animo di un pericoloso “uomo qualunque” che vive con distacco ciò che ha compiuto. Si conferma interessante il personaggio di Allison Tolman in grado di tenere vivo il grande senso di giustizia in netta contrapposizione con il personaggio di Colin Hanks, che ha avuto modo di mostrare il rovescio della medaglia.

    Fargo 1x02-2La nuova serie di Noah Hawley conferma le aspettative dello show sia nel discorso narrativo, con il ritratto sociale della società moderna, che nella regia, prediligendo lunghe dissolvenze per raccordi narrativi o allegorici che giocano con campi lunghi riprendono più piani e personaggi contemporaneamente, sottolineando ulteriormente l’importanza che ha il personaggio-uomo nella società contemporanea.