Home SerieTv Recensioni Masters of Sex 2x01 recensione dell'episodio con Michael Sheen

Masters of Sex 2×01 recensione dell’episodio con Michael Sheen

-

- Pubblicità -

masters-of-sex-logo

La season premier di Masters of Sex riesce ad evidenziare le caratteristiche che Michelle Ashford aveva strutturato per tutta la prima stagione, intrecciando presente e passato in una convincete puntata che negli ultimi minuti trova il giusto trampolino narrativo per portare nuova linfa alla seconda stagione.

- Pubblicità -

masters-of-sex-2x01Bill (Michael Sheen) è un uomo carico di emozioni, si sente: arrabbiato, per il mondo chiuso in cui vive la comunità scientifica, pensieroso, sulla relazione extraconiugale che ha con Virginia (Lizzy Caplan), e colpevole, nei confronti di Libby (Caitlin Fitzgerald) e di un figlio che non ha mai voluto. Questa frustrazione, latente che lo accompagna sin da quando era ragazzo,  lo porterà a compiere scelte definitive riguardo il suo lavoro e la sua vita.

Il primo episodio di Masters of Sex si snoda su due piani narrativi, quello reale in cui vediamo tutti i personaggi agire, tra cui:  le infedeltà di Austin (Teddy Sears), i problemi sessuali di Burton (Beau Bridges) e Libby combattuta tra il ruolo di madre e quello di moglie. Mentre dall’altra parte abbiamo i ricordi di quella notte, in cui Bill si è presentato a casa di Virginia. Notte che viene presentata sotto il punto di vista di Bill e in seguito di Virginia, dando così allo spettatore l’esatta versione di ciò che è accaduto quella notte, ossia, un momento di verità, o meglio, di resa l’uno all’altra ma senza amore (come sottolinea il mancato bacio) e con numerose logiche a bussare nelle loro teste ad impeto passato. masters-of-sex-2x01-3 (2)Questo segreto non verrà mai intaccato da situazioni con altri personaggi, anzi è custodito da sguardi rivolti altrove e parole non dichiarate, difatti entrambi non saranno mai presenti in scena con altri personaggi ma sempre singolarmente evitando i cliché di imbarazzi o altri semplici percorsi narrativi. La relazione sarà lontana anche dai problemi personali di Virginia che a lavoro viene etichettata come se indossasse “la lettera scarlatta”, così come i problemi familiari di Bill con l’ennesimo scontro con sua madre (Ann Dowd) che diventa solo un mezzo per ferirla anziché per confessare l’uomo che è diventato. Chi frenerà la passione dei due protagonisti è la vicenda drammatica di Burton, molto cara a Bill come dimostra la scena in ospedale e con Margaret (Allison Janney). Egli è disposto a sottoporsi alla tortura dell’elettroshock pur di veder “svanire” l’omosessualità, ma il fiasco e le parole di Margaret lo condurranno su una strada decisamente più autodistruttiva.

- Pubblicità -

masters-of-sex-2x01-2 (2)Parallax scritto dalla Ashford e diretto da Michael Apted riesce a tenere fede alle aspettative: risolve il cliffhanger del finale di stagione, vede i personaggi evolvere su nuovi (e complicati) temi narrativi facendoli crescere in un contesto che a sua volta muta intorno a loro. La puntata, seppur intuibile in un paio di passaggi, riesce perfettamente a cavalcare le emozioni inquadrate, grazie soprattutto agli ultimi minuti, in cui i due grandi protagonisti danno libero sfogo alla loro interpretazione.

 
Stefania Buccinnà
Sono un appassionata di Cinema e Serie televisive americane, motivo per cui mi sono iscritta all'università e mi sono laureata in Saperi e Tecniche dello Spettacolo Digitale presso l'università La Sapienza in Roma dove ho conseguito anche un Master di Primo Livello in Montaggio Video e Audio. Amo costruire strutture per immagini e scrivo per piacere, pensando che le due cose sono molto simili ma con grammatiche diverse. In fondo per me, scrivere una frase è come mettere insieme una scena.
- Advertisment -

ALTRE STORIE

- Advertisment -
- Advertisment -