Dragon Trainer: Il Mondo Nascosto

Li abbiamo conosciuti come cacciatori di draghi temerari e allo stesso tempo spaventati dalle tremende creature alate, li abbiamo accompagnati nella loro scoperta della vera natura di quelli che loro consideravano solo rettili infestanti e in Dragon Trainer – il mondo nascosto, il terzo e ultimo capitolo della saga Dreamworks, accompagniamo gli abitanti di Berk nel loro viaggio per proteggere e difendere quei draghi che sono diventati non solo amici, ma anche aiutanti e difensori, coinquilini di quell’isoletta diventata troppo stretta per tutti i draghi ospitati dal popolo di Hiccup.

 

L’avventura, il mistero, le emozioni sono i protagonisti principali di queste tre avventure, ma con loro, inutile nasconderlo, i personaggi più amati sono proprio i draghi, diversi per forme, potenzialità e carattere, proprio come le persone. Dalla Furia Buia, simbolo della saga, ai temibili Deathgripper che conosciamo solo nel Il mondo nascosto, ecco una rapida guida per conoscerli meglio:

  • Furia Buia: è, come detto, l’esemplare più originale e famoso del franchise, grazie a Sdentato, il drago personale di Hiccup. Possiede un corpo quasi del tutto nero, due paia di grandi ali e due membrane sulla coda, essenziali per il volo. Ha una massiccia potenza di fuoco di cui può controllare l’intensità. Il suo comportamento è molto simile a quello di un gatto, mentre i denti retrattili sono quelli ai quali l’esemplare protagonista deve il suo nome. Nonostante la sua natura feroce, è il più intelligente fra i draghi, capace di analizzare le situazioni e risolvere problemi che metterebbero in difficoltà chiunque. Si tratta di una specie molto rara, perché in passato cacciata ferocemente dagli acchiappadraghi e Sdentato sembra essere l’ultima Furia Buia di tutta Berk.
  • Uncinato Mortale: ha solitamente un’indole aggressiva e un temperamento molto suscettibile e vanitoso. Somiglia ad un uccello sia nell’aspetto che nel comportamento ed è dotato di squame variopinte. Esemplare molto agile, possiede quattro zampe e le ali, è un volatore molto resistente. Possiede il fuoco più caldo di tutti i draghi. Dalla coda può lanciare spuntoni ossei come proiettili. L’esemplare più famoso è Tempestosa, cavalcata da Astrid.
  • Gronkio: si tratta di uno degli esemplari più forti e resistenti, ha una testa enorme e un corpo minuscolo, con una tozza coda a mazza, fornita di spuntoni, mentre la pelle è durissima e molto bitorzoluta. Le ali del Gronkio ricordano come movimento quelle delle libellule e dei colibrì, e per farlo volare battono molto velocemente; questo drago è noto per essere capace di dormire mentre vola, volare di lato e persino all’indietro. Generalmente pigro e scontroso, il Gronkio è un combattente spietato e tenace, ma allo stesso tempo molto leale al suo cavaliere. Un esemplare femmina, Muscolone (Meatlug), è cavalcato da Gambedipesce.
  • Incubo Orrendo: è uno dei più feroci e temuti tra i draghi. Differentemente dagli altri draghi, le sue zampe anteriori e le ali sono fuse insieme come in uno pterosauro; all’estremità delle ali possiede lunghissimi artigli a forma di uncini, che gli consentono di aggrapparsi a qualsiasi superficie verticale e strisciare lungo i muri e le pareti. La sua strategia d’attacco preferita è quella di infuocarsi; questa tecnica lo rende un avversario molto temibile. Moccicoso cavalca Zannacurva (Hookfang).
  • Orripilante Bizippo: è un esemplare molto raro ed ha due teste indipendenti. Una produce un gas nocivo e altamente infiammabile, l’altra genera scintille, creando insieme esplosioni letali. I suoi denti possono inoltre iniettare veleno per predigerire le prede. Ha le ali proporzionate al corpo e possiede pupille molto sottili. Questo drago ricorda molto l’Idra, il mostro mitologico. Un esemplare maschio è cavalcato da Testabruta, che cavalca la testa sputa-gas chiamata Vomito (Barf), e da Testaditufo, che cavalca la testa sputa-scintille chiamata Rutto (Belch).
  • Terribile Terrore: è uno dei più piccoli draghi esistenti, ha un corpo non più grande di quello di un gatto e due ali molto piccole. In genere si sposta in gruppo ed è un esemplare molto curioso. I Terribili Terrori sono anche molto litigiosi e territoriali, e combattono spesso tra di loro. Anche se è piccolo, ha una millimetrica precisione di fuoco e i suoi colpi sono più simili a spari, è considerato il cecchino del mondo dei draghi.
  • Morte Rossa: si tratta di un colosso armato di una grossa mazza chiodata sulla coda e sei orribili occhi. Sembra che questo drago viva 2000 anni, durante i quali depone fino a 3000 uova. I piccoli poi nel corso dei successivi 100 anni si divorano a vicenda finché non ne rimane uno solo. La sua pelle pesantemente corazzata gli consente di resistere al caldo più estremo, e di vivere persino all’interno dei vulcani. A differenza degli altri draghi non ha un punto cieco grazie ai suoi sei occhi, e produce giganteschi torrenti di fuoco.
  • Grande Bestia Selvaggia – Il Re dei Draghi: è un drago bianco gigantesco. Vive nelle caverne glaciali e negli oceani, sputa ghiaccio e nonostante le ali non può volare. Viene considerato il “Re dei Draghi” in quanto può assoggettare gli altri draghi al proprio volere ma, solitamente, ha natura gentile e più che sfruttarli li protegge.
  • Tagliatempeste: è un drago molto intelligente e possiede quattro ali che gli permettono una grande manovrabilità nel volo. La sua fiammata è molto potente e appare come un vortice di fuoco. Il suo comportamento è simile a quello dei gufi. Saltanuvole è un esemplare guidato da Valka.
  • GrugnoZoppo: hanno l’aspetto di dinosauri alati con un corno, e una cresta che gli permette di captare ciò che hanno intorno. Può cambiare il colore delle proprie squame a suo piacimento. Valka ne possiede un esemplare cieco chiamato Gruff.
  • Dragoncelli: assomigliano a un incrocio tra Uncinato Mortale (corpo e zampe) e Orribilante Bizzippo (testa, spine e coda). Il loro comportamento assomiglia a quello del Terribile Terrore e possono essere di vari colori. Sputano un fiamma verde.
    Nel film i protagonisti ne cavalcano dei cuccioli.
  • Ruttocaldo: probabilmente sono imparentati col Gronkio in quanto ne sono molto simili. Sono però un po’ più grandi e hanno gli occhi più lontani dalle orecchie. Nonostante possano cibarsi di rocce preferiscono i metalli. Mentre dormono possono fare pressoché qualsiasi cosa. Nel film Gobber ne cavalca un esemplare chiamato Broncio (Grump).
  • Cornotonante: sono draghi corazzati dall’olfatto molto sviluppato. Amano “sguazzare” nello sporco per scovare nuovi odori. Sparano dei “missili” di fuoco che esplodono all’impatto. Nel film Stoik ne cavalca un esemplare chiamato Spaccateschi (Skullcrusher).
  • TagliaPioggia: ama volare nella pioggia e stare nei posti umidi pieni di vermi e larve di cui si nutre. Possiede una cresta sulla schiena simile a quella dello spinosauro. Valka ne ha salvato un esemplare a cui una rete aveva spezzato un’ala.
  • Squotimari: questi esemplari vivono negli oceani e si nutrono di pesce. Dall’aspetto simile a quello di una manta hanno: due grandi ali, due pinne più piccole e due teste. Utilizzano dell’elettricità come arma.
  • Canino Affilato: è un drago azzurro coperto di macchie rosse. Le zampe anteriori sono piccolissime mentre quelle posteriori sono possenti. È munito di un randello al termine della coda.
  • Deathgripper: hanno tutti un colore rosso sangue, con spessi segni neri sul corpo e sulle zampe. Hanno anche un paio di zanne bianche e placche su schiena e coda. Ognuno di loro possiede anche un pungiglione velenoso all’estremità della coda. Di quelli che vediamo in Dragon Trainer – il mondo nascosto, tutti indossano un collare perché assoggettati a Grimmel che li controlla con il loro stesso veleno. Sono descritti come “assassini di draghi”, non hanno quindi un carattere facile e presentano un’indole adeguata al cattivo che se ne serve.
  • Furia chiara:ne incontriamo una all’inizio del terzo film. Sembra avere un temperamento selvaggio, che non vuole avere rapporti con gli umani. L’incontro con Sdentato la rende più mite, anche se mantiene la diffidenza nei confronti degli esseri umani. È determinata, forte e molto silenziosa, le sue scaglie diventano specchi, tanto che riesce a mimetizzarsi e il suo getto di fuoco apre dei portali nello spazio. Il suo corpo è candido, molto simile a quello della Furia Buia.

Insomma, la saga di Dragon Trainer non ci ha offerto solo esemplari umani bizzarri, con protesi meccaniche (da veri vichinghi) e dinamiche di amicizia autentiche, ma anche un bestiario fantastico di tutto rispetto, che arricchisce la fantasie e l’immaginazione dello spettatore.

Adesso, con l’uscita in Home video di Dragon Trainer – il Mondo nascosto, sarà possibile rivedere di nuovo tutti i rettili volanti in azione, e sul loro dorso volare all’avventura.