Nightmare

Nightmare è uno dei film dell’orrore che ha fatto la storia del cinema e che ha dato vita ad una delle saghe più fortunate e durature. L’uomo degli incubi, l’iconico Freddy Krueger, non esita a tornare qualora si ripresenti l’occasione e un maglioncino a righe rosse e verdi aiuta a diversificarlo.

Sia del film che della saga se n’è sempre parlato tanto, ma ci sono cose che sono rimaste nell’ombra. Ecco dieci cose che, forse, non sapevate di Nightmare e della saga.

Nightmare – Dal profondo della notte

nightmare

1. L’ispirazione del personaggio di Freddy proviene da diversi avvenimenti. Il personaggio di Freddy Krueger è stato ideato sulla base di avvenimenti che Wes Craven ha subìto da bambino. Fred Krueger era un suo compagno di scuola che lo aveva bullizzato per diverso tempo, mentre l’aspetto di reddy è stato ispirato ad un senzatetto che Craven vide fuori dalla finestra mentre lo fissava, quando aveva dieci anni.

2. Il personaggio di Freddy ha la fisicità di del protagonista di Nosferatu – Il principe della notte (1979). Questo è stato quello che Robert Englund (Freddy Krueger) ha affermato, oltre al fatto che la backstory di Freddy era basata su alcuni fatti della sua infanzia. Il giorno di San Valentino, mentre Englund era a scuola, in classe ogni compagno aveva ricevuto una cartolina e Robert è stato l’unico e non riceverla. Englund ha teorizzato che questo ragazzo è diventato poi Freddy.

3. Nello script originale Freddy era diverso. Originariamente il maglione di Freddy, diventato famoso con i colori rosso e verde, era di colore rosso e giallo (basato sui colori di Plastic Man che, come Freddy, potrebbe cambiare la sua forma; l’idea era che Freddy aveva cambiato i colori i giallo e rosso). In ogni caso, quando Wes Craver lesse un articolo su Scientific American nel 1982 che diceva come la retina umana fosse di rosso e verde, decise di alterare i colori.

Nightmare: la saga

nightmare

4. La saga di Nightmare si compone di una serie di 9 film. Da Nightmare – Dal profondo della notte (1984) si sono sviluppati i seguenti film: Nightmare 2 – La rivincita (1985), Nightmare 3 – I guerrieri del sogno (1987), Nightmare 4 – Il non risveglio (1988), Nightmare 5 – Il mito (1989), Nightmare 6 – La fine (1991), Nightmare – Nuovo incubo (1994), Freddy vs. Jason (2003) e Nightmare (2010). A questi si aggiungono un’edizione a fumetti, due videogiochi e una miniserie televisiva, Freddy’s Nightmares, che si costituisce di 44 episodi. La saga, iniziata grazie all’idea geniale di Wes Craven, è proseguita nel corso degli anni grazie ad altri registi che hanno sempre cercato di non andare troppo oltre rispetto al concept originale. Krueger è un uomo che, anni prima della narrazione, uccideva i bambini della sua città in maniera cruenta, in una vecchia fabbrica abbandonata. Dopo essere stato arrestare, viene subito rilasciato in seguito ad un errore del giudice. I genitori decidono di vendicarsi da soli, raggiungono Freddy, lo linciano e gli danno fuoco nella sua casa. Dopo molti anni, Freddy ritorna in forma di demone, convinto che nessuno possa ostacolare i suoi folli piani omicidi.

5. Il tema di base, quello dei ragazzi uccisi, nacque da una serie di articoli pubblicati sul Los Angeles Times. Questi articoli riguardavano un gruppo di rifugiati laotiani, di etnia Hmong, che erano arrivati da poco in America, e tre di loro morirono in circostanze inspiegabili in meno di un anno. Gli Hmong credono che uno spirito malevolo si manifesti in sembianze femminili a chi si sottrae all’incarico di sciamano. I tre ragazzi, poi morti, iniziarono ad essere tormentati da incubi talmente spaventosi che si decisero a rimanere svegli il più possibile, per poi alla fine crollare e sognare di nuovo. Pare che i treni, senza alcun problema di salute, siano morti così.

6. Dalla saga di Nightmare sono nati vari progetti. Nel 2003 viene realizzato Freddy vs. Jason, un film crossover che coinvolge Freddy Krueger e Jason Voorhees della saga di Venerdì 13 e viene realizzato, nel 2010, il remake del primo capitolo con lo stesso titolo. Nel 2013, la collana Horror Projecy ha pubblicato Freddy Krueger – Il mito, un libro scritto da Daniele Francardi, Roberto Giacomelli, Marco Saraga, Francesco Massaccesi, Luca Ruocco e Giacomo Ferigioni. Il libro è un omaggio e un’analisi a tutto tondo dell’universo di Freddy Krueger.

Nightmare 2 – La rivincita

nightmare

7. Wes Craven ha rifiutato di fare il secondo film della saga. Wes Craven ha rifiutato di dirigere quello che poi è diventato il secondo film della saga, perché non aveva intenzione che Nightmare diventasse un franchise (e che il primo film avesse un lieto fine). A Craven non piaceva nemmeno l’idea che Freddy manipolasse il protagonista a commettere gli omicidi. Nightmare 2 è l’unico film della saga in cui Freddy uccide ognuna della sue vittime al di fuori dei loro sogni.

8. In Nightmare 2 venne cambiato il make-up artist. Kevin Yagher rimpiazzò David B. Miller, che aveva realizzato il make-up originale di Freddy. Yagher, dopo essersi basato su alcune immagini e sul film originale, ridisegnò il look di Freddy. Per farlo sembrare più veritiero e spaventoso, Yagher si mise anche a studiare delle immagini di alcune vittime di ustioni e questo gli consentì di fare delle modifiche al look originale, concentrandosi sulle ossa del viso.

Nightmare: il remake del 2010

nightmare

9. Nel 2010 venne fatto un remake del primo capitolo della serie. Wes Craven, creatore originale del primo film del concept di Freddy, di disse contrario del fatto che si sarebbe fatto il remake di un suo film e deluso per non essere stato contattato per una consulenza sulla sceneggiatura e sul progetto in generle. Robert Englund, che ha vestito i panni di Freddy, si disse invece contento della scelta, per il semplice fatto che con la tecnologia della grafica computerizzata si sarebbero potute gestire meglio le scene degli incubi, rendendole più spaventose ed immersive

10. Per il rifacimento di Nightmare si ritenne opportuno cercare un altro attore che interpretasse Freddy. In realtà, il programma era quello di dare vita ad un restauro della saga e si pensò di trovare un nuovo attore che vestisse i panni dell’uomo nero: si pensò a Billy Bob Thorron e a Jackie Earle Haley che ottenne la parte. Per il ruolo di Nancy Thompson venne scritturata Rooney Mara. Entrambi avevano firmato anche per un sequel.

Fonti: IMDb