The War - Il pianeta delle scimmie film

Nono film della serie de Il pianeta delle scimmie, The War – Il pianeta delle scimmie è anche il terzo e conclusivo capitolo della nuova trilogia diretta da Matt Reeves. Iniziata con L’alba del pianeta delle scimmie nel 2011, proseguita con Apes Revolution – Il pianeta delle scimmie nel 2014, la storia trova ora una degna conclusione alle gesta del primate Cesare. Resa estremamente intelligente in seguito ad una modificazione genetica, la scimmia è ora a capo della sua tribù, che dovrà guidare attraverso numerosi pericoli e minacce, tra cui quella rappresentata dagli ultimi umani ancora esistenti.

Per poter portare a termine quanto fino a quel momento realizzato, Reeves e il co-sceneggiatore Mark Bomback si presero un lungo tempo per condurre ricerche e trovare fonti di ispirazione da altri film. Tra i film che hanno poi fornito le idee principali sono stati citati celebri titoli quali L’impero colpisce ancora, Il ponte sul fiume Kwai, La grande fuga, Apocalypse Now, Il texano dagli occhi di ghiaccio e I dieci comandamenti. Ognuno di questi ha permesso così di dar vita al contesto, al conflitto e a molti dei personaggi del film. I due autori, in particolare, hanno lavorato per rendere questo terzo capitolo ancor più cupo e ricco di epica nello scontro finale.

Al momento della sua uscita in sala, il film ottenne un’accoglienza particolarmente favorevole da parte di critica e pubblico. Con un budget di circa 150 milioni di dollari, il film arrivò ad un guadagno complessivo a livello mondiale di circa 487,8 milioni. Particolarmente apprezzati furono ovviamente gli effetti speciali di motion capture, che hanno qui raggiunto ulteriori livelli di realismo. Non per niente, il film ottenne numerosi riconoscimenti a riguardo, tra cui una nomination ai premi Oscar e quattro vittorie ai VES Awards, massimo riconoscimento dedicato ai professionisti degli effetti visivi.

The War – Il pianeta delle scimmie: la trama del film

Il terzo film della trilogia è ambientato nel 2028, due anni dopo il precedente capitolo. In questo lasso di tempo, lo scontro tra le scimmie evolute e gli umani sopravvissuti è diventato sempre più acceso e violento. Il primate Cesare è ancora il leader dei suoi simili, e sembra essere più forte e saggio che mai. Egli è consapevole che una pace tra la sua specie e quella umana è impossibile. Sceglie dunque di mantenere le distanze, ricercando una tranquillità per sé e per la propria famiglia. Tuttavia, nel momento in cui un gruppo di umani attacca le scimmie, uccidendo anche i cari di Cesare, tale via non sembra più percorribile. Il leader dei primati torna così a rivestire i panni del guerriero, aspirando ad una feroce vendetta.

Intrapresa così una nuova battaglia contro gli umani, arriverà a scontrarsi con lo spietato colonnello J. Wasley McCullough. Questi non ha nessuna intenzione di cedere il pianeta ai primati, e progetta dunque una distruzione di massa nei loro confronti. All’interno della sua base, infatti, egli dà vita a veri e propri campi di concentramento, dove le scimmie catturate sono ridotte in schiavitù, costrette a costruire armi che verranno poi usate contro i loro simili. In mezzo a questi orrori, però, Cesare ritrova una bambina muta, chiamata Nova, e che sembra poter essere la speranza di convivenza tra umani e scimmie. Sarà proprio lei a permettergli di affrontare la battaglia con un animo e una consapevolezza nuovi, elementi fondamentali per la sopravvivenza.

The War - Il pianeta delle scimmie cast

The War – Il pianeta delle scimmie: il cast del film

A dar volto alla scimmia Cesare, vi è nuovamente il grande Andy Serkis. Celebre per le sue performance di motion capture per personaggi come Gollum, King Kong e il Leader Snoke, Serkis si è nuovamente calato nei panni del primate ricercando un sempre maggiore realismo. L’attore, infatti, ha continuato i suoi studi sul movimento delle scimmie, allenandosi per riprodurli in modo fedele. Ciò ha permesso poi alla tecnologia della motion capture di utilizzare questi per dar vita al personaggio. Per la sua interpretazione in questo film, Serkis è stato indicato come meritevole di una nomination al premio Oscar. Questa non si è poi concretizzata, dando vita ad una serie di dibattiti sulla natura di tali nuove tecnologie unite alla recitazione.

In questo film vi è inoltre l’ingresso dell’attore Woody Harrelson, che dà vita ad un nuovo e inquietante villain. Per prepararsi al ruolo, l’interprete ha studiato le biografie di celebri generali di guerra delle storia, modellando l’atteggiamento del colonnello McCullough su di essi. Harrelson, inoltre, suggerì diverse modifiche alle scene che lo includevano. Secondo lui era infatti necessario mostrare concretamente la brutalità del suo personaggio, affinché questo potesse essere preso sul serio. Per Harrelson non fu però facile interpretare questo ruolo immaginando di dover fare la guerra a delle scimmie. Nella realtà, infatti, egli è un convinto vegano e sostiene diverse cause per i diritti degli animali.

Nel cast sono poi presenti altri noti attori tanto in ruoli da scimmia che da umani. Per i primi si annoverano Karin Konoval nei panni dell’orango Maurice. Consigliere di Cesare, questo pronuncia qui per la prima volta delle parole in lingua inglese. Ty Olsson è invece Red, uno dei gorilla traditori che servono il colonnello nella battaglia contro Cesare. Steve Zahn è invece Scimmia cattiva, nuovo entrato nel gruppo di Cesare. Infine, l’attrice Judy Greer è Cornelia, moglie di Cesare. Per quanto riguarda gli umani, invece, la giovanissima Amiah Miller è stata scelta tra numerosissime candidate per interpretare il personaggio della bambina Nova, particolarmente importante all’interno dell’intera saga.

The War – Il pianeta delle scimmie: il sequel, il trailer e dove vedere il film in streaming e in TV

Dato il grande successo del film, il regista non ha mai escluso di poter continuare la storia delle scimmie protagoniste e della loro conquista del pianeta terra. Nel 2017, in seguito all’uscita di The War – Il pianeta delle scimmie, ha annunciato di avere in progetto altri film ambientati in questo contesto. In particolare, la sua intenzione sembra essere quella di raccontare cosa è accaduto dopo, concentrandosi sui possibili scontri tra il gruppo di scimmie di Cesare con altri gruppi esterni. Reeves ha infatti indicato come estremamente affascinante la possibilità che vi siano altre comunità di primati intelligenti, ognuna delle quali aspira ad avere il dominio del pianeta. Ad oggi, però, non vi sono ancora state notizie riguardanti tali nuovi progetti.

Per gli appassionati del film, o per chi desidera vederlo per la prima volta, Tre manifesti a Ebbing, Missouri sarà trasmesso in televisione martedì 29 settembre, alle ore 21:30 sul canale Italia Uno. Il film però disponibile anche in alcune delle principali piattaforme streaming oggi disponibili. È infatti presente su Rakuten TV, Chili Cinema, Infinity, Tim Vision, e Amazon Prime Video. In base alla piattaforma scelta, sarà possibile noleggiare il singolo film o sottoscrivere un abbonamento generale al catalogo. In questo modo sarà poi possibile fruire del titolo in tutta comodità e al meglio della qualità video.

Fonte: IMDb