Titane: la spiegazione del finale del film Palma d’Oro a Cannes

-

Titane si conclude con una nota sensibile e premurosa, diversa dagli ultraviolenti minuti iniziali del film, in quanto tutte le sue assurdità avvengono in modo del tutto naturale e si fondono in una narrazione tradizionale. Titane (la nostra recensione) segue Alexia, che dopo aver commesso una serie di omicidi si traveste da figlio di un pompiere scomparso da 10 anni. Il forte legame che i due sviluppano fa assopire la loro natura autodistruttiva, ma Alexia rimane incinta grazie a una macchina, ed è solo questione di tempo prima che la verità su di lei venga svelata.

Il vincitore della Palma d’Oro del 2021 è sia un film di body horror che un’avvincente storia d’amore. Segue le orme dell’altrettanto controverso film di David Cronenberg, Crash, mettendo insieme macchine ed esseri umani come vasi di cruda energia sessuale, che trasmettono parole non dette attraverso la pelle. Titane è il secondo lungometraggio di Julia Ducournau, che ha dimostrato di essere competente quando si tratta di bilanciare orrore e dramma con il suo inquietante debutto, Raw.

Cosa succede nel finale di Titane

Cosa succede nel finale di Titane

Anche dopo aver scoperto la vera identità e la gravidanza di Alexia, Vincent non la denuncia e continua ad amarla e a proteggerla come parte della sua famiglia. Tuttavia, quando Alexia fa emergere il suo vero io alla caserma dei pompieri, un misto di vergogna e delusione travolge Vincent, portando i due a percorrere ancora una volta la strada dell’autodistruzione: Vincent si ubriaca e si brucia con il fuoco, mentre Alexia si dedica a un’attività sessuale con un camion dei pompieri, provocando il crollo totale del suo corpo.

Con il bambino in arrivo, Alexia si precipita da Vincent per sentirsi al sicuro. Nell’inquietante scena finale dell’amato ma difficilmente raccomandabile film, Vincent aiuta Alexia con il bambino nonostante lo shock iniziale di vedere il suo corpo consumato dal titanio. Il bambino sopravvive, ma Alexia soccombe alle placche metalliche, lasciando Vincent con un bambino metà macchina e metà uomo che sostituisce sia il figlio scomparso che il ruolo di Alexia nella sua vita.

Qual è il significato della relazione tra Alexia e Vincent?

Titane Alexia e Vincent

Le circostanze che portano alla relazione tra Alexia e Vincent sono basate sulla brutalità. Sono personaggi tormentati che conducono la loro vita attraverso un percorso di autodistruzione: Alexia sfoga la rabbia dei suoi traumi nei rapporti sessuali con le auto, mentre Vincent attenua il dolore per la perdita del figlio iniettando dosi sconsiderate di steroidi nel suo corpo. Quando i due si incontrano, sembra che siano finalmente pronti a lasciar andare la violenza che infliggono a se stessi, ma è solo questione di tempo prima che i loro lividi esplodano di nuovo.

A parte il contenuto violento di Titane, che ha provocato l’abbandono del cinema, la più grande controversia del film ruota attorno alle allusioni all’incesto tra Alexia e Vincent, ma ciò che potrebbe sfuggire agli spettatori è che Vincent non ha mai creduto che Alexia fosse Adrien. Il più grande dilemma della loro relazione è che Alexia pensa che Vincent la ami solo perché proietta Adrien su di lei, mentre Vincent cerca di evitare ciò che prova realmente per Alexia perché non sa come esprimerlo. Quando accidentalmente vede chi è veramente lei nel bagno, i due sono costretti ad affrontare prematuramente i loro sentimenti, anche se non li hanno ancora capiti.

Nella scena finale del letto, l’amore genitoriale e quello romantico si scontrano in un momento scomodo, ma speciale, tra i due. Con il suo secondo film, Julia Ducournau presenta personaggi i cui corpi sono i vasi delle loro ossessioni, nascosti da strati di vestiti ma facilmente esposti ogni volta che si concedono a qualcuno. Solo che non si sono mai ritenute degne di una relazione sensibile fino a quando non si sono trovate l’una con l’altra, e non sapere come amare è pericoloso quanto arrendersi alla solitudine. Come se non bastasse, gli impulsi violenti di Alexia la trasformano in una vera e propria macchina, in contrasto con Vincent, che cerca disperatamente di sfuggire all’invecchiamento, che è alla base della condizione umana.

Cosa rappresenta il bambino di Alexia

In Titane, la famiglia è ciò che si crea. Gli anni trascorsi da Alexia con il padre violento la trasformano in una macchina indomabile, mentre Vincent proietta suo figlio in Alexia, liberando tutte le insicurezze che aveva come padre duro e violento. Nel mezzo di tutto questo, nasce l’inquietante figlio di Alexia: un neonato ricoperto di chiazze di titanio su tutto il corpo. Il bambino rappresenta la sconfitta di Alexia nel superare il suo passato oscuro e la frustrazione di Vincent nel non riuscire a proteggere di nuovo la sua amata, ma allo stesso tempo, il bambino è anche un simbolo di speranza per Vincent, che si guadagna una seconda possibilità.

Inoltre, il bambino di Alexia le ricorda costantemente che è umana, cosa contro cui cerca di lottare per la maggior parte del film. La placca di titanio sulla testa le dà uno scopo, ma le macchine non possono avere figli. In effetti, l’umanità è tecnicamente progettata per vivere e lasciar vivere. La maternità di Alexia la sfida ad accettare il suo vero io, ma il bambino rivela che il titanio ha preso completamente il sopravvento sugli interni di Alexias. Alla fine, quella che è la sua debolezza passa al bambino come la sua più grande forza: un corpo forgiato nel titanio, ma un pianto umano come quello di qualsiasi altro bambino.

Il vero significato della fine di Titane

Il vero significato della fine di Titane

Titane è un film legato all’autodistruzione e alla dissociazione. Sebbene il romanticismo, il sesso e la famiglia siano spesso considerati argomenti delicati della vita, Julia Ducournau decostruisce questi concetti come crudi fondamenti dell’umanità in una storia in cui l’umanità stessa ha perso il suo significato. Il film inizia con Alexia che rifiuta ogni briciolo di umanità: ha rapporti sessuali con le macchine, uccide i propri genitori, rifiuta ogni forma di affetto e compie una serie di omicidi. Tuttavia, Vincent entra nella sua vita e la fa sentire amata, e ora il concetto stesso di amore diventa contorto nella loro sconcertante relazione.

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

- Pubblicità -