the shape of water

Trai titoli più attesi di Venezia 74, The Shape of Water ha segnato il ritorno di Guillermo Del Toro ad atmosfere congeniali, a una storia semplice, alla fiaba macabra, al suo amore, puro e cristallino, per il cinema.

 
 

Accompagnato dal suo cast (Sally Hawkins, Octavia Spencer e Richard Jenkins), il regista messicano ha definito il suo film un antidoto al cinismo dei nostri giorni, proprio grazie alla sua genuina natura di fiaba. “Dovremmo scegliere l’amore al posto della paura. La paura sta prendendo il sopravvento nel nostro mondo.”

D’altronde la fiaba è sempre stato il modo prediletto per raccontare grandi storia secondo Del Toro, che aggiunge: “Il cinema di oggi è fissato nelle indicazioni di tempo e luogo, nella fiaba invece c’è il ‘C’era una volta’ e questo la rende indeterminato e per questo sempre attuale.”

La musica di The Shape of Water

L’ambientazione del film è quella dell’America degli anni ’60, tuttavia un miscuglio di atmosfere, musiche e colori conferisce alla storia una atemporalità sospesa, che è stata ottenuto con il lavoro congiunto di una fotografia meticolosa insieme allo spettacolare lavoro di composizione musicale di Alexander Desplat.

“Il colore è importantissimo nel film. Bisogna avere sempre un’idea chiara di quello che si vuole, ma poi si deve anche lavorare a ciò che viene dalla collaborazione e dal confronto. Tutto ciò che circonda Eliza è verde e azzurro, come fosse una presenza sottomarina, mentre il rosso non c’è mai, ma rappresenta l’amore e lo vediamo nelle sue scarpe, nel vestito, nelle poltrone del cinema, ma non prima. Il lavoro con la luce è stato meticoloso. La scena della vasca, ad esempio, ha richiesto sei ore solo per l’illuminazione.”

Le musiche invece sono state costruite sull’esempio, tra gli altri, del lavoro di Nino Rota, sull’onda delle emozioni. Lo stesso Desplat ha registrato di sua propria bocca un fischio, scelto come “strumento” che riuscisse a cavalcare l’onda delle emozioni veicolate dal film stesso.

La Bella e la Bestia

Nell’ambito della fiaba, Del Toro spiega: “Il film ripercorre La Bella e la Bestia, ma ci sono due versioni di quella storia, una casta e romantica, l’altra violenta e torbida. A me non interessava nessuna delle due, io volevo raccontare una via di mezzo, perché la realtà è estremamente più complicata di così. La stessa Eliza è un personaggio completo, una donna normale che vive normalmente la sua sessualità, esiste ed è normale che sia così.”

Per quanto riguarda l’ambientazione invece, il regista ha spiegato: “Credo si tratti di quell’America piena di promesse a cui si riferisce chi dice di voler renderen ‘l’America grande di nuovo’. Era un periodo ricco di promesse e aspettative, c’erano molte cose belle ma non erano per tutti. La creatura rappresenta quell’alterità che io conosco bene da messicano che lavora anche in America. Si tratta di un mondo difficile in cui solo l’amore può essere una cosa abbastanza forte da salvare le persone. Sembra una frase assurda nel mondo cinico di oggi ma lo dicevano i Beatles e lo diceva Gesù, e credo sia difficile che si siano sbagliati entrambi.”

Hawkins, Spencer e Jenkins

A interpretare la protagonista, una donna orfana e muta, c’è Sally Hawkins, che con un lavoro magistrale consegna al cinema uno dei suoi migliori personaggi femminili degli ultimi anni. “Guillermo è molto generoso e alcune cose accadono esattamente quando devono accadere. Come l’incontro con lui, ad esempio. Io stavo scrivendo una storia su una donna che non sa di essere una sirena, e di punto in bianco arriva la chiamata del mio agente, che mi propone di lavorare a una storia, non ancora scrittza, pensata da Guillermo Del Toro, in cui si parla proprio di uomini pesce. Le idee si sono sovrapposte. È molto raro quando le cose coincidono in questo modo.”

Per Octavia Spencer, che nel film è Zelda, una donna delle pulizie, si è trattato di tornare indietro al personaggio che le ha regalato l’Oscar in The Help. L’attrice però ha spiegato: “Minni era una donna molto intelligente che però non aveva la sua voce. Con Zelda ho ritrovato un personaggio che pur essendo più disciplinato di Minni, ha una voce propria, e la utilizza per darla anche alla sua coraggiosa migliore amica, Eliza.”

A completare il novero degli ospiti, Richard Jenkins è intervenuto lodando in particolar modo lo script di The Shape of Water. L’attore è il vicino di Eliza; artista solitario e problematico, ma anche lui in cerca di affetto. “Tutto ciò che di buono ho fatto per il personaggio era nella sceneggiatura. Guillermo mi ha mandato la sceneggiatura e mi ha detto ‘dimmi se ami questo personaggio quanto lo amo io’, e il risultato è stato amore a prima lettura.”

Del Toro è famoso per scrivere delle biografie per i suoi personaggi e The Shape of Water non fa differenza: “Ho scritto delle biografie per ognuno di loro, tranne che per il personaggio di Sally e per la creatura. Con Sally ho lavorato gomito a gomito, abbiamo creato insieme Eliza. Per la creatura invece ho fatto un lavoro diverso. Se ci fate caso non ha neanche nome, e questo perché per ognuno rappresenta una cosa diversa, una specie di Teorema di Pasolini.”

the shape of waterIl futuro e Pinocchio

Nonostante al Lido The Shape of Water sia stato acclamato come il grande ritorno di Del Toro, il regista ha altri progetti estremamente nelle sue corde in cantiere, come il film in stop-motion su Pinocchio. “Ho i pupazzi e i concept pronti ma mancano i soldi. È anche vero che tendo a complicarmi la vita da solo, perché quando volevo fare Hellboy a nessuno piaceva l’idea di un film di supereroi, per Pacific Rim nessuno voleva vedere robot giganti combattere contro mostri e per il Labirinto del Fauna, nessuno voleva produrre un film su quel periodo della storia di Spagna. Ammetto che volendo raccontare la storia di un Pinocchio anti-fascista durante l’ascesa di Mussolini, anche io non mi rendo la vita facile. Mi servono 35 milioni di dollari. Se li aveste voi fareste di me un messicano contento. ”