La recensione del film Il Truffacuori di Pascal Chaumeil (L’arnacoeur), presentata allo scorso Tribeca Film Festival con il titolo Heartbreaker. Il Truffacuori – “La vostra unica figlia è follemente innamorata di un ostinato imbecille? Vostra sorella si è appena fidanzata con un rozzo bruto? La vostra miglior amica esce con uno stronzo? C’è un uomo che può ancora salvare la situazione. Il suo nome: Alex Lippi. La sua professione: sabotatore di coppie. Il suo metodo: la seduzione!”

 
 

Così comincia Il Truffacuori, la commedia di Pascal Chaumeil (L’arnacoeur), presentata allo scorso Tribeca Film Festival con il titolo Heartbreaker. Alex (Romain Duris), la sorella Melanie (Julie Ferrier) e il marito Marc (Francois Damiens), insieme costituiscono una troupe imbattibile. Il loro mestiere? Mandare all’aria relazioni sentimentali di donne infelici. Ogni mezzo è opportuno pur di raggiungere l’obiettivo della missione: nascondigli, intercettazioni, false identità, paesaggi romantici come dune sabbiose sorvolate da uccelli rarissimi (appena liberati da una voliera), frasi appassionate, sorrisi smaglianti e pianti al momento giusto.

Il Truffacuori

Una vera squadra di 007 dell’amore, o meglio, della separazione. Nessuna complicazione sentimentale. Questa è la regola principale. Alex è perfetto nel suo ruolo da adorabile scavezzacollo, riesce a conquistare tutte le donne cui mira, per poi tirarsi indietro al momento giusto. Poi però arriva Juliette (Vanessa Paradis), una giovane e affascinante ereditiera, colta ed emancipata. Tra dieci giorni sposerà un giovane e ricco inglese, Jonathan (Andrew Lincoln). Il padre di Juliette (Jacques Frantz) teme che sua figlia possa annoiarsi a morte in questo matrimonio e quindi chiede ad Alex di occuparsi di lei. Inizialmente al trio dei Truffacuori, appare una missione improbabile, sia per il poco tempo a disposizione, ma soprattutto perché Juliette sembra veramente innamorata del suo futuro sposo.

Decidono comunque di inseguire questa missione e partono verso il Principato di Monaco, dove Juliette sta organizzando il matrimonio. Inizia così, una Mission Impossible di seduzione in cui Alex scoprirà a sue spese che il piano perfetto non esiste e che non sempre è semplice ritirarsi al momento giusto. Il truffacuori, primo lungometraggio del regista televisivo Pascal Chaumeil, è una commedia fresca, con una sceneggiatura semplice che fa scorrere il film con ritmo e leggerezza. Ad ogni modo, ciò che rende gradevole il film è l’interpretazione del carismatico ed espressivo Romain Duris, (il nostro Luca Argentero francese), il quale riempie lo schermo e ci fa sorridere con le sue espressioni smaliziate. Indimenticabile la scena in cui i due protagonisti ballano sulle note di Dirty Dancing. In definitiva è un film piacevole se si è disposti a fantasticare senza fare troppe domande sulla trama, perché come ogni commedia romantica, lo spettatore conosce fin dall’inizio quale sarà il destino dei personaggi.

Ma forse è per questo che ha avuto in Francia così successo (prima in classifica nel box office con oltre 20 milioni di euro e 3 milioni di spettatori), e probabilmente lo avrà in altri Paesi, perché a volte gli spettatori hanno voglia di sognare e soprattutto di vedere le cose a loro modo, senza alcuna sorpresa. Il film uscirà in Italia l’11 febbraio 2011.