- Pubblicità -

Le nuotatrici (The Swimmers) è stato il film di apertura dell’ultimo Toronto Film Festival, diretto dalla regista di origine egiziana Sally El Hosaini; ora disponibile su Netflix, racconta la storia vera di due sorelle nuotatrici che sono fuggite dall’orrore della guerra siriana alla ricerca di un futuro – sportivo e umano – più stimolante.

 
 

The Swimmers: la storia vera di Yusra e Sara Mardini

Diretto da Sally El Hosaini – habitué della fabbrica Netflix, dato che ha scritto le sceneggiature di Enola Holmes e di His Dark MaterialsThe Swimmers è un film diviso in tre parti: la prima si svolge a Damasco, dove dal 2015 gli attentati terroristici sono diventati sempre più frequenti, come racconta l’autobiografia della nuotatrice professionista Yusra Mardini, vero e proprio punto di partenza per la trama del film. Ci vengono così presentate Yusra (Nathalie Issa) e sua sorella Sara (Manal Issa) che, nel 2011, sono due adolescenti felici e spensierate che vivono a Damasco. Il padre le allena entrambe come nuotatrici, ma è chiaro che ha una preferenza per Yusra, la più giovane, molto più determinata, brava a scuola e dedita ai sacrifici. Sara, infastidita da questa differenza, presta meno attenzione al nuoto e preferisce festeggiare con gli amici. Fotografato, come tutto ciò che fa riferimento al Medio Oriente, con una tavolozza di colori dominata dal giallo e dall’arancione, questa prima parte del film ci mostra la crescente tensione familiare di fronte a una situazione sempre più insostenibile, al punto che il padre delle sorelle Yusra e Sara alla fine cede e decide di sostenere il loro viaggio verso la Germania, dove un amico promette di accoglierle.

Poiché Yusra ha 17 anni, il progetto è di stabilirsi lì e poi portare il resto della famiglia Mardini, approfittando del diritto al ricongiungimento familiare per i minori di 18 anni, cosa che non avverrà. Ma la strada è ancora lunga, perché la parte centrale della storia è dedicata al lungo viaggio delle sorelle dalla Siria alla Germania. Un viaggio traumatico che comprende fughe dalla polizia, gangster che chiedono soldi per trasferimenti illegali, fame, sete e una traversata del Mar Egeo su un gommone molto precario e che il film – indugiando troppo nel suo difetto espositivo più evidente – mostra non tanto come un’esperienza terrificante quanto, in modo molto approssimativo, come un viaggio dalla bellezza formale a tratti “poetica”.

L’ultima sezione abbraccia i cliché dei film sportivi per mostrare la lotta di una delle sorelle per competere ai Giochi Olimpici del 2016 a Rio de Janeiro. Proprio a questo punto, The Swimmers acquista la maggior parte del suo coraggio dimostrando di avere sangue nelle vene e allontanandosi dall’accademismo ben congegnato che aveva prevalso fino a quel momento.

Un racconto romanticizzato ma che va al sodo

The Swimmers è un film che non lascia inutilizzato nessun effetto drammatico ed emotivo (comprese le musiche, che passano dall’epica alle hit pop del momento), risorse classiche che possono travolgere se ci si avvicina aspettandosi una storia raccontata in tono più o meno realistico. Ma non è questo che propone il film, bensì un approccio “familiare”, in stile hollywoodiano, a una storia difficile come quella vissuta dalle sorelle. E sebbene ci siano scene dure e difficili, il film non abbandona mai il suo tono gioviale e speranzoso.

Ciò non significa che la coproduzione britannico-statunitense non vada al sodo. Soprattutto nei primi due terzi, la regista e sceneggiatrice Sally El Hosaini non risparmia il pubblico. Illustra quanto sia diventata pericolosa la situazione in Siri: per raggiungere questo obiettivo, l’autrice si affida a forti contrasti, alternando frammenti della vita quotidiana delle giovani donne agli orrori della guerra. I sogni delle due e la gioia di vivere che vorrebbero manifestare non corrispondono alle bombe che potrebbero colpirle in qualsiasi momento. The Swimmers riesce così a dare un volto al tema della fuga e chiarisce perché tutte queste persone hanno dovuto abbandonare le loro case: in questo modo, le due protagonisti e il loro cugino diventano simboli rappresentativi in cui il tema del destino individuale e quello sociale si fondono.

Forse l’interpretazione più consona di The Swimmers è quella di un film che è molto più di una toccante storia vera che rende visibile la prospettiva dei rifugiati: è un film di speranza e di ispirazione su due giovani donne incredibilmente forti che hanno il coraggio di non rinunciare mai ai loro sogni e il cui forte senso di sorellanza le porta a superare tutti gli ostacoli.

- Pubblicità -