Mai Morire

Al Festival arriva il giorno del primo film dal Sud America in Concorso, Mai Morire, pellicola  messicana diretta da Enrique River, già autore nel 2008 del film Parque vía.

 

Mai Morire racconta la storia di Chayo che fa ritorno a Xochimilco, suo paese natale, per prendersi cura dell’anziana madre e affrontarne la morte. Circondata da amore e da una bellezza sublime, Chayo si ritroverà a rinunciare a ciò che come donna e madre è irrinunciabile. E sarà proprio questo il prezzo della sua liberazione.

L’opera si presenta come un’affascinante  insieme di suggestioni, sensazioni e  tradizioni del Messico, che fa della suo misticismo una delle peculiarità più sfruttate nel cinema ma anche uno degli aspetti più sensazionali. Questo aspetto è così presente e invadente da rappresentare anche il limite più grande del film, se pensiamo alla difficile condizione nella quale la protagonista muove i suoi passi, fatti non tanto di avvenimenti, quanto di sensazioni da provare, luoghi da visitare, mani da sfiorare.

Quello che maggiormente colpisce del film è l’incomunicabilità che accomuna gran parte dei personaggi, salvo forse i due bambini, figli della protagonista, che nel film rappresentano l’innocenza. E’ questa incomunicabilità che rende più difficile affrontare i rapporti della protagonista che ritorna nella sua terra natia per redimersi dal passato.

Enrique River al suo secondo lungometraggio riesce nell’intento di trasporre in immagini un mondo incredibile che fa della fede e del culto dei morti una delle ragioni di vita, anche grazie ad una splendida fotografia e ad un’amabile sensibilità per i piccoli gesti e l’inafferrabile silenzio che contaminano tutto il lavoro. Non sarà forse il film migliore del Festival ma di certo è il più coerente dei lavori.