Non sono un assassino

Non sono un assassino non è il classico film che cerca di trattare una tematica processuale oppure di mostrare una lista di intersecati eventi e parlare del tema della giustizia.

In questo film è l’investigazione la reale protagonista, figlia di sospetti e sotterfugi che sembra guardare oltre, andando al di là della convezione da thriller, cercando di scavare nel fondo dell’animo umano, delle sue modificazioni, delle sue condotte e dei suoi punti di non ritorno, opponendosi alla purezza.

Non sono un assassino è proprio questo, il capire come l’ego di una persona sia capace di disegnare un uomo perfetto, affascinante e ricco di qualità solo all’apparenza, per poi scoprire che non fa che rivelare di essere l’opposto di quello che realmente è, un uomo perso nei suoi vorticosi meccanismi, capace di salvaguardare se stesso e le proprie apparenze, meno capace di farlo con chi gli vuole davvero bene: un bene che Francesco Prencipe (interpretato da Riccardo Scamarcio) non ha nemmeno nei confronti di se stesso.

Perché Prencipe è un inattaccabile vice questore che risulta essere l’unico indagato e l’unico responsabile dell’omicidio del giudice e amico Giovanni Mastropaolo (Alessio Boni), incontrato la mattina della morte di quest’ultimo e risultando l’ultima persona ad averlo visto vivo.
Ogni indizio ritiene Francesco responsabile dell’omicidio e di questo viene accusato dalla PM (Claudia Gerini) che conosce il suo passato e che si trova a sostenere l’accusa che viene respinta e contrattaccata dall’avvocato e amico dell’imputato Giorgio (Edoardo Pesce).

Il film di Andrea Zaccariello, che è anche co-sceneggiatore del film insieme a Paolo Rossi, ha cercato di mettere per immagini il diario interiore del protagonista del film descritto nell’omonimo libro di Francesco Caringella, diventando per lo più una lezione di montaggio attuata da Massimo Quaglia.
Infatti, è grazie a questo, all’alternarsi dei numerosi flashback e salti temporali, che è stato possibile raccontare la vita del protagonista, del legame che lo univa con Giovanni e che sembra unirlo ancora con Giorgio, spaziando dall’adolescenza agli anni della gioventù, da quando avevano trent’anni fino ai cinquanta. Tre amici per la vita con ognuno le proprie scelte che ne determinano il presente e che ne hanno determinato le proprie ombre.

Non sono un assassino aveva tutte le carte in regola per poter diventare un ottimo giallo d’introspezione, salvo risultarlo solo per metà e rinunciare a quel possibile poker d’assi calato sul tavolo. Se la trama funziona, così come i suoi intrecci, sono i suoi personaggi a risultare quasi fin troppo esasperati e snaturati, dando l’apparenza di non far più parte di un thriller melò, ma di un giallo che strizza involontariamente l’occhio alla comedy, andando oltre quello su cui ci si dovrebbe focalizzare: i sogni di tre uomini che, facendo il giro di boa delle loro vite, si accorgono di aver vissuto in sogni che non rimasti altro che quello.