Pirati dei Caraibi: Oltre i Confini del Mare, recensione

Pirati dei Caraibi: Oltre i Confini del Mare

In Pirati dei Caraibi: Oltre i Confini del Mare dopo aver combattuto contro Barbossa con la sua ciurma fantasma, contro Davy Jones e infine dopo essere arrivato ai confini del mondo, Jack Sparrow (Johnny Depp) sbarca presso la Fonte dell’eterna giovinezza, mettendoci ben 130 minuti, quelli interminabili del quarto episodio della saga piratesca che lo vede protagonista.

Si, perché se c’è una costante in Pirati dei Caraibi è che sai quando comincia il film, ma non sai quando finisce. Come era già successo alle due precedenti pellicole (si salva solo La Maledizione della Prima Luna), i personaggi diventano macchiette, la sceneggiatura degenera e i grandi attori che compongono il cast toccano i punti più bassi della loro carriera.

Si fa riferimento qui soprattutto a Penelope Cruz, che qui riesce a fare addirittura peggio che in Bandidas, del 2006. La caliente spagnola interpreta Angelica, figlia del temibile Barbanera e amata (?) dell’irriverente Sparrow, che questa volta farà di tutto per aiutarla a raggiungere l’agognata fonte. Ian McShane è Barbanera, visivamente affascinante, che con i pirati ha avuto già a che fare in Shreck Terzo, sua infatti la voce di Capitan Uncino. Il buon vecchio Sparrow, un Depp sempre più eccessivo, si conferma per il fannullone e imbroglione che è sempre stato, solo che in questo quarto capitolo non c’è il suo contraltare onesto e valoroso, rappresentato prima di Orlando Bloom.

Pirati dei Caraibi: Oltre i Confini del Mare filmPirati dei Caraibi: Oltre i Confini del Mare

A sostituire la bella coppia di innamorati formata da Keira Knightly e Orlando Bloom, abbiamo qui un improbabile prete e una misteriosa sirena, che seguiranno la ciurma di Barbanera nel suo avventuroso viaggio.

Meno male che c’è Hans Zimmer, che con le sue potenti note contraddistingue anche questo film permettendoci di poterlo gustare, forse di più, ad occhi chiusi. E se è vero che tutto ciò che può andare peggio lo farà, ecco che si mette in mezzo il 3D, anche in questo caso superfluo.

Ma dopotutto finché la mucca fa latte, si continua a mungerla, poco importa che sapore abbia.