Senza troppe esitazioni, Tron Legacy, il sequel del classico della fantascienza anni 80 raggiunge il primo posto nella classifica dei film piú visti negli Stati Uniti. A differenza del suo predecessore, che affrontava per primo il terreno della computer grafica, il film di Joseph Kosinski con Jeff Bridges arriva in un momento in cui gli effetti visivi la fanno da padrone.

 
 

A seguirlo, ma con un distacco di quasi 30 milioni di dollari di incasso, 14 contro i 44 di Tron troviamo l’adattamento per il cinema di un altro classico, questa volta delle televisione, Yogi Bear. Viste le prime due posizioni, non é molto difficile intuire che a gestire le scelte e i contenuti di molte case di produzione, ci siano persone cresciute o nate intorno agli anni ’80 e che ora vogliono rivivere le proprie emozioni con il beneficio delle nuove tecnologie. Le cronache di Narnia-il viaggio del veliero resiste in terza posizione, aggiungendo altri 12 milioni di dollari al suo incasso e cosí raggiunge quasi 43 milioni di dollari di incasso, seguito da The fighter, storia sul pugilato con Mark Whalberg e Christian Bale.

Un’altra coppia di superstar occupa il quinto posto dei maggiori incassi: Angelina Jolie e Johnny Depp sono insieme in The tourist, prima prova oltreoceano di Florian Henckel Von Donnesmarck, regista de Le vite degli altri. Il film Disney Rapunzel scende al sesto posto, mentre resta nelle zone basse della classifica, con un lordo di quasi 16 milioni di dollari Black Swan di Darren Aronofsky, una storia forse un po’ troppo poco natalizia. La commedia How do you know, con un cast ricco di star non arriva oltre l’ottavo incasso della settimana, mentre Harry Potter continua il suo viaggio verso il fondo classifica fermandosi al nono posto. Chiude il film di Tony Scott Unstoppable.

Le uscite della prossima settimana sono molte e interessanti, d’altra parte si tratta della settimana di Natale. Tra tutte, bisogna sottolineare quella di True Grit, la nuova fatica dei fratelli Coen, con Josh Brolin e Jeff Bridges che così potrebbe apparire in classifica con due film. Escono anche la commedia Little Fockers, terzo capitolo della saga familiare di Ben Stiller iniziata con Ti presento I miei, L’illusionista, film classico di animazione del regista di Appuntamento a Belleville, tratto da un’idea di Jacques Tati. Un dettaglio singolare è l’uscita di Somewhere di Sofia Coppola, che apre nelle sale statunitensi solo la prossima settimana, con un ritardo di diversi mesi rispetto alle sale italiane, un caso più unico che raro.