70th Annual Golden Globe Awards - Arrivals

 

Quando gli eroi della tua infanzia sono Steve Martin e i fratelli Marx, e da grande finisci a lavorare nello showbiz, la tua specialità non potrà che essere la commedia. Magari non è detto che tu voglia mostrare un pene in ogni tuo film, ma questo è quello che Judd Apatow si è ripromesso di fare anni or sono.

Prima di diventare un maestro della risata (più o meno sboccata), fa la gavetta come lavapiatti al Long Island East Side Comedy Club, mentre gestisce il suo personale Comedy Club per la radio della scuola. Un vero cultore della materia, il ragazzo. Dopo il diploma si trasferisce a L.A. per studiare sceneggiatura all’università – organizzando regolarmente delle “Comedy Nights” al campus – ma molla il corso prima della laurea, e va a vivere con Adam Sandler, incontro fortunato di Judd, oltre a quello con Ben Stiller, con cui fa amicizia nel 1990 fuori da un concerto di Elvis Costello, e per cui scrive un programma targato Fox, The Ben Stiller Show. Nonostante le critiche positive e l’Emmy agli autori, la rete lo cancella e Apatow si butta sul Larry Sanders Show della HBO e su diverse serie tv, per poi esordire come sceneggiatore cinematografico nel ’95 con Pesi massimi. Nel frattempo incontra la donna della sua vita, l’attrice Leslie Mann, bella bionda che non solo accetterà di sposarlo, ma gli darà pure due figlie, e come minimo si merita di comparire in gran parte dei suoi progetti. Dopo tanto scrivere, Judd decide di tentare con la regia, debuttando nel 2005 con 40 anni vergine, co-sceneggiato insieme al protagonista Steve Carell: il film è un successone e, rotto il ghiaccio col grande pubblico, Apatow è pronto per il bis, con la commedia politically s-correct Molto incinta (2007), protagonisti l’amico Seth Rogen e la Katherine Heigl di Grey’s Anatomy. Judd va alla grande anche come produttore con la sua società Apatow Productions, che, tra le altre, porta sullo schermo la commedia femminile più scollacciata e di successo di tutti i tempi, nonostante il famigerato marchio “R” (“restricted”) della censura americana: Le amiche della sposa sbanca il box office e riceve nomination agli Oscar e ai Golden Globe. Tiè.

La sua ultima fatica multi-tasking (sceneggiatore/regista/produttore) si intitola Questi sono i 40, ma per lui oggi sono 46. HAPPY BIRTHDAY JUDD!

Articolo precedenteJames Franco svela i suoi cinque film preferiti
Articolo successivoDwayne Johnson protagonista del disaster movie San Andreas
Giovane, carina e disoccupata (sta a voi trovare l'intruso). E' la prova vivente che conoscere a memoria Dirty Dancing non esclude conoscere a memoria Kill Bill, tutti e due i Volumi. Tanto che sulla vendetta di Tarantino ci ha scritto la tesi (110 e lode). Alla laurea in Scienze della Comunicazione seguono due master in traduzione per il cinema. Lettrice appassionata e spettatrice incallita: toglietele tutto ma non il cinematografo. E le serie tv. Fra le esperienze lavorative, 6 anni da assistente alla regia in fiction e serie per la televisione (avete presente la Guzzantina in Boris?). Sul set ha imparato che seguire gli attori è come fare la babysitter. Ma se le capita fra le mani Ryan Gosling...