- Pubblicità -

X-men-giorni-di-un-futuro-passato-bryan-singerNell’ultimo numero di Empire Megazine il regista del prossimo X-Men giorni di un futuro passato, Bryan Singer, torna a parlare del suo Superman Returns, e del fatto che nel tempo il giudizio su di esso si è inasprito tanto da considerarlo dai fan uno dei peggiori Cinecomics di sempre.

- Pubblicità -

Leggi anche: X-Men Giorni di un futuro passato: 11 foto inedite da Empire

Ecco le parole del regista: Per metà lo capisco e per l’altra metà non lo capirà mai. E’ stato fatto un film per un certo tipo di pubblico. Forse più per un pubblico femminile. Non è quello che doveva essere credo. Credo che avrei potuto iniziare il film in modo un po’ più aggressivo e magari trovare un modo per iniziare la pellicola con la sequenza del disastro aereo o qualcosa del genere. Così avrei potuto accattivare più velocemente il pubblico. Ma non so se avrebbe aiutato. Probabilmente no. Se potessi ritornare a lavorare su Superman, vorrei parlare delle sue origini. Vorrei riavviarlo. 

Dunque, è così che il regista avrebbe voluto modificare Superman Returns, ma che cosa del sequel c’era che è stato poi usato per il film seguente di Zack Snyder? Come è venuto fuori dopo, anche questo doveva chiamarsi Man Of Steel (“Questo era il titolo. A dire la verità un mio amico, uno dei miei migliori amici aveva scelto il titolo“) mentre Darkseid sarebbe stato il villain. “Abbiamo esplorato un po’ l’idea, e Darkseid ci sembrava un buon villain“. Adesso però non sapremo mai come sarebbe stato il film, ma perchè esattamente Singer decise di non farlo? “Ho avuto l’opportunità di fare Valkyrie, e penso che a quel punto lo studio aveva perso interesse” ha rivelato “Non so dire se sia stata tutta colpa dello studio o colpa mia. E’ solo schizzato via“.

Vi ricordiamo che il suo X-Men giorni di un futuro passato  arriverà quest’estate.

Tutte le altre 11 foto di seguito nella nostra  gallery del film

[nggallery id=324]

La trama di X-Men giorni di un futuro passato, tratta dall’omonimo fumetto del 1981, ripercorre un arco temporale ambientato in un imprecisato futuro in cui gli USA sono dominati dalla Sentinelle, mentre i mutanti vivono confinati in campi di concentramento. Kitty Pride torna indietro nel tempo e impedisce dal passato che gli eventi precipitino a tal punto da trasformare la vita dei mutanti del futuro in un inferno di reclusione.

Vi ricordiamo che nel cast sono confermatissimi Halle Berry, Peter Dinklage e . Il film è ispirato ai fumetti di Chris Claremont e John Byrne dal titolo: ”Uncanny X-Men” # 141 e 142 nel 1981. Tutte le info sul film nella nostra scheda: X-Men: giorni di un futuro passato. Tutte le news sul film invece sono nel nostro speciale: X-Men.

Fonte: CBM

- Pubblicità -