Arriva da Variety la notizia esclusiva che Chloe Grace Moretz (La Quinta Onda, Cattivi Vicini 2) reciterà al fianco di Tilda Swinton (Solo gli amanti sopravvivono) e Dakota Johnson (Cinquanta sfumature di grigio) nell’annunciato e già fortemente criticato remake di Suspiria, uno dei capolavori del maestro Dario Argento, che porterà la firma dell’italiano Luca Guadagnino (Melissa P, Io sono l’amore).

 
 

La Moretz non è affatto estranea al genere horror, avendo già recitato in pellicole quali Let Me In, Dark Shadows e, soprattutto, il remake di Carrie Lo Sguardo di Satana.

La nuova trasposizione, inizialmente affidata al regista David Gordon Green, sarà ambientata nella Berlino del 1977, con musiche curate ancora una volta da John Adams, con il quale Guadagnino aveva già lavorato per Io sono l’amore. Anche la Swinton e la Johnson hanno già lavorato con Guadagnino nell’ultimo film del regista, dal titolo A Bigger Splash.

A proposito del remake, il regista ha spiegato: “Sono cresciuto con i film di Dario Argento. Avevo 14 anni quando ho visto Suspiria. Credo sia un film che mi abbia davvero cambiato. Sono stato ossessionato dal lavoro di Dario Argento durante tutta la mia adolescenza. Il mio remake sarà incentrato sul ruolo della madre e sull’importanza e il potere della maternità. Si tratterà di andare alla ricerca della propria voce interiore, e in questo senso il titolo è davvero molto evocativo.”

Chloë Grace Moretz

Suspiria è un film del 1977 diretto da Dario Argento e  ispirato al romanzo Suspiria De Profundis di Thomas de Quincey, e interpretato da Jessica Harper e Stefania Casini. Il film è il primo capitolo della trilogia delle tre madri ed ha avuto due sequel: Inferno (1980) e La terza madre (2007).

L’ultima volta che abbiamo visto Tilda Swinton nelle nostre sale è stato in Ave, Cesare! dei fratelli Coen. A breve tornerà al cinema con l’attesissimo cinecomic Doctor Strange. Dakota Johnson, invece, riprenderà il ruolo di Anastasia Steele in Cinquanta Sfumature di Nero, sequel del campione d’incassi basato sulla trilogia letteraria di E.L. James.

Fonte: CS