Trent Reznor, compositore di colonne sonore da Oscar (The Social Network) e leader dei Nine Inch Nails, ha affidato a Rolling Stones il suo ricordo dell’artista, collega e mentore David Bowie, scomparso lo scorso 10 gennaio.

Ecco cosa ha ricordato Trent:

La sua musica mi ha aiutato a relazionarmi con me stesso e a capire chi ero. Era un enorme fonte d’ispirazione, in termini di cosa un artista dovrebbe essere, non ci sono regole.

Poi a metà degli anni ’90 si rivolse a me e disse “Faremo un tour insieme”. È difficile descrivere quanto fu convalidante e surreale l’intera esperienza legata a quel tour – incontrare quell’uomo in carne ed ossa e scoprire, con grande gioia, che aveva superato ogni mia aspettativa. Il fatto che avesse questo elegante e felice carattere impavido è stato molto d’ispirazione per me.

Durante quel tour, onestamente, ero molto incasinato. Ci fu il primo grande successo dei Nine Inch Nails, in termini di fama. E questo in qualche modo distorse la mia personalità [..] La sottile linea tra il ragazzo sul palco e quello che ero realmente iniziava ad offuscarsi. Affrontai la vita intorpidendo me stesso con alcol e droghe, perché mi faceva sentire meglio e in grado di affrontare tutto. [..] Non ero pienamente consapevole di quanto male mi stessi facendo, ma nel mio cuore sentivo che era uno spericolato e insostenibile percorso autodistruttivo.

Quando incontrai David lui era felice, in pace con se stesso, aveva una moglie che chiaramente amava. Alcune volte ci siamo trovati da soli e lui ha condiviso con me dei pezzi di saggezza che ancora porto con me: “Sai, c’è un modo migliore, non deve finire tutto nella morte o nella disperazione, in fondo”.

Pochi anni dopo venne a L.A. ed io ero sobrio da una discreta quantità di tempo. Lo volevo ringraziare per l’aiuto che mi aveva dato. [..]. Ho ritrovato lo stesso amore ed affetto. Iniziai a dire “Ehi senti, sono pulito da..”, probabilmente non finii nemmeno la frase e lui mi diede un forte abbraccio e disse “Lo sapevo, sapevo che lo avresti fatto. Sapevo che ne saresti uscito”. Ho ancora la pelle d’oca se ripenso a quel momento.