Avengers: Endgame, il concept scartato di… Ant-Ant!

261

La scena della battaglia finale di Avengers: Endgame poteva mostrare al pubblico un magnifico e un pizzico raccapricciante esemplare di… Ant-Ant, o Giant-Ant. Alla fine di Endgame, i Vendicatori riescono a ripristinare lo stato l’universo, ma devono combattere un’epica battaglia per distruggere Thanos una volta per tutte.

Quella battaglia includeva alcuni momenti memorabili, tra cui l’aperture di portali spaziali che riportavano in campo gli eroi morti in Infinity War e una riunione emozionante tra Iron Man e Spider-Man. Poi ci sono combattimenti epici, tra cui quello da applausi in sala di Capitan America che brandisce Mjolnir e Giant-Man, di ritorno dopo l’apparizione in Civil War, che schiaccia brutalmente i nemici che si mettevano sulla sua strada.

Sebbene quella scena di battaglia fosse una delle più ambiziose nella storia del cinema moderno, avrebbe potuto includere un altro dettaglio davvero epico, per quanto disgustoso. Il concept artist Jackson Sze ha condiviso alcune opere d’arte su Twitter che mostrano una formica gigante, o meglio una creatura fatta da formiche giganti, rivestita da un’armatura realizzata da Groot e armata da Rocket Raccoon, il tutto tenuto insieme dalla magia di Doctor Strange.

Insomma, si trattava di un Giant-Ant, o un Ant-Ant, che faceva eco a un AT-TA. Eccone il concept:

Ricordiamo che Avengers: Endgame è il film di maggiore incasso dell’anno, nonché il più grande successo dei Marvel Studios, che con l’avventura diretta da Anthony e Joe Russo hanno chiuso un arco narrativo lungo 22 film e 11 anni, portando a termine un esperimento produttivo senza pari.

Per quanto riguarda invece il tenerissimo personaggio del mondo di Star Wars, sappiamo senza dubbio che è un ottimo espediente per Lucasfilm e Disney per vendere milioni di pupazzetti, soprattutto nel periodo che precede il Natale. Inoltre, il personaggio gioca molto con la malinconia e soprattutto con il desiderio dei fan, delusi dagli ultimi film della saga, di riappropriarsi dei propri eroi e personaggi che hanno costruito la nostra memoria collettiva.