James Cameron si “congratula” con la Marvel per gli incassi di Avengers: Endgame

304

Superando in sole due settimane i due miliardi di incasso e il box office di Titanic, Avengers: Endgame è il film che nella storia del cinema ha incassato di più nel minor tempo. E mentre il film ora “attenta” al primato di Avatar, ancora imbattuto in vetta alla classifica degli incassi worldwide, James Cameron si è prodigato in un tweet di complimenti alla Marvel per l’incredibile risultato raggiunto.

 

Il regista ha pubblicato l’immagine che segue, in cui si complimenta con li studio e poi subito a seguire un secondo Tweet in cui si dice impegnato sul set di Avatar 2.

“A Kevin e a tutti alla Marvel. Un iceberg ha affondato il vero Titanic, ci sono voluti gli Avengers per affondare il mio. Tutti qui, alla Lightstorm Entertainment si congratulano per il vostro incredibile risultato. Avete mostrato che l’industria del cinema è viva e vegeta, ed è più grande che mai! – Jim Cameron.”

Così si legge nel primo tweet, mentre il secondo, che condivide lo slittamento dell’uscita di Avatar 2 annunciato da Disney pochi giorni fa, è solo un reminder del suo impegno sul set di questa titanica (è il caso di dirlo) impresa.

Sembra impossibile non intercettare una nota di ironia in quel “ci sono voluti gli Avengers per affondare il mio”, una dichiarazione che ha ragione di esistere se si considera che il risultato di Endgame, eccezionale, è da attribuire anche al decennio in cui la Marvel, prendendosi un rischio grande almeno quanto quello che nel ’97 si prese Cameron per Titanic, ha costruito l’attesa e l’aspettativa del pubblico.

Tuttavia adesso James Cameron deve fare anche i conti con la passaggio di proprietà del suo franchise in costruzione, quello di Avatar appunto, alla Disney, che ne ha posticipato l’uscita per ragioni organizzative, immaginiamo.

Ci sembra palese che la posizione di Cameron sia grossomodo indifferente al successo di Endgame, che il regista si sia congratulato per correttezza con quelli che ora sono i cugini alla Marvel (visto che sono tutti sotto l’ombra delle grandi orecchie di Topolino) e che il suo unico interesse è portare a termine il suo progetto di universo condiviso che nel 2009, con il primo Avatar, ha davvero fatto la storia del (box office) cinema.

Per come si sono evolute ora le cose, Cameron non sta facendo altro che “congratularsi” con lo stesso studio che lo sosterrà per i suoi prossimi 4 film del franchise di Avatar.