oscar 2020 oscar 2021

Come sappiamo ormai da tempo, la cerimonia di premiazione degli Oscar 2021 è stata rinviata di due mesi a causa della pandemia di Covid-19. Ora, come riportato da Variety, arrivano anche i primi dettagli su quello che sarà l’effettivo svolgimento della serata: la fonte annuncia che la 93esima edizione degli Academy Awards si svolgerà dal vivo, ma da location diverse.

 

Tra queste, ovviamente, ci sarà anche il Dolby Theatre di Los Angeles, che dal 2001 ormai ospita l’appuntamento più importante per l’industria cinematografica hollywoodiana. In risposta alla chiusura delle sale cinematografiche a causa dell’emergenza sanitaria, l’Academy aveva già modificato – temporaneamente – il suo regolamento interno per includere nei film candidabili anche i titoli che hanno saltato la sala cinematografica e che sono arrivati direttamente in streaming.

“In questo anno unico che ha chiesto così tanto a così tanti di noi, l’Academy è determinata a presentare una cerimonia degli Oscar come nessun altra, dando la priorità alla salute pubblica e alla sicurezza di tutti coloro che parteciperanno”, ha detto un portavoce dell’Academy in una nota ufficiale. Per creare il tradizionale show in presenza che il nostro pubblico globale vuole vedere, adattandosi chiaramente ai requisiti della pandemia, la cerimonia sarà trasmessa in diretta da più location, incluso il famoso Dolby Theatre. Non vediamo l’ora di condividere presto maggiori dettagli.”

Lo scorso settembre, sempre a causa dell’emergenza sanitaria, già la cerimonia degli Emmy aveva proposto una formula ibrida che ha coinvolto tanto lo spettacolo dal vivo quanto lo streaming. Più di recente, è stato confermato che anche la cerimonia dei Golden Globes si svolgerà da due differenti location: le due conduttrici, Tina Fey e Amy Poehler, infatti, presenteranno rispettivamente da New York e da Los Angeles.

Le nomination degli Oscar 2021 verranno annunciate ufficialmente il prossimo 15 marzo. La cerimonia di premiazione avrà luogo, invece, la sera del 25 aprile. Al momento non sappiamo ancora chi si occuperà della conduzione, mentre la produzione sarà a cura di Jesse Collins, Stacey Sher e Steven Soderbergh.