Ryan Reynolds ha rivelato che sua moglie Blake Lively ha contribuito alla creazione di alcune delle sue battute di Deadpool. In una recente intervista con Sirius XM (via EW), l’attore ha parlato della fase di scrittura di alcuni dei suoi film, rivelando che Blake ha scritto alcune delle cose più brillanti che abbia mai recitato, incluse alcune delle battute del Mercenario Chiacchierone.

Tuttavia, all’attrice non è mai stato dato alcun credito per il suo contribuito, cosa che Reynolds attribuisce al sessismo che, purtroppo, dilaga ancora oggi a Hollywood. “Contribuisco alla sceneggiatura di molti dei miei film. Per molto tempo, è stato un meccanismo di sopravvivenza”, ha spiegato Ryan. “A volte vengo accreditato, altre volte no. Ci sono un sacco di battute che, in realtà, sono opera di Blake. Mi diceva: “Che ne dici di questa?’. E io rispondevo: ‘È incredibile.'”

“È stato divertente. Ma forse c’è un sessismo intrinseco nel business. Ho detto un sacco di volte che certe battute le aveva scritte lei e non io. Ma ogni volta la storia si ripete e puntualmente risultava come se fossero una mia idea”, ha aggiunto l’attore. “Blake è davvero talentuosa. Mi ha aiutato veramente tanto non solo con Deadpool, ma anche con tantissimi altri miei film che sono stati dei grandi successi.”

Il futuro di Deadpool al cinema

Dopo l’uscita di Deadpool 2 e l’acquisizione di Fox da parte di Disney, il futuro di Deadpool è stato per lungo tempo appeso al filo dell’incertezza. Tuttavia, lo scorso gennaio è stato confermato che Deadpool 3 si farà e che sarà ufficialmente collegato al MCU. Al momento le uniche informazioni sul film riguardano gli sceneggiatori: la Marvel, infatti, ha affidato a Wendy Molyneux e Lizzie Molyneux-Logelin (che andranno a sostituire i veterani Rhett Reese e Paul Wernick) il compito di scrivere il nuovo film.