Alessandro D’Alatri, morto il regista a 68 anni

-

Si è spento a 68 anni Alessandro D’Alatri, il regista romano che era malato da tempo. Nel 1991 aveva vinto il David di Donatello come migliore regista esordiente per Americano Rosso, ma nel corso della sua carriera ha firmato altri lavori di alto profilo come La Febbre, e fiction tv come I bastardi di Pizzofalcone, Il Commissario Ricciardi e Il Professore, oltre a videoclip musicali e tantissimi spot pubblicitari.

Nato a Roma il 24 febbraio del 1955, Alessandro D’Alatri comincia la sua carriera come attore, in una piccola parte in Il Giardino dei Finzi Contini diretto da Vittorio De Sica. Negli Anni ’80 ottiene molti riconoscimenti per la regia di spot televisivi e pubblicità. Nel 1991 esordisce alla regia con Americano Rosso, il film che gli è valso il David per il migliore esordio e poi, nel 1993, dirige Senza pelle che gareggia alla Quinzaine des Realisateurs del Festival di Cannes.

Negli anni 2000 dirige Casomai, La febbre, Commediasexi. Nel 2017 gira quello che si rivelerà il suo ultimo film, The Startup. L’ultima parte della sua carriera si è concentrata principalmente sulla serialità televisiva. Ha firmatoI bastardi di Pizzofalcone, Il Commissario Ricciardi e Il Professore.

Chiara Guida
Chiara Guida
Laureata in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è una gionalista e si occupa di critica cinematografica. Co-fondatrice di Cinefilos.it, lavora come direttore della testata da quando è stata fondata, nel 2010. Dal 2017, data di pubblicazione del suo primo libro, è autrice di saggi critici sul cinema, attività che coniuga al lavoro al giornale.

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

ALTRE STORIE

Insospettabile follia: dal cast al finale, tutte le curiosità sul film

Quello del revenge movie è da sempre un filone di film particolarmente popolari e acclamati, dove il protagonista di turno intraprende una spedizione punitiva nei confronti...
- Pubblicità -