Il regista di Aladdin, Hercules e La Sirenetta ha un problema con i film Disney che hanno un “messaggio”

-

Anche se il nome di John Musker non suona immediatamente familiare a molti, si tratta di colui che ha scritto e diretto film Disney iconici come Basil L’Investigatopo, La sirenetta, Aladdin, Hercules, Il pianeta del tesoro, La principessa e il ranocchio e Oceania.

Tuttavia, nonostante il suo lungo rapporto di lavoro con La Casa di Topolino, il regista si è ora scagliato contro le recenti offerte dello studio. Come molti fan, Musker crede che la Disney debba ridimensionare il messaggio politico nei suoi film, qualcosa che persino il CEO della Disney, Bob Iger, condivide, suggerendo che l’impegno “politico” di questi film passerà in secondo piano andando avanti.

“Penso che debbano fare una correzione di rotta in termini di messa in secondo piano del messaggio, dietro l’intrattenimento, una storia avvincente e personaggi coinvolgenti”, ha detto all’outlet spagnolo El País (via Toonado.com). “I classici film Disney non iniziavano cercando di trasmettere un messaggio. Volevano che tu fossi coinvolto nei personaggi, nella storia e nel mondo, e penso che questo sia ancora il nocciolo della questione”, ha continuato Musker. “Non devi escludere i tuoi obiettivi, ma devi prima creare personaggi con cui simpatizzi e che siano avvincenti.”

La principessa e il ranocchio Insieme a Ron Clements, Musker è stato fondamentale nella realizzazione dei film sopra elencati e, in La principessa e il ranocchio, ha introdotto la prima principessa nera della Disney in Tiana. All’epoca c’erano le tipiche lamentele razziste a riguardo alle quali Musker rispose: “Non stavamo cercando di essere svegliati, anche se capisco le critiche”. Per quanto riguarda i remake live-action della Disney dei suoi classici cartoni animati, ha aggiunto: “Le aziende si comportano sempre così, ‘Come possiamo ridurre i nostri rischi? Ai consumatori piace questo film, giusto? Lo rifaremo in forma diversa e glielo venderemo in un attimo.’ Oppure pensano: ‘Beh, potremmo migliorarlo.'”

Lo Studio non smetterà di confrontarsi con critiche e adeguamenti, ma una rinnovata attenzione alla qualità della storia invece che al “messaggio” forzatamente veicolato può essere certamente un buon punto di partenza per il futuro.

Chiara Guida
Chiara Guida
Laureata in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è una gionalista e si occupa di critica cinematografica. Co-fondatrice di Cinefilos.it, lavora come direttore della testata da quando è stata fondata, nel 2010. Dal 2017, data di pubblicazione del suo primo libro, è autrice di saggi critici sul cinema, attività che coniuga al lavoro al giornale.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

The Bikeriders backstage

The Bikeriders: Jeff Nichols e Austin Bulter raccontano il film

Uomini duri e incapaci di guardarsi dentro, raccontati dal punto di vista di una delle loro donne, mentre sullo sfondo si srotola il più...
- Pubblicità -