Kit Harington e l’ombra dell’omofobia sui Marvel Studios

-

Kit Harington ha partecipato al Toronto International Film Festival 2018 in occasione della presentazione al pubblico e alla stampa di The Death and Life of John F. Donovan, l’ultimo film di Xavier Dolan in cui è protagonista, insieme al regista e alle co-star Emily Hampshire e Thandie Newton.

Durante la promozione del film, è sembrato che Harington avesse qualcosa da dire alle grandi produzioni supereroistiche, alla Marvel in particolare, tacciata di non aver mai assunto un attore gay per interpretare un suo protagonista. Ecco le parole dell’attore di Game of Thrones: “C’è un grande problema con la mascolinità e l’omosessualità che implica la convinzione che le due cose non possano andare a braccetto. È come se non potessimo avere qualcuno in un film Marvel che è gay nella vita reale e che interpreta un supereroe. Quando accadrà?”

Probabilmente l’affermazione di Kit Harington andrebbe contestualizzata in un quadro più ampio soprattutto perché i casting Marvel si sono sempre rivelati essere la scelta migliore per il personaggio, man mano che si presentava la necessità di dare un volto di carne e ossa a un nuovo eroe di carta e inchiostro. Ci sono in effetti molti esempi di attori apertamente gay che rappresentano con grande disinvoltura ruoli mascolini. Il primo esempio è quello di Luke Evans, che per fisicità e appeal dà corpo impeccabilmente a ruoli molto mascolini.

Nonostante la dichiarazione di Kit sia corretta nell’ambito dei Marvel Studios, in tempi non sospetti un grande personaggio Marvel (pure se in casa Fox) è stato interpretato con risultati egregi da un attore apertamente omosessuale: parliamo del grandioso Magneto di Ian McKellen, che ha fatto la storia del cinecomic ante-litteram e che detiene ancora il primato per uno dei migliori adattamenti di un personaggio dei fumetti.

Ricordiamo, in merito a Kit Harington e ai cinecomics, che il nome dell’attore è stato fatto in merito a un nuovo eventuale casting per The Batman, con una possibile posizione lasciata aperta da Ben Affleck per il ruolo dell’Uomo Pipistrello. Il rumor non è stato confermato, ma nemmeno ufficialmente smentito dalla produzione.

Fonte: Variety

Chiara Guida
Chiara Guida
Laureata in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è una gionalista e si occupa di critica cinematografica. Co-fondatrice di Cinefilos.it, lavora come direttore della testata da quando è stata fondata, nel 2010. Dal 2017, data di pubblicazione del suo primo libro, è autrice di saggi critici sul cinema, attività che coniuga al lavoro al giornale.

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

ALTRE STORIE

Lui non sarà più tuo film

Lui non sarà più tuo: trama, cast e curiosità sul film

L’ossessione amorosa è una tematica che si ripresenta spesso al cinema e che nel tempo è stata alla base di film affermatisi come grandi...
- Pubblicità -