Antonio Albanese - Foto di Aurora Leone
Antonio Albanese - Foto di Aurora Leone

Tra i più apprezzati interpreti italiani, Antonio Albanese si è distinto per i suoi ruoli tragici, di umani fragili e sensibili. Dotato sia di grandi doti comiche che drammatiche, nella sua carriera ha saputo non ripetersi, riuscendo ad infondere in ogni ruolo sfumature che gli hanno permesso di ottenere l’apprezzamento di critica e pubblico.

 

Ecco 10 cose che non sai di Antonio Albanese.

Antonio Albanese e i suoi film

1. Ha recitato in celebri titoli italiani. L’attore intraprende la carriera cinematografica nel 1993 con il film Un’anima divisa in due, e recita poi in Uomo d’acqua dolce (1996), Tu ridi (1998), La fame e la sete (1999), Il nostro matrimonio è in crisi (2002), ed ottiene la consacrazione con il film La seconda notte di nozze (2005). Recita poi in Manuale d’amore 2 – Capitoli successivi (2007), Giorni e nuvole (2007), Qualunquemente (2011), che lo rende celebre al grande pubblico, To Rome with Love (2012), Tutto tutto niente niente (2012), L’intrepido (2013), L’abbiamo fatta grossa (2016), Mamma o papà? (2017), Come un gatto in tangenziale (2017), Contromano (2018), Cetto c’è, senzadubbiamente (2019), Come un gatto in tangenziale – Ritorno a Coccia di Morto (2021), Grazie ragazzi (2023) e Cento domeniche (2023).

2. È anche sceneggiatore e regista. Negli anni l’attore si è distinto anche come sceneggiatore e regista, realizzando i film Uomo d’acqua dolce, La fame e la sete, Il nostro matrimonio è in crisi, Contromano e Cento domeniche, ma anche la serie I topi (2018-2020)  Ha però contribuito anche alla scrittura dei film Qualunquemente, Tutto tutto niente niente e Cetto c’è, senzadubbiamente.

3. È anche doppiatore. Albanese si è reso celebre anche per le sue doti di doppiatore, prestando la voce al Grande Topo del film d’animazione La gabbianella e il gatto (1998) e al personaggio Gedeone in La famosa invasione degli orsi in Sicilia (2019).

antonio-albanese-nuovo-film

Antonio Albanese e la moglie e il figlio

4. È sposato. L’attore è sposato con Maria Maddalena Gnudi, dottoressa commerciale specializzata in revisione contabile. La coppia è molto riservata riguardo la loro vita privata, a tal punto da rivelare soltanto dopo alcuni anni di aver avuto un figlio nel 2010.

Antonio Albanese ha origini siciliane

5. Ha origini del sud Italia. L’attore è nato in Lombardia, in provincia di Lecco, ma i suoi genitori erano originari di Petralia Soprana, in Sicilia. L’attore ha in seguito dichiarato di essere profondamente legato alla terra dei suoi genitori e di recarvisivi molto spesso.

Antonio Albanese e i suoi personaggi

6. È celebre per i suoi personaggi comici. La carriera comica di Albanese inizia grazie alla trasmissione comica Mai dire gol, dove presenta una serie di personaggi divenuti poi celebri. Tra questi si annoverano il gentile Epifanio, l’aggressivo Alex Drastico, il telecronista-ballerino Frengo e Stop, e il giardiniere gay e interista di Berlusconi. Uno dei personaggi più riusciti di Albanese è tuttavia Cetto La Qualunque, imprenditore e politico siculo-calabrese corrotto, perverso e depravato. Tale personaggio è stato poi protagonista di tre film al cinema.

Antonio Albanese è Epifanio Gilardi

7. È tra i suoi personaggi più apprezzati. Apparso per la prima volta sul palcoscenico televisivo di Su la testa, il personaggio di Epifanio Gilardi è sempre stato tra i più apprezzati di Albanese. Di carattere timido e gentile, ingenuo ma profondo, Gilardi è anche il protagonista del film Uomo d’acqua dolce, diretto e interpretato da Albanese.

antonio-albanese-personaggi

Antonio Albanese in Grazie ragazzi

8. Ha amato molto il film.  In Grazie Ragazzi Antonio Albanese interpreta un attore che accetta malvolentieri di curare la regia di uno spettacolo di un laboratorio teatrale di un gruppo di carcerati, finendo però così per dare un nuovo senso alla sua vita piena di delusioni e a quella problematica dei suoi allievi. Come raccontato da Albanese, il film gli ha permesso di confrontarsi nuovamente con il suo amore per il teatro, ritrovando molto di sé nel personaggio interpretato e rimanendo particolarmente sorpreso dalla recitazione offerta dai detenuti.

Antonio Albanese e il suo nuovo film Cento domeniche

9. Con il suo nuovo film ha voluto raccontare gli ultimi. Albanese ha raccontato che prima di intraprendere la carriera di attore, ha lavorato per sei anni come operaio. A loro ha ora voluto dedicare il suo nuovo film, intitolato Cento domeniche, nel quale si racconta di un operaio che si vede derubato dei suoi soldi dalla banca a cui li aveva affidati. Albanese si è inoltre ispirato a diverse storie vere di questo tipo per poter raccontare in modo più sincero e veritiero la situazione di chi vive questo tipo di disagi.

Antonio Albanese età e altezza

10. Antonio Albanese è nato a Lecco, in Lombardia, il 10 ottobre 1964. L’altezza complessiva dell’attore è di 173 centimetri.

Fonte: IMDb

- Pubblicità -