Sean William Scott: 10 cose che non sai sull’attore

1093
Sean William Scott
Sean William Scott nella serie "Lethal Weapon"

La generazione dei trentenni di oggi ricorda benissimo l’adolescenza passata in compagnia di boyband, stelline del pop e dei ragazzacci di American Pie. Come dimenticarsi di Sean William Scott e del suo iconico Steve Stifler? Impossibile. Eppure negli anni molte delle prodezze, delle conquisti e degli scivolini di Sean sono passati inosservati.

Oggi scopriamo quindi insieme tutto quello che c’è da sapere su Sean William Scott.

Sean William Scott in tv: gli inizi della sua carriera

sean william scott
Sean William Scott in “C’è sempre il sole a Philadelphia”

10. Sean William Scott è nato il 3 ottobre del 1976 a Cottage Grove, in Minnesota, Stati Uniti, ed è l’ultimo di ben sette figli. Considerato sin da piccolo come il figlio più creativo e ‘ribelle’, Sean si è avvicinato alla recitazione e al mondo dello spettacolo in modo decisamente anticonvenzionale.

Da ragazzo, infatti, lavorava in un piccolo cinema vicino casa dove, oltre che a risistemare le sale e a staccare i biglietti, aveva l’opportunità di vedere tantissimi film. L’atmosfera della sala, le luci spente e la magia del cinema l’hanno subito catturato. Tutto il suo tempo libero Sean lo passava a lavorare e a vedere film gratis: niente male, no?

9. Convinto di voler intraprende una carriera nel mondo dello spettacolo, dopo il diploma decide di trasferirsi a Los Angeles in cerca di fortuna. E la dea bendata decide di premiarlo. Nel 1996 partecipa alla sua prima serie tv dal titolo E Vissero Infelici per Sempre, interpretando il ruolo di Moondoggie nel secondo episodio della terza stagione.

L’anno successivo è stata la volta di un film per la tv dal titolo Born Into Exile che racconta la storia di una coppia di ragazzi, scappati dalla miseria in cerca di una nuova vita e soprattutto della felicità. Nel 1998 Sean ottiene un altro piccolo ruolo nella serie Troppi In Famiglia, partecipando al terzo episodio della seconda stagione.

I suoi ultimi lavori sul piccolo schermi risalgono tuttavia a tempi più recenti. Nel 2013 partecipa alla serie tv C’è Sempre Il Sole a Philadelphia, dove compare solo nel quinto episodio della nona stagione.

Sean William Scott in Lethal Weapon

Sean William Scott
Sean William Scott nella serie “Lethal Weapon”

8. Un ruolo decisamente più importante gli viene offerto solo nel 2018 quando accetta di partecipare alla serie tv Lethal Weapon. Si tratta di un telefilm poliziesco infarcito con una buona dose di comicità andato in onda per tre stagioni e quarantasei episodi, dal 2016 al 2019.

Sean William Scott ha interpretato Wesley Cole, il nuovo partner di Roger Murtaugh (Damon Wayans), dopo la morte di Martin Riggs (Clayne Crawford). Il suo personaggio, introdotto nella terza stagione, è rimasto attivo per un arco di undici episodi.

La serie, prodotta e trasmessa negli States dalla Fox, è andata in onda qui da noi su Italia 1 per poi passare al canale a pagamento Premium Crime di Mediaset.

Sean William in American Pie: un grande successo

Sean William Scott
Sean William Scott in “American Pie – Ancora Insieme”

7. Dopo i primi esperimenti televisivi, Sean decide di passare al cinema e decide di accettare una parte nel film American Pie. Per tutti coloro che finora hanno vissuto rinchiusi in una caverna e non conoscono American Pie, ecco un piccolo riassunto…

Sopravvivere al liceo è sempre un’impresa, soprattutto se si è nerd e un po’ sfigatelli. Il film racconta la storia di quattro amici, Jim Levenstein (Jason Biggs), Kevin Myers (Thomas Ian Nicholas), Paul Finch (Eddie Kaye Thomas) e Chris Ostreicher (Chris Klein) ossessionati dall’idea di perdere la propria verginità. Arrivati ormai all’ultimo anno del liceo, i quattro ragazzi stringono un patto: promettono di fare sesso prima della fine dell’anno scolastico. L’occasione perfetta gli viene offerta da un loro “amico”, Steve Stifler (Sean William Scott) che, in occasione ballo scolastico di fine anno, organizza una mega festa nella sua villa in riva al lago.

Sean William Scott
da sinistra: Chris Klein, Sean William Scott, Jason Biggs, Eddie Kaye Thomas e Thomas Ian Nicholas in “American Pie 2”

Ovviamente si tratta di una commedia per teenagers che però è diventata col tempo un vero cult di genere. Volgare, eccessiva e davvero troppo divertente, American Pie hanno fatto storia proprio come i suoi protagonisti. Nonostante, Sean ricoprisse un ruolo minore, il suo Steve Stifler è diventato un icona pop.

Sean William Scott
Sean William Scott in “American Pie 2”

Il film ha avuto un successo enorme tanto da diventare il primo di una saga. Al primo American Pie sono seguiti American Pie 2 (2001), American Pie – Il Matrimonio (2003) e American Pie – Ancora Insieme (2012). Sono stati prodotti anche degli spinoff che, a causa della mancanza del cast originale, sono stati dei veri e proprio flop.

6. Anni più tardi Sean William Scott ha rivelato un’indiscrezione relativa alla sua esperienza con il primo film di American Pie. Sembra infatti che l’attore, per interpretare il ruolo di Stifler, considerato di contorno, sia stato pagato solo ottomila dollari.

Sean William Scott film

Sean William Scott
Sean William Scott in “Road Trip”

5. Dopo una partenza col botto grazie ad American Pie, la carriera cinematografica di Sean ha preso il volo. Nei primi anni duemila, infatti, l’attore ha partecipato a tantissime produzioni come Final Destination (2000), Road Trip (2000), Fatti Strafatti e Strafighe (2000) e American Pie 2 (2001).

Dedito sempre a film dello stesso genere, ovvero commedia, azione e avventura, negli anni successivi lo vediamo anche nel cast di Crime Party (2002), Old School (2003), Il Tesoro dell’Amazzonia (2003), Il Monaco (2003) e American Pie – Il matrimonio (2003).

Sean William Scott
Sean William Scott in “Final Destination”

Nel 2005 partecipa al film Hazzard, diretto da Jay Chandrasekhar, ispirato all’iconia serie anni ottanta. A seguire abbiamo Southland Tales (2006), Mr Woodcock (2007), Role Models (2008), Una Carriera a Tutti i Costi (2008), Poliziotti fuori – Due Sbirri a Piede Libero (2010) e Jackass 3D (2010).

Negli ultimi anni la sua carriera cinematografica, a causa di problemi personali, ha però subito un rallentamento. Dal 2011 abbia Goon (2011), American Pie – Ancora Insieme (2012), Comic Movie (2013), Just Before I Go (2014), Goon – Last of the Enforcers (2017), Super Troopers 2 (2018), Bloodline (2018) e Already Gone (2019).

Sean William Scott curiosità

4. Forse pochi sanno che Sean, all’inizio della sua carriera, era riuscito a ottenere un provino per niente di meno che Baywatch, la famosa serie divenuta poi un vero e proprio cult televisivo. Stando a quanto dichiarato dallo stesso attore, sembra che quella stessa mattina, mentre si recava al provino, Sean fu aggredito da una gang di South Central L.A e derubato di tutto ciò che aveva, compresi camicia e scarpe.

3. Prima ancora di darsi al cinema e alla tv, nei primi anni della sua carriera, ebbe l’incredibili opportunità di lavorare con gli Aerosmith. Fu infatti scelto come comparsa per il video musicale della canzone del 1997 dal titolo Hole In My Soul.

2. Sean William Scott è un vero appassionato di doppiaggio. L’attore ha, infatti, prestato la sua voce a diversi progetti tra cui film d’animazione famosissimi come L’era Glaciale 2 – Il Disgelo (2006), L’era Glaciale 3 – L’alba dei Dinosauri (2009), L’era Glaciale 4 – Continenti alla Deriva (2012), L’era Glaciale – In Rotta di Collisione (2016) e Planet 51 (2009).

Nella saga de L’era Glaciale, l’attore doppia, nella versione originale, Crash, uno dei due pazzi opossum, amatissimi dai bambini. In Planet 51, invece, dà la voce a Skiff, un piccolo alieno verde appassionato, incredibilmente, di film sugli alieni.

Sean William Scott oggi

1. Sean è sempre stato un po’ una ‘testa calda’ e in passato il suo temperamento gli ha dato non pochi problemi. Nel 2011, ad esempio, è stato ricoverato in una struttura di recupero per far fronte a “problemi personali e di salute”. Queste sono state le motivazione divulgate dal suo agente e dal suo addetto stampa che non hanno fornito nessuna informazione aggiuntiva. Il nome della struttura dove è stato ricoverato non è mai stato rivelato ma sappiamo che un mese più tardi, dopo aver completato il suo trattamento, Sean è stato rimandato a casa.

Purtroppo oggi non si conoscono molti dettagli della sua vita privata né tantomeno della sua salute mentale e fisica. Sean è infatti poco presente sui social, non ha un account Instagram e il suo account Twitter non è aggiornato. Non ci resta che sperare di vederlo presto in tv o al cinema.

Fonte: IMDB, Throwbacks