The Amazing Spider-Man 1 e 2: quello che non avete notato nei film con Andrew Garfield

7606

Nonostante non siano esattamente i film più amati dai fan della Marvel, The Amazing Spider-Man 1 e 2 di Marc Webb con Andrew Garfield sono riusciti a inserire, in circa 5 ore di film, moltissimi riferimenti ai fumetti, dimostrando di essere in grado di fare un lavoro filologico e rispettoso del materiale originale, anche se il risultato non è stato poi tanto apprezzato. In particolare, di seguito (via Screenrant) vi elenchiamo dei dettagli dei film, easter eggs, che non avete notato e che aumenteranno la vostra stima nei confronti dei filmmaker di questi due film!

10La prefigurazione della morte di Gwen Stacy (ASM 1)

 

Nel 2012, il supervisore dell’animazione del film, David Schaub, ha suggerito ai fan di andare a rivedere le scene finali del film perché c’era un Easter Egg. All’epoca non approfondì ulteriormente perché l’indizio nascosto in quelle scene sarebbe stato uno spoiler, in un certo senso, di quello che sarebbe accaduto nel film successivo.

Guardando attentamente le scene conclusive del film, ci rendiamo conto che la scena stava prefigurando la morte di Gwen Stacy. Nella sequenza finale, dopo che Spider-Man si è lanciato dalla gru, l’inquadratura rallenta. Qui, gli spettatori possono vedere il George Washington Bridge. Alcuni fan potrebbero non essere consapevoli del suo significato, ma si tratta del luogo dove Gwen Stacy muore, nei fumetti.

Indietro