Thor: la scienza dentro ai film con Chris Hemsworth

Il confine tra scienza e magia una volta era molto sottile, adesso invece sulla Terra le due realtà sono nettamente separate, ma non ad Asgard, dove si fondono e si confondono...

967

Il personaggio di Thor e i film che lo raccontano sono basati sicuramente sulla mitologia nordica, ma, dato il rapporto speciale del dio del tuono con la dottoressa Jane Foster, comprendono anche una percentuale di terminologia scientifica che, molto più di quanto possiamo immaginare, è accurata e realistica. Il film del 2011, in particolare, ha raccontato l’incontro tra Thor e Jane e lo scontro tra ciò che può essere considerato magia e cosa scienza da parte di un dio nordico che vive in un mondo, Asgard, in cui le due cose si fondono.

Di seguito, infatti, troviamo una serie di elementi presenti nel primi due film di Thor che potrebbero essere realistici e avere uno spazio nell’ambito scientifico.

10Ponte Einstein-Rosen

 

Jane Foster convince il suo collega, il dottor Erik Selvig, che lo strano evento accaduto nel New Mexico era un ponte Einstein-Rosen. Nel film, il ponte si chiama Bifrost, un ponte arcobaleno che collega Asgard agli altri regni.

In parole povere, il ponte Einstein-Rosen è un wormhole. I fisici Albert Einstein e Nathan Rosen collaborarono nel 1935 e proposero l’idea usando la teoria della relatività. Credono nell’esistenza dei ponti attraverso lo spazio-tempo. Questi wormhole possono teoricamente trasportare un oggetto da due punti diversi nello spazio, senza tenere conto del tempo e della distanza.

Indietro