Eva Mendes

A guardarla non ci crederesti mai che da piccola – forse complice l’educazione cattolica che ha ricevuto – la caliente Eva De Reyes Mendes aspirasse a fare la suora, salvo poi mettersi studiare marketing alla California State University e mollare tutto per tentare la strada della recitazione.

[nggallery id=369]

eva-mendes-In realtà, la ragazza comincia con dei videoclip (tra gli altri, Aerosmith e Will Smith – in Miami – che poi ritroverà nel film Hitch) e con qualche particina di contorno in una manciata di pellicole alla fine degli anni Novanta, ma per il debutto quello vero si deve aspettare Training Day (2001), dove la señorita mette subito la merce sul bancone, sfoggiando un bel nudo integrale e non se ne parla più. Strano che Maxim la metta solo al 7° posto nella classifica delle più hot del 2006, facendola retrocedere addirittura all’ 11° nel 2010.

Menomale che ci hanno pensato quelli di AskMen.com a renderle merito, piazzandola in pole position fra le più desiderate del 2009. Sarebbe stato un peccato sprecare cotanta carrozzeria, no? Restando in tema automobilistico, ritroviamo Miss Mendes in 2 Fast 2 Furious (2003) e in un altro paio di progetti molto action, come C’era una volta in Messico e Out of Time (dove collabora di nuovo con Denzel Washington, suo partner in Training Day), ma anche in un paio di commediole sentimentali, che condividono titoli italiani abbastanza discutibili, vedi Hitch – Lui sì che capisce le donne e Uomini & donne – Tutti dovrebbero venire… almeno una volta!. Negli anni successivi la Mendes continua ad alternare storie più maschili – Ghost Rider, I padroni della notte, Il cattivo tenente – a titoli più squisitamente femminili – Molto incinta, The Women, Last Night – per poi tornare a riscaldare i motori di Fast & Furious 5 (in un cameo non accreditato), e anche in Holy Motors. Siamo quindi al 2011, anno di Come un tuono, che la vede recitare al fianco del neo sex-symbol Ryan Gosling. Sarà che sono entrambi belli, famosi & single, sarà che con quel titolo il colpo di fulmine è pressoché inevitabile, ma tra i due scoppia la scintilla e la relazione regge bene, almeno fino allo scorso Natale, quando comincia a circolare la voce di una rottura, pare per divergenze ‘di opinione’, ovvero: lei amante del glamour hollywoodiano e poco incline a diventare mamma, lui più pantofolaio e desideroso di farsi una famiglia. Solo che qualche giorno fa Ryan è stato avvistato a casa di lei con un bel sorriso stampato in faccia, e vai a sapere cosa stanno combinando. Vedremo. Anche perché fra non molto dovranno comunque ricongiungersi e fare buon viso a cattivo gioco per promuovere il primo film da regista di Gosling, How to Catch a Monster, in cui il giovanotto ha visto bene di infilare pure la sua amata. Non che Eva avesse bisogno di lavorare, intendiamoci. Modella super-richiesta, ha fatto da testimonial alla qualsiasi:  dai gelati Magnum, ai cosmetici Revlon; dalla lingerie di Calvin Klein (e il profumo Obsession, il cui spot è stato  addirittura censurato nei puritanissimi USA perché la fanciulla appariva senza veli e si profondeva in movenze fin troppo erotiche) alle scarpe Reebok; dall’aperitivo Campari allo shampoo Pantene. Non contenta, Eva si è messa pure a disegnare arredi e accessori per la casa e, quando le avanza un po’ di tempo, la bonita canta (ha collaborato anche con Cee Lo Green).

Con Ryan o senza, è giunto il momento di festeggiare i 40 anni della signora. Sì, avete capito bene: sono 40 candeline. Il tempo per lei sembra essersi fermato, ma noi non indugeremo oltre. HAPPY BIRTHDAY EVA!

 
Articolo precedente300 – L’alba di un impero: recensione del film
Articolo successivoInto Darkness – Star Trek: Zoe Saldana balla con i Klingon
Giovane, carina e disoccupata (sta a voi trovare l'intruso). E' la prova vivente che conoscere a memoria Dirty Dancing non esclude conoscere a memoria Kill Bill, tutti e due i Volumi. Tanto che sulla vendetta di Tarantino ci ha scritto la tesi (110 e lode). Alla laurea in Scienze della Comunicazione seguono due master in traduzione per il cinema. Lettrice appassionata e spettatrice incallita: toglietele tutto ma non il cinematografo. E le serie tv. Fra le esperienze lavorative, 6 anni da assistente alla regia in fiction e serie per la televisione (avete presente la Guzzantina in Boris?). Sul set ha imparato che seguire gli attori è come fare la babysitter. Ma se le capita fra le mani Ryan Gosling...