Hellboy film

Hellboy è il film del 2004 diretto da Guillermo del Toro e con protagonisti Ron Perlman, John Hurt, Selma Blair, Doug Jones e Rupert Evans.

 
  • Anno: 2004
  • Regia: Guillermo Del Toro
  • Cast: Ron Perlman, John Hurt, Selma Blair, Doug Jones, Rupert Evans

La trama di Hellboy

Durante la Seconda guerra mondiale, su un’isoletta della Scozia, i servizi segreti nazisti stanno svolgendo un rito magico chiamato “Ragnarok”, condotto dal loro alleato russo: il malvagio stregone Rasputin; il quale riesce ad aprire un portale verso l’aldilà. Un blitz degli Alleati pone fine al loro rituale e Rasputin viene risucchiato nel portale; mentre i suoi due servitori – la bella Ilsa e l’uomo meccanico Karl Ruprecht “Kroenen” – scompaiono misteriosamente. Dal portale però viene fuori un cucciolo di colore rosso, simile a un diavoletto. Alla fine della missione, i soldati battezzano l’essere con il nome di Hellboy e il giovane scenziato Trevor Bruttenholm se ne prende cura.

Hellboy, tra cinecomics e film d’autore

L’Analisi di Hellboy: Chi lo ha detto che un coraggioso eroe debba per forza essere impersonato da un sex-symbol? Guillermo del Toro – apprezzato regista, sceneggiatore e produttore cinematografico messicano del genere Fantasy e Horror – sovverte questa regola cinematografica non scritta con Hellboy, film fantasy del 2004, che ha come protagonista uno strano omaccione rosso, calvo, con tanto di basettoni, che somiglia a una brutta copia di un diavolo pieno di muscoli. In realtà il film si ispira all’omonimo fumetto di Mike Mignola, una serie indipendente della Dark Horse Comics divenuta un vero e proprio fenomeno cult. Del Toro non è nuovo a film del genere, spesso aventi una precisa collocazione storica, caratteristica che li rende ancor più affascinanti e inverosimili. Oltre alla connotazione storica, nelle sue pellicole ritroviamo sovente elementi non sempre comuni nel cinema e alquanto inusuali, quali gli insetti e i meccanismi ad orologeria.

HellboyHellboy si attiene fedelmente al fumetto: il protagonista, che da anche il nome al film, è appunto Hellboy, un essere giunto da un altro pianeta che come detto fisicamente ricorda vagamente un diavolo per le sue corna segate sulla fronte e il colore rosso della pelle. A dargli il volto è l’instancabile attore americano Ron Perlman, attivo anche come sceneggiatore. Un eroe sgangherato e anticonvenzionale, che ricorda anche vagamente La Cosa nei Fantastici 4. Da segnalare nel cast anche la presenza di John Hurt, nei panni di Trevor “Broom” Bruttenholm, colui che lo alleverà a riparo dal mondo esterno.

Hellboy è un ben riuscito mix di azione, fantasy, ironia e fantascienza, un preparato lungo due ore di effetti speciali suggestivi e protagonisti talvolta buffi ben caratterizzati. A fare il resto la stupenda Praga che fa da palcoscenico e le ambientazioni sempre scure e tetre. Nominato a 4 Saturn Award nel 2005, ha vinto quello per il miglior trucco, classificatosi all’undicesimo posto tra i film più visti del 2005. Quanto agli incassi, il film è costato 66 milioni di dollari, incassandone complessivamente quasi cento. Ha avuto anche un seguito: Hellboy – the golden army, uscito nel 2008.