The Acolyte – La seguace: la mossa più sovversiva avviene nei primi sette minuti

-

Dire che The Acolyte – La seguace si apre con il botto è un eufemismo. Dopo che il materiale promozionale della nuova serie di Disney+ dedicata a Star Wars ha sottolineato la presenza di Carrie-Anne Moss nel ruolo della Maestra Jedi Indara (una frase che ha riempito i fan di gioia), la creatrice e showrunner Leslye Headland ha fatto una mossa veloce uccidendo il personaggio della Moss a meno di sette minuti dalla prima.

Nessuna strategia di marketing è estranea all’idea di amplificare eccessivamente la presenza di un personaggio preferito dai fan; se qualcosa aumenta l’interesse del pubblico, è un lavoro ben fatto. Tuttavia, Moss è un colpo di casting riconosciuto a livello internazionale e multigenerazionale, tanto da rendere la rapida fine di Indara uno shock.

La mossa astuta – il piano di Headland fin dall’inizio – è superbamente efficace in molteplici contesti. La perdita di un personaggio promosso prima dei titoli di testa sovverte le norme di Star Wars, stabilisce una tensione elevata per un’epoca mai vista prima e racconta una storia non detta attraverso l’eredità cinematografica di Moss.

Carrie-Anne Moss porta i suoi punti di forza in “The Acolyte

The Acolyte: La Seguace jedi master indara carrie-anne Moss

Prima della première di The Acolyte – La seguace, Leslye Headland aveva anticipato che Indara era “molto ispirata a Trinity“. Per un personaggio la cui morte dà il via al mistero della serie, la Headland aveva bisogno di “qualcuno che entrasse in scena e ti facesse subito pensare: “Oh, questa è la Jedi più potente nella stanza“”.

Queste caratteristiche sono evidenti nel momento in cui Carrie-Anne Moss gira la testa per guardare Mae (Amandla Stenberg) in un bar affollato. The Acolyte si svolge alla fine dell’era dell’Alta Repubblica, circa un secolo prima dell’ascesa dell’Impero e quando i Jedi sono al massimo della loro potenza.

Naturalmente, qualsiasi Jedi dell’Alta Repubblica ha un portamento più elegante rispetto alla media degli utenti della Forza dell’era Skywalker. Anche se hanno subito grandi perdite in passato, manovrano la galassia con facilità. L’esperienza, sia addestrata che vissuta, va di pari passo con la spada laser.

Tuttavia, a differenza del troppo impaziente e pronto alla battaglia Yord (Charlie Barnett), l’Indara di Moss irradia le qualità a cui ogni Jedi dovrebbe aspirare e che troppi mancano al bersaglio. Tra la bravura di Moss e le implicazioni culturali del suo casting, traiamo delle ipotesi su Indara. Moss incarna queste aspettative. C’è una nobiltà nel suo portamento, una saggezza nella sua presenza e una forza studiatamente impiegata in ogni movimento. La consapevolezza di Indara si fa sentire quando Mae si avvicina.

Jedi Master Indara e Mae The Acolyte

Anche se rifiuta gentilmente la sfida a duello di Mae, rispetta questa donna e capisce che le sue motivazioni devono essere prese sul serio. I compagni di tavolo di Indara che ridono divertiti per qualcuno che vuole battersi con lei la dicono lunga sulla sua reputazione, ma anche il Maestro Jedi che li tranquillizza con un piccolo gesto. Moss conferisce a Indara gravità, il peso di una lunga vita trascorsa in sintonia con la volontà della Forza.

Mentre Mae istiga una rissa da bar, Indara si alza lentamente, tenendo gli occhi vigili fissi sulla sua aspirante avversaria. Interviene solo quando è chiaro che gli avventori non hanno scampo: Mae sta vincendo spietatamente questa rissa. Fermare i conflitti è il ruolo di Indara come custode della pace galattica, e gli innocenti sono in pericolo. Tuttavia, non si abbatte. Evade gli attacchi di Mae e i movimenti sono fluidi come una danza conosciuta. La sua silenziosa fermezza è in contrasto con lo sforzo di tutto il corpo e il respiro pesante di Mae.

Sebbene le abilità di Indara nel Force-fu siano comode (dopotutto stiamo parlando di Trinità), affidarsi a tecniche di combattimento diverse amplia il mondo di Star Wars. I Jedi dell’Alta Repubblica dovrebbero utilizzare la Forza con una maggiore affinità e creatività. E, francamente, Indara che si mette di traverso alle acrobazie di Mae è visivamente soddisfacente. L’atmosfera di The Acolyte è riconoscibile come Star Wars e offre qualcosa di diverso in un franchise pieno di spade laser che cercano di sostituire sceneggiature mediocri.

Indara è imperfetta ma nobile in The Acolyte

Una volta che Indara riconosce Mae come una minaccia legittima (un talentuoso utilizzatore della Forza addestrato al di fuori dell’Ordine Jedi ha implicazioni preoccupanti), passa all’offensiva. Il suo sguardo si affila, passando da mediatrice a guardiana che dispensa misure preventive.

Moss porta con sé oltre vent’anni di competenza nel cambiamento, anche quando le azioni di Indara continuano a deviare il bombardamento di Mae, senza istigare il suo. La sua sorpresa è grave quando vede il volto di Mae, ma tranquilla; Moss ha stabilito che sotto la superficie calma di Indara c’è un’intensità ma non un temperamento focoso. La sua reazione lascia spazio alla domanda se, come tutti gli altri, Indara scambi Mae per la sorella gemella Osha, o se la Maestra Jedi si senta sospettosa.

In ogni caso, poiché Indara era una delle Jedi di stanza sul pianeta natale di Mae e Osha, le cose sono diventate personali. Un fantasma del passato di Indara è tornato a perseguitarla, un fantasma che si trattiene dal leggere nella mente quando Mae distoglie la testa dalla mano di Indara che si avvicina. Per Indara, le risposte non valgono la pena di ignorare il mancato consenso di Mae. È un piccolo momento con una sostanza tematica più grande. Altri Jedi nella sua posizione non esiterebbero a invadere la mente di Mae.

Indara di The Acolyte è la Jedi perfetta

The Acolyte Indara

Il fatto che Indara accenda la sua spada laser solo quando è costretta a farlo mina le critiche di Mae ai Jedi, almeno a questo particolare Jedi. Indara e il Maestro Sol (Lee Jung-jae) sono paralleli arroganti e miopi, che danno valore alle apparenze e alla moneta politica, o che desiderano risolvere i problemi con le loro armi. Poiché i primi apprezzano l’empatia e la diplomazia, rappresentano i veri principi dell’Ordine.

Anche se Indara si avvicina a Mae disarmata e con l’arma spianata, non riesce a sopraffare la donna più giovane. Il suo avvertimento si trasforma in un consiglio e in una supplica: una Maestra Jedi non è degna del suo titolo se le va bene che la sua mano sia costretta a una violenza letale. Mae sibila:

Una Jedi non estrae la sua arma se non è pronta a uccidere” e Indara abbassa l’arma d’elite. Messa alla prova con le sue responsabilità giurate, abbassa la guardia.

L’istinto di protezione degli innocenti fa sì che Indara venga uccisa. Mae gioca sporco e sfrutta le caratteristiche migliori di Indara lanciando un pugnale contro l’innocente barista. Prima di questo episodio, Indara aveva stabilito le sue priorità impedendo a una ragazza che cadeva di colpire il pavimento. Ora, con un atto di auto-sacrificio, si prende un pugnale nel cuore. Sebbene sia spaventata e in preda al rimorso (per cosa, non lo sappiamo ancora e potremmo non scoprirlo), salvando il barista, ha fatto la scelta attiva di esporsi.

La Maestra Jedi Indara muore come un eroe doveroso, emblema dello scopo dell’Ordine. Grazie alla precisa interpretazione di Carrie-Anne Moss, è anche una guerriera umana. Indara mostra difetti e una storia, non solo una collezione di riconoscimenti da “vera Jedi”.

Carrie-Anne Moss è perfetta per The Acolyte

Carrie-Anne Moss The Acolyte

Poiché la morte di Indara rappresenta l’evento chiave di The Acolyte, la posta in gioco non è mai stata così alta per una serie di Star Wars. Uno dei tropi preferiti del franchise sono le morti drammatiche, ma mai così rapidamente. Se riescono a far fuori Carrie-Anne Moss, il nome più riconoscibile della serie, le scommesse sono chiuse.

Non solo muore un Jedi prima dei titoli di testa, ma è il Jedi della Moss: quello che alcuni fan erano più ansiosi di vedere. La sua perdita è la versione di Star Wars del trucco di Scream con Drew Barrymore. Dopo Indara, nessun personaggio dell’Accolito è al sicuro, né lo sono i valori fatiscenti che i Jedi si sforzano di sostenere.

Leslye Headland ha cercato una reazione del tipo “le cose sono cambiate“. “Ho pensato che [la morte di Indara] fosse un buon tono per lo show“, ha detto a Variety. “Mostra che i Jedi subiranno delle perdite e che i buoni e i cattivi non sono sempre quelli che si pensa che siano“. L’Accolito spruzza questa introspezione in tutte le due parti della première. Finora, la serie ha prefigurato la caduta dei Jedi esplorando sia le persone imperfette all’interno dell’Ordine sia il modo in cui l’istituzione si compromette.

Da parte sua, la Moss è stata conquistata dalla visione di Headland e ha apprezzato il suo tempo limitato nella serie. Ha dichiarato a Empire: “Nella mia anima e nel mio spirito, interpretare questo Maestro Jedi e allenarmi per la lotta è stata un’esperienza straordinaria”. Anche se la Moss ha avuto poco tempo per esercitarsi nello scontro con Amandla Stenberg, non sorprende che la sempre accattivante Moss lo faccia sembrare senza sforzo, intimidatorio e tragico.

La presenza dell’attrice potrebbe durare solo sette minuti (senza contare le scene di flashback anticipate dai trailer), ma l’enorme effetto a catena di The Acolyte parla a Moss quanto a Indara. La scena d’apertura è un gioco d’azzardo che combina il suo talento, le nostre associazioni con lei e le nostre aspettative sul canone di Star Wars.

È una tripletta che pochi, a parte Moss, avrebbero potuto realizzare con l’impatto necessario. The Acolyte non si compromette affidandosi al cameo di un famoso interprete. La Moss infonde una vita straordinaria al suo personaggio, amplificando i pochi momenti in cui una Trinity più vecchia, matura e saggia brandisce una spada laser verde in qualcosa da cui è impossibile distogliere lo sguardo.

I nuovi episodi di The Acolyte sono disponibili in streaming il martedì su Disney+.

Iscriviti a Disney+ per guardare le più belle storie di Star Wars e molto altro. Dove vuoi, quando vuoi.

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -

IN EVIDENZA

ALTRE STORIE

- Pubblicità -