Un uomo vero, la spiegazione del finale: chi vince la lotta per il potere?

Le tre storie di Un uomo vero chiudono il cerchio in un finale selvaggio.

-

“Quando morirai, la gente se ne accorgerà?”. Jeff Daniels pone proprio questa domanda all’inizio della serie limitata di Netflix Un uomo vero. Dopo sei episodi caratterizzati da un’implacabile avidità aziendale e da troppi riferimenti fallici, il finale selvaggio e ridicolo non dovrebbe essere una sorpresa. Eppure, è probabile che tutti noi abbiamo premuto il tasto rewind per fare il punto su ciò che è realmente accaduto. Liberamente basato sull’omonimo romanzo del 1998, Un uomo tutto d’un pezzo reimmagina l’ambiente sociale di Atlanta della fine degli anni ’90 e lo traduce nel mondo moderno, seguendo l’egoista, brutale e ricco agente immobiliare Charlie Croker (Jeff Daniels). Ci sono tre storie principali, due delle quali sono irrimediabilmente intrecciate l’una con l’altra e l’altra sta goffamente in piedi da sola.

L’arco caratteriale di Croker rimane in primo piano, in quanto cerca ostinatamente di rimanere risoluto nei suoi modi bellicosi, pur risultando in qualche modo simpatico con la sua grintosa determinazione e i suoi valori familiari distorti. Non sospetta mai che la sua fine avverrà per mano di Raymond Peepgrass (Tom Pelphrey), che è essenzialmente un signor nessuno agli occhi di Croker, ma ironicamente i due diventano l’uno il riflesso dell’altro. La serie Un uomo vero è incentrata sulle lotte di potere, siano esse finanziarie, politiche, razziali o di genere, ma con una portata così ampia, si addentra solo nell’avidità aziendale. E per completare il commento sociale, il creatore David E. Kelley offre un finale stridente che è difficile non notare.

Charlie Croker ottiene la redenzione in Un uomo vero?

Nel corso di Un uomo vero, Croker cerca disperatamente di mettere al sicuro le sue finanze dopo un grave litigio con la sua banca. Essendo indebitato per miliardi di dollari, cerca di convincere la banca a piegarsi, si procura investitori angelici con mezzi discutibili e accetta accordi corrotti con i sindaci. Il sindaco Wes Jordan (William Jackson Harper) chiede a Croker di denunciare la vittima di violenza sessuale del suo avversario elettorale, anche se la donna non acconsente a rendere pubbliche le informazioni. Croker usa i suoi soliti metodi per imporre brutalmente il suo consenso, nascondendo le sue motivazioni egoistiche dietro un onorevole programma sociale e poi semplicemente assecondando il piano nonostante i numerosi avvertimenti dell’ex moglie e del figlio.

Tuttavia, è il figlio a impedirgli di andare avanti. Il suo desiderio di avere un rapporto stretto con Wally (Evan Roe) è forse l’unica qualità redentrice di Croker. In un momento di stordimento sul palco, davanti ai flash delle telecamere durante una conferenza stampa, Croker riflette momentaneamente sul suo comportamento e decide di fare la scelta etica di diventare un modello migliore per suo figlio, ottenendo un commovente “Sono orgoglioso di te” da parte di Wally. Sebbene questo possa sembrare un improvviso culmine di auto-riflessione dopo aver affrontato per giorni le conseguenze delle sue decisioni avventate e della sua sfrenata ambizione, la cultura atlantica dell’avidità aziendale e il suo opprimente senso di mascolinità tradizionale lo riportano in spirale allo scontro e alla violenza.

Dopo aver appreso che Peepgrass sta per acquistare il suo prezioso trofeo immobiliare, il Concourse, e che va a letto con la sua ex moglie, stringe bruscamente le sue dita carnose intorno al collo di Peepgrass. Sebbene sembri che alla fine voglia mollare la presa, la mano gli si blocca a causa di una condizione medica per la quale si rifiuta di ottenere una diagnosi, e ha un attacco di cuore che porta alla morte di entrambi. Come Croker cade lentamente a terra, anche le lettere di A Man in Full nella scena del titolo crollano gradualmente in ogni episodio successivo. La sequenza del titolo non è l’unico simbolo della caduta di Croker sotto la sua arroganza, poiché la sua salute in declino rappresenta anche la sua crescente debolezza nei confronti delle proprie ambizioni. La serie si chiude con il ginocchio meccanico di Croker che frulla, mentre la sua ultima pretesa di recuperare la forza, la virilità e la ricchezza si trasforma in definitiva nei suoi stessi fallimenti.

Perché Raymond Peepgrass odia Charlie Croker in “Un uomo vero?

Nel frattempo, Peepgrass organizza la caduta di Croker in un’incessante ricerca di vendetta e odio proprio sotto il suo naso. Peepgrass si associa con un uomo offeso da Charlie per acquistare la maggioranza del Concourse attraverso una società chiamata “Big Red Dog LLC”. Certo, l’unica connotazione che deriva da questo nome è Clifford the Big Red Dog, ma con l’abbondanza di riferimenti fallici, non dovrebbe sorprendere cosa Croker intendesse quando dice “fate uscire il Big Red Dog”. Ed è esattamente quello che Peepgrass fa alla fine, letteralmente, lasciando uscire la sua merce. Il confronto tra Peepgrass e Croker è l’incarnazione letterale di una gara di cazzeggio. Vantandosi dei suoi successi nell’acquisizione della preziosa proprietà di Croker e usando al contempo il suo genuino affetto per l’ex moglie di Croker, Martha (Diane Lane), come ulteriori munizioni, Peepgrass si risolleva finalmente dal diventare un signor nessuno.

Le storie di Peepgrass e Croker sono essenzialmente due facce della stessa enorme medaglia. Mentre Croker si preoccupa di garantire la sua ricchezza, Peepgrass cerca di acquisirla. Impara rapidamente il modello corrotto dell’avidità e dell’ambizione aziendale e, spinto dalla sua ex amante, confonde le linee etiche per raggiungere i suoi obiettivi. Anche la sua immagine di sé è radicata in Croker, poiché descrive la sua ammirazione e invidia per la crescita di Croker, che alimenta così il suo desiderio di abbatterlo. La forza della sua posizione umile, tuttavia, sta nel fatto che Croker non ha mai saputo di essere impegnato in una lotta di potere con lui. Come il momentaneo successo di Croker con la sua famiglia, sembra che anche Peepgrass stia per raggiungere la sua vendetta personale. Tuttavia, quando entrambi gli ambiziosi uomini cadono, la telecamera torna su Croker mentre Peepgrass viene portato via di nascosto in un sacco per cadaveri. Anche dopo tutti i suoi sforzi, muore da nullatenente, lasciando entrambi gli uomini con una perdita in questa lotta per il potere.

Conrad e Roger White affrontano la brutalità della polizia in Un uomo vero.

Conrad e roger in Un uomo vero

Come Croker ha in parte ammesso, gli piace nascondere la sua avidità dietro la facciata di onorevoli membri del personale, il che ci porta all’avvocato aziendale Roger White (Aml Ameen) e alla receptionist Jill (Chante Adams). Con il marito di Jill in prigione per aver aggredito un agente di polizia dopo che quest’ultimo era stato violento nei suoi confronti, Roger decide di difenderlo nonostante non abbia familiarità con il diritto penale. Dopo giorni passati a capire come sopravvivere in una prigione riservata ai detenuti più violenti, Conrad (Jon Michael Hill) finisce per aggredire un altro detenuto per legittima difesa, danneggiando ulteriormente il suo caso. Questa trama si adatta all’ambiente sociale e razziale più moderno, riecheggiando le ingiustizie contro George Floyd e i riflettori puntati sulle pratiche di brutalità della polizia. Si rifà anche al razzismo che era prevalente nella Georgia della fine degli anni ’90, evidenziando l’enorme divario tra le popolazioni divise.

Detto questo, il processo in tribunale è stato probabilmente chiuso in modo troppo netto. Nella piccola aula di tribunale riecheggiano le urla e il caos del filmato in cui Conrad viene arrestato con violenza e poi reagisce. Roger usa un discorso emotivo e un riferimento a una vecchia citazione legale per dimostrare al di là di ogni ragionevole dubbio che Conrad è innocente. Quando il giudice, che in precedenza aveva fatto commenti razzisti, improvvisamente prende coscienza e si pronuncia a favore di Conrad, c’è un breve momento di incredulità da parte dell’aula e da parte nostra. Se solo fosse così facile. È ridicolo come il finale di Peepgrass e Croker, ma è il più piacevole.

Lucy Liu ha una sottotrama poco sviluppata in Un uomo vero

Un uomo vero lucy liu

C’è anche una sottotrama intrigante ma gravemente sottosviluppata che riguarda la violenza sessuale di Joyce (Lucy Liu). Nonostante lo scarso tempo a disposizione in questi sei episodi, l’interpretazione di Lucy Liu è naturalmente così avvincente che è deludente che questa storia non sia stata sviluppata al massimo delle sue potenzialità. Scopriamo che l’identità della vittima della violenza sessuale dell’avversario del sindaco non era altro che la potente e affascinante Joyce. Tuttavia, con la sua carriera e la sua reputazione a rischio, la donna si rifiuta di collaborare con Crocker. In una scena successiva con Martha, Joyce rivela anche che fatica a ricordare se quella notte di 20 anni fa aveva o non aveva acconsentito. Mentre il suo dialogo è indifferente e sulla difensiva, la sua postura e la sua espressione trasmettono confusione, vergogna e dolore.

Liu cattura abilmente l’esperienza di molte donne che hanno subito violenza sessuale in una sola scena, lasciando intendere una trama potenzialmente potente. Con le sue allusioni al movimento #MeToo, in cui molte donne e uomini si sono fatti avanti per le loro esperienze di violenza sessuale, lo spettacolo mostra anche il diritto di una persona di scegliere di non parlare. La scena finale di questa sottotrama è lo sguardo di sollievo di Joyce quando vede Croker decidere di non denunciarla. Questo complica ulteriormente i temi, poiché sebbene la scelta di parlare della propria esperienza sia lasciata nelle sue mani, è stata fatta grazie alla decisione di un uomo potente. Tuttavia, la storia sfiora appena la superficie di questi temi, lasciandoci con vaghe nozioni di uguaglianza di genere e una trama la cui integrità è minata dall’essere usata solo per facilitare lo sviluppo del personaggio di Crocker.

Il finale scioccante di Un uomo vero è abbastanza potente?

Un uomo vero finale

Se il creatore Kelly voleva ottenere una reazione da parte nostra, questo finale sconcertante e ridicolo era certamente il modo giusto per farlo. Uccidere sia Peepgrass che Croker, soprattutto in questo modo, è qualcosa che non avremmo potuto prevedere. Nella vita reale, gli uomini potenti e avidi delle aziende tendono a rimanere in giro molto più a lungo di quanto vorremmo. Quindi, forse, lasciarli vivi e in guerra si adatterebbe meglio al modello realistico in cui opera la serie e ci lascerebbe anche un messaggio molto più potente. Con il finale troppo soddisfacente di Conrad e quello insoddisfacente di Joyce, probabilmente ne meritavamo almeno uno ragionevole.

Il finale che abbiamo ottenuto, invece, conferisce un tono più moralista al finale, in quanto i cattivi incontrano entrambi la loro giusta fine. La cosa più potente del finale è la grande dimostrazione di pura vulnerabilità. Sebbene la nudità di Peepgrass sia presentata come una dimostrazione di forza, con tutte le sue carte in tavola, è anche l’apice della vulnerabilità. Allo stesso modo, la condizione medica di Croker appare in tutta la sua forza, portando al ridicolo, anche se memorabile, aggrapparsi e barcollare della sua morte un po’ patetica. Quindi, Croker, per rispondere alla tua domanda iniziale, la gente di Atlanta potrà ricordarti come un magnate parzialmente redento o come un uomo d’affari senza cuore e con una sola mente (a seconda di chi lo chiede), ma noi ricorderemo sempre le luride circostanze della tua morte.

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

The Bikeriders backstage

The Bikeriders: Jeff Nichols e Austin Bulter raccontano il film

Uomini duri e incapaci di guardarsi dentro, raccontati dal punto di vista di una delle loro donne, mentre sullo sfondo si srotola il più...
- Pubblicità -