Shōgun: il costumista svela la creazione di 2.300 costumi e analizza i look dei personaggi chiave

Shōgun costumi
Credit FX/Disney

Il costumista della serie evento Shōgun Carlos Rosario ha svelato di aver creato circa 2.300 costumi per la serie limitata FX composta da 10 episodi.

 

È stato un evento enorme. È stato uno spettacolo enorme e una troupe enorme. C’erano consulenti sul set che controllavano ogni giorno per assicurarsi che la vestizione di ogni costume fosse accurata per ogni scena”, ha detto Rosario a Variety.

Shōgun segue Yoshii Toranaga (Hiroyuki Sanada) nella sua ricerca per diventare lo shōgun, il leader militare della nazione, affiancato dalla sua traduttrice Lady Mariko (Anna Sawai) e dall’alleato inglese John Blackthorne (Cosmo Jarvis). Poiché la serie è ambientata nel Giappone del 1600, Rosario aveva fonti primarie limitate da studiare. Dopo aver visitato tutti i siti web e i musei che contenevano pezzi giapponesi di quel periodo, ha detto che ciò che lo ha aiutato di più è stato studiare i dipinti del 1600 e chiacchierare con gli storici.

Poiché la serie è radicata nella storia, Carlos Rosario ha potuto trarre ispirazione dalle controparti della vita reale dei personaggi. Ad esempio, ha disegnato il primo costume in cui Lady Ochiba (Fumi Nikaido) appare sulla base di un dipinto della “Lady Ochiba di quel periodo“.

Iscriviti a Disney+ per guardare Shōgun e molto altro. Dove vuoi, quando vuoi.

Quella è stata la prima volta che ho usato un dipinto per creare uno dei miei costumi“, ha detto. “All’inizio dell’episodio 2, nel flashback, vediamo Lady Ochiba per la prima volta e indossa questo bellissimo uchikake che abbiamo realizzato da zero. Tutti questi diversi strati – lei ne indossa sei o sette – sono in realtà tutti basati su quel dipinto. Abbiamo studiato i motivi di quel dipinto, gli strati di quel dipinto, il significato di quei motivi e poi abbiamo riprodotto quel costume”.

Tuttavia, oltre a fare affidamento sulla ricerca storica, Carlos Rosario ha dovuto anche catturare gli archi narrativi dei personaggi: “Avevo bisogno di leggere le 10 sceneggiature tutte in una volta per comprendere il loro viaggio“. Dopo aver letto le sceneggiature, Rosario ha detto di aver colto la trama e il colore che doveva incorporare. Ha descritto gli abiti di quel periodo come “canaglia” e “connessi con la natura”, cosa che lo ha ispirato a realizzare costumi “molto dettagliati, molto materici”.

Per quanto riguarda il colore, Carlos Rosario ha detto che quello era l’aspetto più importante nel design dei costumi dello show. Sia nel romanzo che nella sceneggiatura, l’esercito di Ishido (Takehiro Hira) è descritto come l’esercito grigio, mentre quello di Toranaga è descritto come l’esercito marrone. Sebbene indossare un colore uniforme non fosse storicamente accurato, Rosario ha detto che disegnare i costumi dell’esercito in quei rispettivi colori è stata la chiave della narrazione.

Hai così tanti personaggi diversi che avrei preso così tante direzioni diverse per ognuno in termini di tavolozza dei colori. Sarebbe stato davvero difficile da capire. Sento che i colori mettono tutti i personaggi in contenitori molto specifici. È più facile per il pubblico moderno capire chi è chi all’interno delle immagini della trama“, ha detto.

Dopo aver appreso che i signori giapponesi di quel periodo volevano costantemente ostentare la loro ricchezza, Rosario fece cambiare abito a Toranaga in ogni scena del primo episodio per esibire il suo potere. “Poiché i suoi vestiti erano di rame e oro, l’idea era di farlo sembrare uno dei signori più potenti in quel momento a Osaka“, ha spiegato.

SHOGUN Mariko
Credit FX/Disney

Per quanto riguarda Mariko, Carlos Rosario ha detto che aveva bisogno di essere presentata come “senza vita” in Shōgun, indossando abiti monocromatici per rappresentare l’inverno. “La sua famiglia è stata disonorata. Da allora, ha tentato di commettere seppuku e non le è mai stato permesso. L’idea è che stesse camminando senza spirito, senza voce, senza uno scopo, senza un percorso. Avevo bisogno di rappresentarlo nei suoi costumi“, ha detto.

Ma quando trova un nuovo scopo nella vita servendo come traduttrice di Blackthorne, i suoi costumi iniziano ad evolversi con il suo personaggio: “Puoi vedere, lentamente, le camelie sbocciare sul suo costume finché non acquisisce davvero potere“.

SHOGUN Blackthorne
Credit FX/Disney

Per quanto riguarda l’evoluzione del costume di Blackthorne, Rosario afferma che la sua visione del personaggio era “molto chiara”. “Man mano che viene introdotto nella cultura giapponese, lo vediamo includere nel suo guardaroba sempre più elementi dell’abbigliamento giapponese. Restiamo molto neutrali, silenziosi e semplici perché in quella storia lui è impotente. I signori hanno il potere. Mariko ha il potere. Sono nel loro territorio. Blackthorne rimane intrappolato in tutte queste dinamiche, quindi per me era importante creare un contrasto tra lui e tutti gli altri”, ha detto.

Riflettendo sulla sua esperienza sul set, Rosario ha affermato che il livello di coinvolgimento di consulenti, storici ed esperti di Shōgun non ha precedenti: “Non ho mai lavorato a un progetto che fosse così accurato e ponesse così tanta enfasi sull’attenzione ai dettagli, per assicurarci che fossimo il più accurati e autentici possibile.

Shōgun ha debuttato il 27 febbraio sulla piattaforma streaming in Italia. La serie composta da 10 episodi arriverà con i primi due, seguiti da un nuovo episodio ogni settimana.

- Pubblicità -