The Last of Us
- Pubblicità -

Nell’universo di The Last of Us, le persone vengono infettate dal fungo cordyceps inalando spore trasportate dall’aria. Tuttavia, questo non sarà la diffusione del virus nella serie HBO Max, poiché l’infezione si diffonderà in un altro modo: i viticci. In botanica i viticci o cirri, nelle piante rampicanti angiosperme, sono organi di attacco o sostegno; si tratta di grappoli o di infiorescenze modificate che permettono alla pianta di aggrapparsi nelle altre piante o a sostegni vari.

 
 

 I co-creatori della serie The Last of Us, Craig Mazin e Neil Druckmann hanno spiegato il cambiamento in un’intervista a ColliderDruckmann ha parlato di come hanno deciso all’inizio di non voler usare maschere antigas nella serie. Ciò ha poi portato a conversazioni su come reinventare il fungo per adattarsi meglio a questo nuovo mezzo. “Alla fine, quelle conversazioni [sul non usare maschere antigas] ci hanno portato a questi viticci“, ha detto Druckmann. “E poi, solo pensando a come avviene un contagio, che avviene da un infetto all’altro, e come fa il fungo, potrebbe diventare una rete interconnessa. È diventato molto spaventoso pensare che stiano tutti lavorando contro di noi in questo modo unificato, che era un concetto che mi è piaciuto molto, che è stato sviluppato nello show.

Druckmann non ha spiegato tutto sui viticci e su come funzionano esattamente, ma è stato fatto per collegare gli effetti del contagio, chiunque può essere contagiato, perché no c’è una maschera antigas a proteggere i protagonisti. Sebbene non sia chiaro se ci siano state esitazioni nel coprire i volti dell’attore con maschere antigas, Mazin ha anche affermato che i cambiamenti nello spettacolo sono stati apportati per mantenere l’attenzione su Joel ed Ellie in un modo o nell’altro.

“Dirò che c’è un personaggio del gioco che ha un punto di vista molto interessante sul fungo e la sua osservazione del Cordyceps che si collega ad alcuni dei temi più ampi su ciò di cui tratta lo spettacolo e, stranamente, che si collega a la nozione della bellezza e del potenziale pericolo dell’amore“, ha detto Mazin. “E quindi, parte di ciò che Neil e io volevamo fare era assicurarci che tutto nella nostra storia fosse ispirato dal lavoro che ha fatto sul gioco, alla fine tutto quello che si ripercuota nella serie è la relazione tra Joel ed Ellie, ed è quello che conta di più per noi”.

Dunque, la serie tv su The Last of Us sta cambiando alcuni elementi dello spettacolo e si sta espandendo su altri. Dopo aver menzionato che il COVID-19 ha reso il pubblico più esperto e saggio su come una pandemia potrebbe diffondersi, Mazin ha affermato che la serie risale a molto prima che il gioco inizi a accresce alcuni dei retroscena del mondo e dà più contesto all’epidemia.

- Pubblicità -